lunedì, Luglio 22, 2024

Contro la RBK: – malattia

Must read

Graziella Allesi
Graziella Allesi
"Pioniere della cultura pop impenitente. Piantagrane freelance. Guru del cibo. Fanatico dell'alcol. Giocatore. Esploratore. Pensatore."

Il Rosenborg ha recentemente lanciato la propria collezione “Rosenborg Senza Marchio” contenente abbigliamento e altri articoli in vendita sul sito web del club.

I prezzi hanno fatto reagire molte persone. Tra loro c’era il sostenitore della RBK Magnus Barstad.

– La mia prima reazione, come la maggior parte degli altri, è stata “Oh, qui hanno perso un po’ il prezzo.” “Era costoso”, dice Barstad a Dagbladet.

– Non ho mai visto nulla che parli di problemi finanziari in modo così forte. I prezzi peggiori. Plaudo davvero all’iniziativa, ma qui sto diventando troppo avido”, ha annunciato Barstad ai suoi 26.000 follower su X quando è stata lanciata la collezione.

Conferma: interrompe la cooperazione



Decise rapidamente di prendere in mano la situazione.

-Pensavo che avresti dovuto gestire la cosa da solo in poche ore. Sembrava relativamente semplice. C’erano continue reazioni e notizie secondo cui la gente pensava che i prezzi fossero ridicoli.

Dagbladet è stato in contatto con il direttore delle comunicazioni Jørgen Stenseth a Rosenborg. Non vuole commentare la questione.

Abbigliamento RBK: Rosenborg fa pagare poco meno di 2.000 NOK per una delle sue felpe.  Foto: RBK-shop.no screenshot

Abbigliamento RBK: Rosenborg fa pagare poco meno di 2.000 NOK per una delle sue felpe. Foto: RBK-shop.no screenshot
Mostra di più

beneficenza

La Barstad ha combattuto la partita con il Rosenborg. Ha creato il proprio negozio online, dove viene venduta la sua collezione.

“Penso che l’intera faccenda fosse un po’ ridicola, quindi è stato un po’ divertente da parte mia”, ammette.

Il denaro va alle iniziative per bambini della Croce Blu e della Croce Rossa in Norvegia.

– Come sono state le reazioni?

-Era molto buono. Esclusivamente positivo. La gente pensa che sia divertente e vuole contribuire alle iniziative di beneficenza locali, quindi il feedback è stato molto positivo, afferma Barstad.

Lui ha risposto

Il Rosenborg ha già spiegato i prezzi ad Adressa.

– Sono stati utilizzati materiali sostenibili e di alta qualità. Abbiamo preparato il nostro design e prestato grande attenzione ai dettagli. Inoltre, si è posto l’accento sulla tracciabilità e sulla sostenibilità della produzione, con, ad esempio, buone condizioni di lavoro per chi produce i vestiti, ha affermato il direttore generale della RBK Tore Björseth Berdahl. Titolo.

“Queste sono cose su cui ci siamo concentrati molto e aiutano a determinare il prezzo”, ha aggiunto.

Responsabile giornaliero: Tore Björseth Berdahl al Rosenborg.  Foto: Joachim Halvorsen/NTB

Responsabile giornaliero: Tore Björseth Berdahl al Rosenborg. Foto: Joachim Halvorsen/NTB
Mostra di più

successo

Da parte sua, dice Barstad, ha venduto più di un centinaio di capi di abbigliamento.

– Penso che sia molto bello, ride.

Non ha intenzione, né adesso né in futuro, di guadagnare con l’abbigliamento.

-Non ho interesse a fare soldi. Lo faccio su X solo perché è divertente. Non ho alcun interesse a monetizzare i miei follower quando cerchiamo di fare qualcosa di divertente insieme. “Cerco di donare in beneficenza quando posso, è solo questione di cercare di contribuire”, conclude.

READ  Il Lillestrom vince solo fuori casa

More articles

Latest article