Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Corona – isolamento in Thailandia:

– Vogliamo solo andare a casa, dice Silje Hoel Nikolic (38) a Dagbladet.

Ora è in isolamento per nove giorni in una stanza d’ospedale a Phuket, in Thailandia, con suo figlio di nove anni.

– Ci è stato detto che il bambino di nove anni sarebbe stato isolato in ospedale da solo per dieci giorni. Era scomodo lasciarlo da solo senza una nostra visita, quindi mi sono unito a lui, dice Howell Nikolic.

La famiglia di quattro persone di Vinterbro a Follo ha effettuato il test PCR quando è atterrata in Thailandia il 18 dicembre e ha dovuto mettere in quarantena nella loro camera d’albergo per 24 ore in attesa dei risultati. I test hanno mostrato che il figlio di nove anni è stato infettato dal virus Covid-19 la stessa notte.

lei era Østlandets Blad Chi ha citato il caso per la prima volta.

Esperienza dolorosa

Ha sviluppato una febbre bassa il 18 dicembre, il giorno in cui gli è stata diagnosticata l’infezione. Per il resto, non ha mostrato alcun sintomo particolare. Tuttavia, deve rimanere in ospedale per dieci giorni, dice Howell Nikolic.

La direzione norvegese della sanità ha annullato le esenzioni dalla quarantena


Racconta di uno spaventoso incontro con il personale dell’ambulanza che indossa attrezzature per il controllo delle infezioni, luci blu e regole rigide.

– È stata un’esperienza molto dolorosa. Dice che c’era anche un’operaia che ci seguiva in ospedale e lavava il pavimento dove andavamo.

Il 38enne afferma che ci è voluto molto tempo prima che sapessero cosa sarebbe successo dopo aver ottenuto il risultato del test.

– Ci è voluto del tempo e mio figlio ed io non siamo stati portati in ospedale fino al giorno successivo. Tuttavia, dobbiamo rimanere in ospedale per dieci giorni, dice.

READ  Posti rimanenti: - Non lasciarti ingannare

Alla madre e al figlio fu assegnata una stanza nell’ospedale privato e fu chiesto loro di non uscire dalla “porta grande”, ma di rimanere nel corridoio fuori dalla stanza. Allo stesso tempo, il marito e il figlio di undici anni sono stati messi in quarantena in una stanza d’albergo, secondo Howell Nikolich.

Poi l’undicenne è risultato positivo

La vigilia di Natale, padre e figlio hanno fatto un test PCR e alla vigilia di Natale è stato detto loro che anche l’undicenne aveva il coronavirus. Ora sono anche in isolamento in un’altra stanza dello stesso ospedale.

– Sono già stati isolati nella stanza d’albergo per sei giorni, ma devono rimanere in ospedale per dieci giorni, e senza dubbio possono partire un’ora prima, dice la madre.

Sosta a Gardermoen

Sosta a Gardermoen


Hoel Nikolic dice che la famiglia ha fatto tutti i preparativi che dovevano fare prima del viaggio e indica il programma “Phuket Sandbox” che renderà più facile per i turisti viaggiare in Thailandia. I viaggiatori completamente vaccinati non devono essere messi in quarantena ma devono rimanere a Phuket per almeno sette notti.

La famiglia è stata preparata per una quarantena di 24 ore presso l’hotel di quarantena approvato, e quindi ha prenotato l’intero soggiorno nel cosiddetto hotel SHA+. Il caso era che gli adulti erano completamente vaccinati, che tutti avevano test PCR negativi non più tardi di 72 ore prima della partenza e che avevano un nuovo test PCR all’arrivo.

Afferma di non aver ricevuto informazioni dalla compagnia di viaggi TUI che rischiano un isolamento di 10 giorni in ospedale se vengono infettati.

– TUI ha rinunciato a ogni responsabilità e l’ha lasciata a noi stessi. Abbiamo appreso che esiste il rischio di infezione, anche in Thailandia, ma TUI ha commercializzato quarantene negli hotel e che dovrebbero collaborare con le autorità, ha affermato.

READ  Tre hotel della Coppa del Mondo vietano agli uomini gay di entrare in Qatar - Dagsavisen

Afferma inoltre che la TUI non è stata d’aiuto dall’arrivo della famiglia in Thailandia.

– L’immagine che TUI ci ha dato di “Land of Smiles” è lontana dalla realtà. Ci siamo affidati a TUI, ma quando abbiamo ricevuto una telefonata che ci informava che il bambino di nove anni era stato contagiato, TUI ci ha detto di seguire le autorità locali. Abbiamo pensato che fosse molto difficile. Lei sostiene che siamo lasciati a noi stessi.

L’ambasciata norvegese ha anche chiesto alla famiglia di seguire le regole nel paese in cui vivono, secondo Howell Nikolic.

che schiffo: Questa famiglia thailandese di quattro persone si trova nel profondo della terra dei sogni. Poi c’è un intruso che dovrebbe disturbare il sonno notturno. Video: Cameron. Reporter: Anton Lear/Dagbladet.
Mostra di più

Adam Gyurki, Head of Communications di TUI, ha detto a Dagbladet che TUI come azienda è responsabile di prendersi cura dei suoi ospiti dal momento in cui prenotano il volo, fino al loro ritorno a casa in Norvegia.

“Ma dopo che sei risultato positivo al covid-19 in Thailandia, sono le autorità thailandesi che decidono per quanto tempo saranno in quarantena e se ti vogliono in ospedale nel frattempo”, afferma Gyurki.

TUI sarà ancora lì per i clienti nel frattempo e li aiuterà con ciò che possono, sottolinea e dice che TUI si scusa se la famiglia ritiene che l’azienda non sia stata utile attraverso la conversazione o altri modi.

– Paranoico bello

Ora si tratta di evitare dieci nuovi giorni in ospedale, dice Hoel Nikolic.

– È così terribile. All’inizio non ho dovuto infettare mio figlio perché condividiamo una stanza. È difficile mostrare attenzione a tuo figlio mentre ti allontani, dice la madre.

Alla fine, si tratta di tornare a casa in Norvegia, passare altri dieci giorni in ospedale, dice, e ammettere di essere diventata un po’ paranoica per la sua degenza in ospedale.

READ  Avviso a Faktisk.no | steigan.n

Evitare lesioni in un reparto chiuso rende completamente paranoici. Ho fatto la doccia, spruzzato e mi sono tenuto a distanza. Nel corridoio fuori dalla stanza, i pazienti COVID-19 possono camminare e raccogliere cose, quindi rimango nella stanza con mio figlio.

Hoel Nikolic dorme sul divano e suo figlio è in un letto d’ospedale. Dice che indossa sempre una benda, anche quando dorme.

– Inoltre, le infermiere vengono a controllare le condizioni di mio figlio, e poi arriva molta aria dal corridoio. Se ci penso, chiunque può diventare una mucca da esso, dice.

Se tutto va secondo i piani, madre e figlio possono lasciare l’ospedale alla mezzanotte del 29 dicembre. L’uomo e l’11enne dovranno essere in ospedale entro il 3 gennaio.

– Vogliamo solo andare a casa, dice, e venire con un avvertimento agli altri che stanno pianificando di viaggiare.

– Se avessimo saputo che dovevi essere isolato in ospedale, non avremmo mai viaggiato, soprattutto quando viaggiamo con bambini. Voglio avvertire gli altri che stanno pianificando di viaggiare, se non viaggiare. Non tratto nessun altro, dice Hoel Nikolic a Dagbladet.