Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Crisi climatica e scienza

Clima: Quelli di noi che vivono ora hanno l’opportunità di rallentare i cambiamenti climatici prima che prendano il sopravvento, ha scritto Kjell Arne Norum. La foto mostra i volontari che combattono gli incendi in Siberia. Foto: Ivan Nikiforov / AP / NTB

Di recente abbiamo ricevuto l’ultimo serio rapporto sul cambiamento climatico dal Panel delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Allo stesso tempo, vedo il partito cristiano proclamare con il testo: «C’è una ‘crisi climatica provocata dall’uomo’. Questo è il lavoro dei politici».

Questo testo dà l’impressione che la crisi climatica sia un’invenzione dei politici. Non ci possono essere più errori.

Sono i ricercatori che hanno cercato negli anni di coinvolgere i politici, non il contrario. I primi a lanciare l’allarme sono stati i ricercatori.

Hanno avvertito più e più volte, ma i politici e il sistema politico erano troppo tristi per muoversi. Questo è il motivo per cui stiamo attraversando un momento così brutto ora.

Questa non è una scienza nuova di cui stiamo parlando. È noto dal 19° secolo che l’anidride carbonica ha la capacità di riscaldare l’atmosfera. A quel tempo, le emissioni erano così piccole da non avere alcun significato pratico per l’atmosfera e la vita sulla Terra.

Nel 1958 iniziarono le misurazioni sistematiche del contenuto di anidride carbonica atmosferica. Si è scoperto che è aumentato anno dopo anno. Negli anni ’70, le persone iniziarono a capire che l’aumento della temperatura non era solo positivo.

Un gruppo selezionato di ricercatori nominati dall’American Academy of Sciences ha concluso: “Se l’anidride carbonica continua ad aumentare, non c’è dubbio che porterà a significativi cambiamenti climatici. Una politica attendista può significare che dobbiamo aspettare fino a quando non sarà troppo tardi.” (Rapporti Charney, 1979)

Quando la Commissione per il clima ha presentato il suo primo importante rapporto nel 1990, i disordini e gli avvertimenti dei ricercatori sono stati ascoltati per molti anni. Tuttavia, il rapporto è stato formulato con cautela.

Hanno affermato che il clima stava cambiando e che le nostre emissioni potrebbero portare a ulteriori cambiamenti, ma non erano ancora in grado di dire quanto fosse dovuto all’attività umana.

Il Comitato per il clima riassume la ricerca scientifica di tutto il mondo. La prima parte del sesto importante rapporto è ora arrivata.

L’articolo continua sotto l’annuncio.

Migliaia di scienziati del clima in tutto il mondo stanno lavorando al rapporto e ai suoi materiali di base. Gli avvertimenti ora sono clamorosi. Afferma senza riserve che il cambiamento climatico è causato dall’uomo.

Gli avvertimenti ora sono clamorosi. Afferma senza riserve che il cambiamento climatico è causato dall’uomo.

La crisi a cui stiamo assistendo ora sta mettendo alla prova tutti i partiti politici. Chi vuole proteggere i valori cristiani deve difendere i poveri della terra.

Sono i più colpiti dalla crisi climatica, anche se sono i meno responsabili. I partiti che vogliono proteggere le condizioni per lo sviluppo dei bambini devono proteggere le nuove generazioni di bambini dalla siccità, dalle ondate di caldo soffocante, dalle inondazioni, dagli incendi e dall’innalzamento dei mari.

Chiunque voglia prendere sul serio la crisi dovrebbe considerare le conseguenze tra centinaia di anni.

Conosciamo la storia del Buon Samaritano. Aiuta un uomo perduto anche se appartiene ad un altro popolo.

Gesù disse: “Va’ e fa’ come ha fatto lui”. Naturalmente sarebbe stato meglio se il Samaritano avesse impedito l’attacco. Sfortunatamente, non ha avuto l’opportunità di farlo.

Ma noi che viviamo ora abbiamo l’opportunità di rallentare il cambiamento climatico prima che prenda il sopravvento. In questo modo, possiamo alleviare la sofferenza di milioni e milioni, forse finché ci sono persone sulla terra.

Devi prendere sul serio le parole di Gesù.

READ  Incontro online CFPE (Australia): comitati per la sicurezza a terra formati per opporsi alla riapertura delle scuole in mezzo alla pandemia di Covid-19