Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dal 3 luglio è vietata la commercializzazione di alcuni prodotti in plastica – NRK Norvegia – Panoramica delle notizie da diverse parti del paese

Forse hai notato che le cannucce di plastica sono state sostituite da cannucce di cartone o che le posate che trovi nei fast food sono di legno?

Tra le altre cose, IKEA ha deciso nel 2018 di smettere di usare e vendere plastica usa e getta entro il 2020.

Ora questo si impone in molti posti.

Presenta il prossimo fine settimana Unione Europea E i paesi dello Spazio economico europeo, inclusa la Norvegia, hanno imposto il divieto di commercializzazione di una serie di prodotti in plastica monouso. Vedi l’elenco qui:

L’elenco è stato creato dopo aver studiato i rifiuti che sono stati trovati in grandi quantità sulle spiagge di tutta Europa.

Vietato: i contenitori in polistirolo sono ampiamente utilizzati nell’industria del fast food. Ma presto sarà vietato venderlo.

Foto: Pål Tegnander/NRK

– Questo è qualcosa su cui il movimento ambientalista in Europa sta lavorando da molto tempo. Dà l’effetto di un segnale che stai effettivamente vietando i singoli prodotti che contribuiscono facilmente allo smaltimento dei rifiuti, afferma il consulente esperto Joakim Sandvik Gulliksen della Society for the Conservation of Nature.

Il divieto potrebbe significare che l’uso di queste materie plastiche è ridotto di 1,9 miliardi di unità, o 3.600 tonnellate all’anno, nella sola Norvegia.

All’Agenzia per l’ambiente norvegese, il capo del dipartimento Heig Roth Olbergsven ha affermato che è stata la quantità di rifiuti sulle spiagge europee a portare al divieto.

Heig Ruth Olbergsven, Agenzia per l'ambiente norvegese.

Hege Rooth Olbergsveen dell’Agenzia per l’ambiente norvegese afferma che la Norvegia è stata una forza trainante nell’azione contro i rifiuti marini e la plastica usa e getta.

Foto: delegazione dell’Unione Europea

Il divieto ora in vigore fa parte di una serie più ampia di regolamenti che regoleranno fino all’86 percento dei rifiuti di plastica che finiscono sulle spiagge. Dice che la Norvegia ha lavorato a lungo contro i rifiuti marini e ha contribuito ai regolamenti imminenti.

il divieto Rivolto a produttori e importatorir di prodotti in plastica, in modo che ci sia la possibilità di vendere ciò che si ha nei negozi, anche dopo il 3 luglio.

Catene di vendita di inventario

Un esame di diverse catene che in precedenza vendevano plastica usa e getta mostra che la maggior parte di esse ha già smesso di venderle. Alcuni già l’anno scorso o prima.

Ma in due delle catene, Nille e Staples, ci sono ancora posate e bicchieri di plastica da acquistare, oltre ad alternative in altri materiali. Qui hanno anche portato finora la plastica usa e getta.

Tuttavia, l’amministratore delegato di Nille Kjersti Hobøl ritiene che abbiano un forte orientamento ambientale e che la catena faccia parte dell’organizzazione Ethical Trade Norway.

Plastica usa e getta a prezzi economici prima del divieto

I bicchieri di plastica usa e getta sono venduti a Nille presso Rygge Storsenter a Moss. Neil ha deciso di vietare la plastica usa e getta.

Foto: Lars Håkon Pedersen / NRK

Nille sostiene il lavoro per ridurre i rifiuti in natura ed eravamo consapevoli di questo imminente cambiamento nella legge. I prodotti coperti dal divieto con noi sono piatti, posate, cannucce e bastoncini per palloncini monouso in plastica o parzialmente in plastica.

Hobøl sottolinea che esiste un’opportunità di vendere prodotti che hai già nel negozio, che si applica all’intera Unione Europea.

Bicchiere in polistirolo espanso, EPS.

Le tazze in polistirene espanso, EPS, saranno bandite dalla commercializzazione in tutta Europa da sabato 3 luglio.

Foto: Lars Håkon Pedersen / NRK

Nella catena di negozi Staples a Rygge Storsenter a Moss, sono rimasti un certo numero di prodotti che non potranno reperire fino a sabato prossimo.

Sono per lo più bicchieri di plastica per bevande e bicchieri in polistirene espanso (EPS), che erano nell’elenco dei prodotti vietati dal 3 luglio.

Nina M. Schramstad è CEO di Staples e fa riferimento agli accordi presi con i principali clienti che hanno dovuto onorare.

L’attività di Staples consiste principalmente in grandi clienti che effettuano offerte che hanno prodotti regolari nella loro gamma. Staples collabora da tempo con i nostri fornitori per pianificare la transizione alla nuova direttiva sulle materie plastiche. Prendiamo sul serio i rifiuti marini e dallo scorso anno abbiamo una gamma completa di ricambi.

sostituisce gradualmente

Nel settore della ristorazione, le posate di plastica verranno ora gradualmente sostituite, man mano che si esaurisce quello che hanno in magazzino.

Alla Bakeriet La Boulangerie nel centro di Drammen, l’assistente del direttore generale Elisabeth Hazel Paulsen è preoccupata per il cambiamento.

Elizabeth Hazel Poulsen

Elizabeth Hazel Poulsen di La Boulangerie a Drammen raccoglie le posate di plastica che i clienti perdono ogni giorno sul pavimento. Per loro sarà un periodo di transizione poiché utilizzano una scorta di posate di plastica.

Foto: Shad Madian/NRK

– Abbiamo uno stock di posate di plastica, ordiniamo per diversi mesi alla volta, ed è stato difficile ottenere sostituzioni ora durante il periodo Corona. Ma speriamo di finirlo completamente entro l’anno.

Dopotutto, pensa che sia meglio usarli e collezionarli piuttosto che buttare via la loro scorta di plastica usa e getta.

Fuori dal McDonald’s ci sono i compagni Nikolai Amodt e Bendik Pedersen. Non sono completamente soddisfatti delle cannucce di cartone che cercano.

L’idea è buona, ma non funziona. Dal punto di vista ambientale, è comprensibile, ma diventa molle e si flette prima che tu abbia finito.

Bendik Pedersen e Nikolai Amudt

Bendik Pedersen e Nicolay Aamodt con un tubo di aspirazione di cartone che si è raggrinzito prima che finissero il contenuto che avevano comprato.

Foto: Shad Madian/NRK

Ritiene che il divieto dovrebbe essere esteso

La Società norvegese per la conservazione della natura ritiene che anche le tazze da caffè e le tazze di cartone piene di plastica dovrebbero far parte di un divieto più ampio.

Ci auguriamo che il divieto venga esteso a più prodotti, ma sono previsti anche obiettivi ambiziosi per ridurre i consumi di alcune tipologie di prodotti. Entro la fine del 2021, ogni paese fisserà i propri obiettivi, afferma Joachim Sandvik Gulliksen.

L’Unione Europea mira inoltre a riciclare il 90% di tutte le bottiglie di plastica entro il 2029 e a far sì che tutte le bottiglie di plastica contengano il 30% di materiali riciclati entro il 2030.

L’obiettivo generale è prevenire l’inquinamento dei mari e delle spiagge e contribuire a un’economia circolare, scrive la Commissione europea sui loro siti web A proposito di plastica usa e getta.

Qui, le persone per strada stanno testando quattro lecca-lecca con materiali diversi dalla plastica.

frustrazione italiana

Il divieto della plastica usa e getta provoca non solo gioia, ma anche esasperazione nei paesi in cui molti posti di lavoro sono associati alla produzione di plastica.

Questo vale per l’Italia, dove è stato citato il capo dell’Organizzazione Centrale Datori di Lavoro Confindustria, Carlo Bonomi.

Carlo Bonomi

Il capo dell’organizzazione imprenditoriale italiana Confindustria, Carlo Bonomi, non è contento che ci sia un divieto dell’UE sulla plastica usa e getta.

Foto: Assianir/CC-BY-SA-4.0

– Questo è ridicolo. Ha detto al sito web che avrebbe spazzato via un intero settore in Italia urattivo.

Ritiene che le direttive UE a lungo termine influenzeranno anche la posizione forte dell’Italia sulle cosiddette plastiche biodegradabili.

Ma all’Agenzia per l’ambiente norvegese qui a casa, Hege Rooth Olbergsveen afferma che anche le cosiddette plastiche biodegradabili non sono sempre plastica che si degrada completamente in natura.

In natura, questo può essere suddiviso in pezzi molto piccoli. Dice che deve essere smaltito negli impianti di smaltimento fino a quando non sarà completamente smantellato.

Lo stesso vale per le plastiche realizzate con biomateriali, come il mais.

– Questa plastica è spesso modificata chimicamente ed è comunque plastica. Pertanto, è un errore pensare che possano decomporsi in natura.

Sughero di plastica sulla spiaggia

L’Unione Europea ha studiato tutti i rifiuti di plastica che si accumulano sulle spiagge e ora vieta molte plastiche usa e getta. Ci sarà una richiesta per appendere il tappo nella bottiglia.

Foto: Terje Pedersen / NTB

READ  I prezzi degli obo a Oslo sono aumentati del 3,2% a luglio - E24