giovedì, Giugno 20, 2024

Cross Country, Ingiustizia | Lo sport più scorretto del mondo

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

commento Esprime il parere di chi scrive.

Norvegia e Svezia festeggiano l’oro dopo l’oro in giganteschi chioschi di burro.

Il team di lubrificazione è composto da persone altamente qualificate nei settori della rivettatura, dello slittamento, della struttura e della conoscenza di varie marche di raschiatori.

I piloti collaudatori sono ben addestrati, alcuni ex atleti d’élite. Possono percorrere quattro o cinque miglia al giorno per testare l’aderenza e scivolare lungo diverse parti della pista, misurando le differenze di temperatura e segnalando cambiamenti improvvisi.

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Norsk Debat

La lubrificazione a livello di élite è sia una scienza che una questione di risorse che valgono milioni di corone.

Risorse a cui solo pochi paesi hanno accesso.

Allo stesso tempo, i fornitori di skate fanno a gara per ottenere i migliori pattini per i loro marchi e offrono pattini su misura alle stelle. La ricerca avanzata aiuta a migliorare gli articoli.

Torbjorn Nordvall

Giornalista svedese in tutto il paese.

In precedenza ha lavorato per undici anni come direttore stampa per la nazionale svedese di sci. È consulente personale per i media di Charlotte Calla dal 2008, una collaborazione che è ancora in corso.

Un totale di 33 campionati svedesi (settimane SM), quattro Olimpiadi invernali e 10 coppe del mondo di sci hanno assistito come leader o giornalista attivo.

È stato addetto stampa al Vasaloppet dal 2001 al 2007.

Ha costruito un museo per Gunde Svan e ha scritto “Medaljens bakside” con Marie-Hélène “Billan” Östlund, così come “Vasaloppet i fäders spår” con l’autore Lars Nylin.

Si considera un fanatico dello sci e vuole suscitare polemiche attraverso il suo blog su dove sta andando il nostro amato sport dello sci di fondo, uno sport che nel corso dei secoli è diventato profondamente radicato nello spirito popolare svedese e norvegese.

READ  - Ci sono solo tre possibilità!

La maggior parte delle star più in voga sul mercato ha passaporti svedesi o norvegesi.

La conclusione è che i migliori sciatori ottengono anche il miglior servizio, qualità della preparazione e attrezzatura.

Questo è un vantaggio competitivo che credo manchi di una controparte in tutti gli altri sport.

La preparazione è sempre stata parte della competizione tra atleti e nazioni. Quale nazione ha più successo?

Ma con l’enorme sviluppo che ha avuto luogo in prodotti, materiali, spazzole, rettificatrici e utensili per scanalare negli ultimi dieci o dodici anni, c’è una crescente stratificazione tra nazioni piccole e grandi.

già prima dell’inizio.

Non mi piace. Penso che si senta molto offeso. I concorsi non si svolgono alle stesse condizioni.

Penso che abbiamo oltrepassato il limite di ciò che dovrebbe essere consentito.

Leggi anche: Il Ct della Norvegia reagisce alle situazioni della leggenda: – Sono chiacchiere

Le nazioni più piccole con investimenti di budget inferiori non possono adattarsi rapidamente ai cambiamenti climatici, come durante le staffette di gara in cui 1,5 decimetri di neve fresca cadono sul terreno del WC poche ore prima dell’inizio della competizione.

Svezia e Norvegia hanno da 10 a 15 esperti di lubrificazione e piloti collaudatori che lavorano quasi 24 ore su 24 per produrre sci da competizione ottimali.

Stanno facendo un lavoro straordinario e meritano molto credito per il loro successo.

Ma giusto tra paesi come la Repubblica Ceca, il Giappone, il Canada, gli Stati Uniti, la Svizzera, l’Estonia, la Polonia…?

appena. Sono lontani dall’ampiezza del team di assistenza sci situato in Svezia e Norvegia.

La FIS deve muoversi e ho sentito che la questione sarà sul tavolo tra maggio e giugno. Accolgo con favore questa discussione.

READ  Simen Hegstad Krüger risulta positivo al coronavirus

Fondi e risorse non dovrebbero incidere tanto sulle prestazioni e sui risultati sulle piste da sci quanto oggi sul versante dello ski service.

Così come c’è un limite, una quota, sul numero di partecipanti a cui ogni paese può inizialmente partecipare, ci deve essere un limite/quota sul numero del personale dello ski service che sarà certificato.

Tutto per la giustizia.

Raramente o mai sento un esperto di sci svedese o norvegese nelle compagnie televisive parlare o commentare l’argomento. In questo caso, mi manca un’indagine più obiettiva e critica.

La cosa più importante sembra essere notare che la propria nazione ha gestito lo scivolo e la festa migliori, e poi vivere ubriachi per un altro enorme successo di medaglioni. Se, in rare occasioni, perdiamo un servizio di sci, il nostro team di servizio di sci verrà impiccato.

Ma quanto sono buone le slitte di altre nazioni?

Agli esperti non interessa molto.

Ma se un paese rivale si lamentava degli sci, lui sventolava un sorriso e veniva interpretato come un pessimo alibi nel baluardo del patriottismo dagli studi televisivi.

Un’organizzazione di servizi sciistici interstatali potrebbe essere una soluzione futura per creare una maggiore giustizia sportiva.

Leggi anche: Gli austriaci condannati per doping tornano al Vasaluppet

Può certamente essere complicato da raggiungere, ma vale la pena provare seriamente.

Dopo l’argento dell’Italia, ho visto in tv gli operai del Servizio Nazionale dello Sci che tifavano a squarciagola in anguste baracche. Si è brindato con piccoli calici di vino ed è stato cantato l’inno nazionale “Il Canto degli Italiani”. L’umore era al suo meglio.

Nel trailer dello Swedish Ski Service, lo champagne viene stappato ogni giorno. Quindi il tappo viene premuto saldamente nel soffitto all’ingresso.

READ  I verdi rossi sono pronti per le idee di mazucato?

Sì, la Norvegia e la Svezia sono le migliori! Prevalentemente anche sul servizio sci.

Nel mio cuore di sciatore, sarebbe liberatorio se gli atleti di tutte le nazioni potessero competere alle stesse condizioni con gli sci equipaggiati nel modo più uniforme possibile.

Sfortunatamente, questo non è il caso oggi.

/ Torbjorn Nordvall

More articles

Latest article