giovedì, Giugno 20, 2024

Cultura del partito in Danimarca: – Fare festa con la “gioventù d’élite”:

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

Dane Clara Togo Dunkeld (22) ricorda bene quando, all’età di 16 anni, iniziò la prima elementare al Gammel Hellerup Gymnasium, una scuola secondaria nel Nordsjælland in Danimarca.

Era nervosa e un po’ spaventata. Ma esteriormente era vista come sicura di sé. Non voleva distinguersi o sembrare noiosa tra alcuni dei ricchi giovani dell’alta borghesia danese.

Due unità a settimana


La settimana delle presentazioni a scuola è stata segnata da ubriachezza e giochi sessuali.

Dunkeld è stato sfidato a eseguire una lap dance su un ragazzo più grande, mentre il resto degli studenti e degli insegnanti guardavano.

– Dentro di me, capisco che era sbagliato. Non ne sono consapevole al 100% lì per lì, ma so benissimo che si trova su un piano inclinato e attraversa i confini”, dice Dunkeld in TV danese 2 Il suo podcast di notizie, Dato’.

Uno studio sulle sorprese dei genitori iperprotettivi

Uno studio sulle sorprese dei genitori iperprotettivi


Lettera di “Thomas Trostev”

Poche settimane dopo l’inizio dello studio, su Facebook è apparso un messaggio di una persona con il nome del profilo “Thomas Trusetyv”.

Era stata invitata a una cosiddetta “cena”, che è una tradizione in molte scuole secondarie della Zelanda settentrionale. Alla festa, le ragazze selezionate della prima classe sono invitate a intrattenere e servire i ragazzi della terza classe.

La cerimonia si è svolta nel seminterrato di una casa privata a Charlottenlund.

Dunkeld sapeva che alla festa non c’era quasi nessuno e ben presto divenne evidente che la festa era caratterizzata da giochi e rituali transnazionali. E non mancavano nemmeno bevande costose.

Vodka Belvedere, Champagne Moet. E poi hanno un cappello che chiamano “yes hat”. Quando ti viene in mente da ragazza, fai quello che ti viene detto, dice a Danish TV 2.

READ  Omicron, Corona virus | NIPH con notizie rassicuranti sui bambini norvegesi e omikron

Dagbladet ha ripetutamente tentato di contattare Donkild senza successo.

Bevi di più nel nord della Nuova Zelanda

Dunkeld crede che la festa sia rappresentativa delle tante feste a cui è andata durante il periodo del liceo.

Spesso, dice, le ragazze dovevano intrattenere i ragazzi. Lo descrive come se le ragazze fossero bambole che i ragazzi potevano usare a loro piacimento.

Nei tre anni successivi, l’ambiente nella cerchia sociale di Dunkel è stato caratterizzato da alcolici e cocaina, ciò che lei descrive come una “cultura tossica”.

secondo Un’indagine condotta dal Center for Youth Research In Danimarca, il numero di giovani che bevono alcolici almeno una volta alla settimana è molto più alto a Gentofte, nel nord della Zelanda, rispetto al resto del paese.

A Gentofte, il 56% dei giovani di età compresa tra i 15 ei 25 anni ha dichiarato di bere alcolici da una a due volte alla settimana, rispetto al 27% dei giovani della stessa fascia di età nel resto del Paese.

Nel suo libro, pubblicato in Danimarca a febbraio, vuole evidenziare la cultura del partito violento e sessista tra gli studenti delle scuole superiori, che è particolarmente diffusa tra i giovani della classe alta.

Ora vuole avvertire gli altri giovani di non osare parlare.

– Voglio dire loro che non sono soli nelle loro esperienze. Ci sono alcune cose che vorrei fossero diverse, dice, che potrebbero non essere molto salutari per un bambino.

Stupito dalla cultura della festa al PSG

Stupito dalla cultura della festa al PSG


– Non accadrà oggi

Dopo l’uscita del libro Il Gammel Hellerup Gymnasium ha trovato una risposta Conti Dunkeld.

READ  Un poliziotto temeva per la sua vita mentre assaltava il Congresso - VG

Scrivono, tra l’altro, che “molte attività di allora sono inimmaginabili oggi”.

Il preside, Bjarne Edelskov, sottolinea, tra l’altro, che dopo Metoo alle persone è stata data una lingua diversa per parlare di ciò che potrebbe attraversare il confine.

– Fortunatamente, molto è cambiato nella cultura giovanile, così come nella società in generale. La dichiarazione afferma che parte delle esperienze che Clara Togo Dunkeld ha descritto dal suo periodo al liceo non sono qualcosa che normalmente accadrebbe dentro o fuori dal Gammel Hellerup Gymnasium oggi.

Tuttavia, Edelskopf sottolinea che si rammarica di sentire come Clara Togo Dunkeld si sente oggi che i suoi confini sono stati superati durante la settimana della sottomissione.

More articles

Latest article