Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Cortometraggio norvegese nominato all’Oscar – NRK Culture and Entertainment

Dal documentario “Do Not Split”, in cui Anders Hammer segue da vicino i manifestanti di Hong Kong.

Foto: Anders Hammer / NTB

Il documentario parla delle proteste di Hong Kong ed è uno dei dieci brevi documentari che prendono parte alla lotta per un Academy Award. Il film richiama l’attenzione, tra le altre cose, su come la libertà di espressione e la libertà di stampa siano minacciate a Hong Kong.

Sono stato molto contento della nomination, anche se era un film serio, dice Anders Hammer, poco dopo aver appreso che “Do Not Split” è stato nominato per un Academy Award.

Non pensava che sarebbero stati nominati ed era davvero felice di essere stato selezionato.

“Siamo soddisfatti della controversia a cui abbiamo contribuito attraverso il film, su come la democrazia sia scomparsa a Hong Kong e su come la Cina stia rafforzando la sua presa su quella regione”, ha detto Hamer.

Spera che la nomina porti a una maggiore consapevolezza della situazione a Hong Kong.

Hamer dice che la situazione è peggiorata di recente.

Il regista Kjersti Mo del Norwegian Film Institute ha descritto la nomination come un giorno di gioia.

È per Anders Hammer, che ha trascorso 140 giorni in rivolta e girando un film, lo apprezza molto, è un giorno di gioia, dice.

Diversi contributi norvegesi

Una nomination all’Oscar è associata al glamour e al glamour, ma ha anche un grande valore di PR per i film che arrivano ai generosi Film Awards di Los Angeles. Mai prima d’ora così tanti contributi norvegesi hanno avuto l’opportunità di essere nominati.

vrTQ74vZ1Q

Il regista Maria Soudal con gli attori Andrea Bruin Hovig e Stylan Skarsgård in “Hope”.

Foto: Vidar Ruud / NTB

Un totale di sei contributi norvegesi sono stati selezionati per una candidatura. Solo Anders Hammer partecipa alla cerimonia di premiazione americana.

  • Nel documentario “Gonda” seguiamo il maiale Gonda in una fattoria idilliaca a Vestfold e i suoi porcellini. Il film è prodotto da Anita Rehoff Larsen in Sant & Usant. Joaquin Phoenix è il produttore esecutivo.
  • “The Kick Choir” di Torfinn Iversen potrebbe essere nominato nella categoria Cortometraggi.
  • “Do Not Split” del documentarista e regista Anders Hammer è stato nominato nella categoria dei cortometraggi. Il film parla delle manifestazioni a Hong Kong.
  • My Favorite War, del regista norvegese-lettone Ilse Burkowska Jacobsen, è in lotta per una nomination per il miglior film d’animazione.
  • Il film “Amal” è scritto e diretto da Maria Soudal. Si tratta di Anja a cui nel mezzo della sua carriera attiva viene diagnosticato un cancro potenzialmente letale che è stato introdotto la vigilia di Natale.
  • Il documentario “L’artista e il ladro” parla della pittrice Barbora e del ladro Carl Bertil, che le hanno rubato l’arte e come è finita a dipingerla. Il regista Benjamin Rey ha vinto un Nordic Film Talent Award per il film.

Film Talent Award di Benjamin Rhee

Il regista Benjamin Rhee ha ricevuto il Nordisk Talent Award per il documentario The Artist and the Thief.

Foto: Robin Boy

Esce dallo stack il 25 aprile

Il concorso è stato difficile per raggiungere la short list: nella categoria documentari sono stati iscritti 238 film, mentre nella categoria “Miglior Film Internazionale” sono stati 93 i film.

“Do Not Split” è stato prodotto in collaborazione con la società cinematografica statunitense Field of Vision e ha il supporto di Fritt Ord e Viken Filmsenter.

Il breve documentario competerà con i documentari “Collette”, “A Concerto Is A Conversation”, “Hunger Ward” e “A Love Song For Latasha”.

La 93a edizione degli Oscar si svolgerà il 25 aprile 2021 a Los Angeles. La cerimonia di premiazione fisica è stata pianificata.

Vedremo se verrai a Los Angeles, dice Anders Hammer e indica il caso Corona.

READ  Ritiri dopo accuse di bullismo - VG