Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Da Flåklypa a Fjellveien

Poco distante, su Fjellveien, c’è il garage di Henrik e della sua famiglia. Entrare è come finire in un negozio di giocattoli per ragazzi adulti; 360˚ della storia automobilistica più recente, della velocità e del design classico.

Mentre altri tengono abbastanza spazzatura nel cortile da far tremare la macchina da sola, Henrik Thorstensen ha trasformato il garage in un museo. Benvenuto dentro.

La prima cosa che incontriamo è una Ferrari 308 GTS modello rosso del 1979.

– Questa è quella che definirei un’auto sportiva ad arco. Design, potenza del motore e caratteristiche di guida sono perfettamente bilanciati. Di tanto in tanto facciamo lunghi viaggi e la Ferrari guida come un sogno. Zero stress e problemi. Belle forme possono essere viste con il famoso designer Pininfarina che ha partecipato alla progettazione e allo sviluppo. L’ultima vettura lucida ed elegante della Ferrari, prima che il massimalismo degli anni ’80 prendesse il sopravvento.

Un gioiello: il modello Ferrari 308 GTS del 1979. Motore V8 da 3 litri, 255 CV.

– Come è arrivata qui la macchina su Opecard?

– L’ho preso da mio padre. L’ha comprato 20 anni fa e l’ha ritirato in Svizzera. Da allora fa parte della famiglia.

Scorri la pittura

Dietro la Ferrari, una piccola caramella nella Fiat 500 turchese, la “macchina della moglie” del 1957 indugiava con 13 CV e glamour. È già stato menzionato qui sul giornale locale, quindi ci piace fermarci a un paio di motociclette. Una motocicletta Harley Davidson modello 1951 fatta a mano con frizione a pedale e cambio a mano, un amico di Henrik ha costruito la moto mentre lui stesso ha disegnato la vernice.

L’altra MC è la MV Agusta F4 1000.

– Non è solo una bici metallizzata da sogno, la cosa più vicina a un dipinto rotolante, dice Henrik con riverenza nella voce, la bici è una meraviglia da guardare e da guidare, l’Augusta è persino esposta al Guggenheim Museum of Modern Art di New York.

– Da parte mia, è più di un pezzo da museo, lo uso per lavorare avanti e indietro tutta l’estate. L’Harley, d’altra parte… beh, fa troppo rumore per essere tollerato dal vicinato, quindi quella grande è per lo più in deposito.

Arte italiana: poche cose in più della MV Agusta in un design brutalmente bello.  Anche il suono non è male.

Arte italiana: poche cose in più della MV Agusta in un design brutalmente bello. Anche il suono non è male.

Due rare auto da collezione

Passeggiando ancora per il garage, troviamo due francesi identici, e stiamo parlando della Renault 5 Turbo II. Uno è bianco e uno è nero. Un’auto che solo poche persone hanno in Norvegia. Sotto il cofano, in questo caso la parte posteriore, troverai un buon numero di cavalli. Di colore nero furono effettivamente realizzati solo 200 esemplari (era la numero 149), così da poter partecipare ai raduni Renault negli anni ’80. Nei paesi nordici, la Renault di Henrik è l’unica. Oltre a una nutrita collezione di automodelli, nel garage di Henrik gli ospiti possono trovare un’icona italiana su due ruote piccole, una Vespa 125 Super. Lo comprò in parti sciolte e lo ricostruì. Ora Vespa sta dietro la Renault e sembra fresca.

RENAULT X 2: Tutti gli appassionati di auto che si rispettino dovrebbero assolutamente possedere almeno due Renault 5 Turbo II.

RENAULT X 2: Tutti gli appassionati di auto che si rispettino dovrebbero assolutamente possedere almeno due Renault 5 Turbo II.

Il motivo è il Flåklypa Grand Prix

Da dove nasce la passione per le auto? Il giornalista è sorpreso. Perché hai scelto questi particolari oggetti per il tuo “museo”?

– Probabilmente le fondamenta sono state gettate anni fa, quando ero ragazzo. Poi sono rimasto affascinato dal Flåklypa Grand Prix, guardando più e più volte come Reodor Felgen e Solan Gundersen si facevano strada attraverso “Il Tempo Gigante”. Alla fine il dado impazzisce e l’unica condizione perché il piccolo Henrik continui a guardare la corsa automobilistica di Ivo Caprino è che spenga l’audio.

La verità si trova nella bellezza

– Sei interessato non solo alla tecnologia, ma anche al design?

– Sì, è giusto. In realtà, principalmente design. Sia mia madre che mio padre erano appassionati di pittura, ma mio padre era anche un abile fotografo, entrambi con un occhio attento alla bellezza e all’estetica. Quindi probabilmente ho ereditato il tratto. Ciò si riflette nella selezione di biciclette e auto, che sono più che mezzi di trasporto e velocità, sono opere d’arte in miniatura. Quando si parla per la prima volta di arte, l’Italia non può essere ignorata. Che si tratti di Ivo Caprino, Ettore Bugatti o della piccola e grande Pininfarina, sono riusciti a incorporare l’utilità estetica.

READ  La mummia Maran e il Museo della tecnologia கதை La storia della vita e della morte