Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Cosa c’è dietro gli animali scolpiti nelle chiese norvegesi?

Le chiese sobrie in Norvegia sono uno spettacolo da vedere. Costruito su colonne (grandi pali di legno) e con un tetto caratteristico, è ormai quasi unico al mondo. Ma queste chiese sono più di una semplice attrazione turistica: raccontano la storia di un’epoca in cui il paese si convertì dalla fede scandinava al cristianesimo.

Hidal Stave Church (Creative Commons).

Sembra un po ‘sorprendente, dato il loro modo di vivere tradizionale, che i vichinghi si siano convertiti completamente al cristianesimo. Ma circa mille anni fa, il cambiamento iniziò davvero.

Le più antiche chiese lignee conservate ancora oggi (come sappiamo almeno) risalgono al 1100, ma sono note anche chiese precedenti. I cattolici preferivano la pietra alle loro chiese, ei vichinghi costruirono alcune chiese gentili, ma le chiese sobrie erano la regola. Usavano non solo chiodi, ma solo legno e l’interno era decorato con draghi o altri animali mitici.

È raro per te decorare la tua chiesa con qualcosa. La maggior parte delle chiese ha scene o eventi biblici scolpiti o dipinti, ma gli animali mitici non sono rari. Questi animali sono stati generalmente interpretati come reliquie pagane, segno che sebbene la gente del posto si fosse convertita al cristianesimo, avevano conservato alcune delle loro credenze precedenti.

All’interno di una chiesa in legno. Creative Commons.

Quando la Norvegia ottenne l’indipendenza nel diciannovesimo secolo, dopo la “notte dei 400 anni” governata sotto il dominio della Danimarca, i norvegesi cercarono di riscoprire il loro patrimonio culturale nazionale e lo trovarono in chiese sobrie. Gli storici dell’epoca dicevano che era unico e anche gli animali scolpiti sono unici.

Ma potrebbero avere ragione solo a metà, dice la borsista post-dottorato Margaret Serstad Andas dell’Università norvegese di scienza e tecnologia (NTNU), che sta conducendo un progetto di ricerca sulle chiese sobrie.

“Le chiese a doghe un tempo erano l’obiettivo principale della ricerca sull’arte storica norvegese perché il nazionalismo era importante”, dice Andås.

“Ma i tempi sono cambiati. Il nazionalismo come argomento è diventato più problematico, e allo stesso tempo stiamo iniziando a chiederci come siano realmente questi edifici norvegesi. Parte del mio progetto è gettare nuova luce sulle chiese sobrie”.

Il che solleva la domanda: quanto sono distintive le chiese sobrie e i motivi veramente pagani norvegesi?

Ornes Staff Church. Creative Commons.

La maggior parte della ricerca sulle chiese sobrie è stata pubblicata in norvegese o in altre lingue scandinave, e raramente in tedesco, rendendola inaccessibile ad altri ricercatori e sostanzialmente continuando le prime scoperte sulle chiese. Andås vuole aiutare a contrastare alcune delle idee sbagliate sulle chiese e rendere la vera scienza accessibile al mondo. Parte del suo lavoro si è concentrato sulla chiesa a doghe di Urnes, come descritto sopra.

“Con il progetto Urnes, voglio chiarire che le chiese parrocchiali riflettono un patrimonio culturale europeo comune”. Aggiunge che lo scopo del progetto è garantire l’incorporazione delle chiese gentili nel dialogo europeo sull’architettura medievale.

La prima parte dello studio comprende l’identificazione della storia della chiesa e dei suoi elementi. I ricercatori sanno che Urnes fu costruita nel 1130, ma le chiese sobrie (e molti grandi edifici in legno) spesso includevano legname proveniente da strutture precedenti. Questo legno può essere datato con un metodo chiamato dendrocronologia, basato sulla crescita degli alberi.

Quando è un anno particolarmente secco o piovoso, queste informazioni vengono conservate sugli alberi. Nel corso degli anni, i ricercatori hanno creato cataloghi di come “fossero” gli anelli di legno di questi anni e quando trovano legno con anelli visibili, possono tornare indietro e vedere quando l’albero è stato abbattuto.

I sondaggi mostrano che il capo di Oren iniziò a tagliare alberi per la chiesa nell’inverno del 1131-1132. Tuttavia, la chiesa ha riutilizzato un cancello della chiesa precedente, del 1070. I documenti più antichi datati Urnes risalgono al 765 ed è il più antico materiale della chiesa norvegese trovato utilizzando questo metodo.

Ma il portale è particolarmente emozionante.

Sculture del cancello della chiesa, tradizionalmente interpretate come un animale mitico nel Nord Nastro obliquo Mangia le radici YGGDRASIL. “ Serpenti e draghi si sono intrecciati Concentrazione La fine del mondo secondo il mito nordico Ragnarok “.

“Molti dei serpenti che si intrecciano e attaccano il grande leone al cancello si trasformano in gigli”, dice Andås.

Questo era considerato un classico modello norreno, ma Indus pensa che questa interpretazione non sia del tutto corretta. Un’altra ricercatrice del progetto, Natalie le Luel, sottolinea l’importanza del dettaglio trascurato: gli animali sono in uno stato ibrido, trasformandosi da serpenti a gigli. In questo, Lou Lowell vede un altro motivo: il giglio era un simbolo di salvezza all’epoca, e quindi sembra che le forze del male, le forze del caos, siano vinte dal bene. I ricercatori notano anche che il drago, un altro simbolo raffigurato a Urnes, non è necessariamente quello che si pensava in precedenza.

“Nell’era moderna, il drago è spesso raffigurato come una rappresentazione della Scandinavia precristiana, ma è totalmente sbagliato”, dice Andås.

Il drago è una delle principali decorazioni dei capitelli all’interno della chiesa a doghe di Urnes ed è elencato nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Foto: Berger Lindstad

La Stave Church di Urnes ha somiglianze con le chiese altrove. Con l’antica arte dell’era vichinga e la resa degli animali, è ancora simile a ciò che è accaduto altrove.

Il ricercatore presso Urnes Griffin Murray ha studiato lo stile di Urnes al di fuori della Scandinavia, specialmente nelle chiese irlandesi. Lo stile di Urnes rappresentava una forma di espressione che si estendeva dal Mar Baltico nella Scandinavia orientale fino all’Irlanda.

Il drago stesso è completamente perso in epoca precristiana nell’arte scandinava (dove dominano i serpenti senza ali). In questo contesto, il team di ricerca ha interpretato il drago come una rappresentazione del male in un contesto cristiano. Si ritiene che anche altri animali rappresentino motivi cristiani e agiscano come simboli, anche se in modo non convenzionale.

“L’animale è un leone stilizzato, che è un elemento centrale nell’araldica della tarda era vichinga. Sierstad Andas dice che il leone come simbolo del sovrano può anche simboleggiare Cristo che combatte le forze del male.

In generale, la nuova interpretazione si riferisce all’arte della Chiesa di Urne come una bella collezione di artigianato cristiano, non paganesimo, con un tema centrale nella lotta tra il bene e il male. Certo, era un tipo insolito di arte cristiana, ma comunque cristiana.

“All’interno della chiesa, artigiani continentali e altamente istruiti hanno tagliato una catena di una cinquantina di capitelli decorati, con leoni in pose acrobatiche, draghi, scene di caccia, uomini con la barba, uomini che combattono leoni”, dice Serstad Andas.

Poiché le chiese norvegesi sobrie non hanno ancora avuto molto interesse per la scienza, è molto probabile che impareremo di più su queste chiese nei prossimi anni. Quasi mille anni dopo la loro costruzione, a queste chiese è stata data nuova vita.

READ  Cinque anni di lavori forzati per aver insultato l'Islam - Dagsavisen