Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Destinato a spaventare – VG

Ascolta: Adiljan Abdurihim, segretario del Comitato uiguro norvegese, è raffigurato in Parlamento prima del fine settimana, mentre fa gli ultimi preparativi per l’audizione.

Lunedì, il Parlamento europeo ascolterà una testimonianza sul trattamento criticato a livello internazionale della Cina nei confronti della sua minoranza uigura. Di recente, le chiamate dal numero all’ambasciata cinese hanno suscitato paura tra gli uiguri in Norvegia.

Inserito:

Venerdì 23 settembre squillò il telefono dello sherp Russell.

Il numero era norvegese, ma è sconosciuto. ha scelto di rispondere:

Secondo lei, l’uomo che ha chiamato parlava mandarino, la lingua a maggioranza cinese, e ha detto che proveniva dall’ambasciata cinese in Norvegia. Dì loro che hanno un documento importante che Sherp deve firmare. Le è stato detto che doveva venire all’ambasciata.

Sherp, madre di tre figli, dice di essersi bloccata dall’orrore.

Sette anni fa ho chiesto asilo in Norvegia, a causa della persecuzione politica da parte delle autorità cinesi. Ha un numero segreto per paura delle minacce. Ha costantemente paura di ciò che le autorità cinesi potrebbero fare alla sua famiglia, che si trova ancora in Cina.

In quanto uigura, fa parte di una minoranza in Cina che sta effettuando arresti su larga scala, una politica molto controversa che l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ritiene possa equivalere a crimini contro l’umanità.

Ora l’ambasciata cinese l’ha chiamata. Ha detto a VG della sua reazione:

– Ero così teso. Devi annaffiare e sdraiarti. Come hanno il mio numero? Perché vogliono che vada all’ambasciata?

Dopo un po’, Sherp riattaccò. Era sicura che in realtà non ci fosse alcun documento e che non sarebbe venuta all’ambasciata.

La protesta: Chibi Russell, madre di tre figli, è venuta in Norvegia come richiedente asilo dalla Cina. Lunedì protesterà contro il trattamento riservato dalla Cina agli uiguri e seguirà l’audizione parlamentare che si svolgerà contemporaneamente all’interno del Parlamento.

Più chiamate – effetto psicologico

Lunedì prossimo Scherib andrà in Parlamento.

Lì protesterà contro il trattamento riservato dalla Cina agli uiguri e seguirà l’audizione parlamentare che si svolgerà contemporaneamente all’interno del Parlamento.

La Commissione norvegese per gli uiguri ha scritto nell’appello all’udienza che l’argomento era “crimini e genocidio contro gli uiguri, con testimoni dei campi di concentramento nel Turkestan orientale”. MDG, Venstre, KrF e SV terranno il ricorso in udienza.

READ  Politica e politica norvegese | Questo è ciò che i giornali norvegesi hanno scritto di politica mercoledì 14 settembre

Uno degli organizzatori, Adeljan Abdul Rahim, segretario del Comitato uiguro norvegese, ha detto a VG che un certo numero di uiguri è stato convocato di recente da un certo numero di ambasciate. Tutti affrontano lo stesso tipo di telefonata, in cui viene chiesto loro di venire in ambasciata o c’è un documento che li aspetta

VG ha guardato una registrazione video di una tale conversazione e il numero appartiene all ‘”Ambasciata della Repubblica popolare cinese”.

Tali conversazioni sono usate dalle autorità cinesi come metodo per spaventare gli uiguri. Abdul Rahim afferma che l’obiettivo è spaventare e mostrare alle persone in minoranza che sanno chi sono e hanno il loro numero di telefono.

È sicuro che il numero delle chiamate sia aumentato di recente perché ci sarà un’audizione in Parlamento.

– Gli inviti aumentano sempre prima di grandi celebrazioni o come risultato di una maggiore attività da parte nostra, dice.

Dice che tali conversazioni hanno un impatto psicologico significativo su molti uiguri in Norvegia.

READ  I sopravvissuti chiedono alla Russia di assumersi la responsabilità durante il processo M17

Molte persone sono costrette a diventare meno attive ea tenere la bocca chiusa. Molti temono che le autorità possano fare qualcosa per i loro familiari nel Turkistan orientale, dice.

Le immagini della massiccia fuga di notizie “Xinjiang Police Files” mostrano alcune centinaia di uiguri che sono stati nei campi di concentramento in Cina. Le foto sono state scattate tra il 2017 e il 2018.

Metodo di compressione ben noto: gravi conseguenze

Nel 2020 il Ministero dell’Istruzione ha redatto una relazione a nome di Pressione e controllo. L’obiettivo era quello di esaminare le pressioni economiche, ideologiche o religiose che sorgono nel paese di origine, prendendo di mira le persone provenienti da un contesto immigrato in Norvegia.

Qui viene analizzata la pressione delle autorità cinesi sulla minoranza uigura in Norvegia.

Il rapporto affermava che le chiamate delle ambasciate cinesi sono state effettuate in diversi luoghi d’Europa, ma sono iniziate nell’agosto 2019 anche in Norvegia.

Si dice che almeno 30 uiguri abbiano ricevuto tali chiamate, ma si ritiene che il numero sia più alto.

Il rapporto elenca anche le pericolose conseguenze di questi metodi per la minoranza in Norvegia:

  • Conseguenze personali significative dell’essere sotto pressione e controllati. Molti raccontano come la loro esperienza con autorità che sanno chi sono e dove porti a una limitazione della loro libertà di movimento.
  • Tra le altre cose, perdono la libertà di recarsi in Cina per visitare amici e familiari, il che riduce l’affiliazione.
  • Molti descrivono come la paura e il terrore possano avere un effetto devastante sullo sviluppo sociale. Alcuni si stanno isolando, evitando il contatto con altri uiguri, cancellando i contatti dalle loro liste di amici sui social media e interrompendo i contatti con gli ex alleati politici.
  • Altri non vogliono consentire ai bambini di partecipare a eventi culturali uiguri o consentire ai bambini di partecipare all’istruzione nella lingua madre.

Il rapporto prosegue affermando che la percezione è che “lo scopo di esercitare questo tipo di pressione è mettere a tacere il dissenso e mostrare agli espatriati che possono essere controllati anche se si trovano fuori dai confini della Cina”.

PST: – I problemi di cui siamo a conoscenza

Gli uiguri VG hanno parlato per dire di aver contattato più volte PST in merito alle attività dell’ambasciata cinese.

Martin Persen, Senior Consultant presso PST, ha detto a VG di essere consapevole del fatto che un certo numero di gruppi della diaspora e comunità in esilio in Norvegia si sentono minacciati in modi diversi.

Il cosiddetto spionaggio dei rifugiati è un problema di cui siamo consapevoli e capiamo che può essere molto fastidioso. Spesso è ancora difficile per noi seguire i casi e raramente abbiamo motivi per indagare, ha affermato.

Tuttavia, il PST afferma di volere che le minoranze che ne soffrono continuino ad essere informate.

Leggi anche

Campi di terrore in Cina: accuse di stupro sistematico

Testimoni raccontano di stupri sistematici e torture sessuali nei campi segreti cinesi per “rieducare” le minoranze.

L’ambasciata risponde: È iniziata la falsificazione

E VG ha posto all’ambasciata cinese una serie di domande al lavoro su questo argomento.

Negano che le chiamate provenissero da loro, nonostante l’uso del loro numero.

I truffatori utilizzano numeri falsi e numeri simili ai numeri dell’ambasciata per frodare denaro, identità e informazioni sul conto bancario. Ne abbiamo già avvertito sui nostri siti, scrive l’ufficio stampa dell’ambasciata in una mail a VG.

Anche gli uiguri in Norvegia hanno già sentito parlare di questa interpretazione. Non credono che quelli che hanno chiamato prima e quelli che hanno chiamato ora siano truffatori.

VG chiede di più all’ambasciata:

Riconosci il diritto degli uiguri di manifestare e criticare la Cina?

La Cina accoglie con favore tutti i suggerimenti, le opinioni divergenti e le critiche basate sui fatti, perché tali voci sono importanti per il progresso. Tuttavia, ci opponiamo fermamente alle campagne diffamatorie basate su bugie e fatti contorti. Incoraggiamo le persone a usare il pensiero critico durante la lettura della Cina. La Cina è da tempo vittima della disinformazione.

Inoltre, l’ambasciata ha scritto a VG che il rapporto delle Nazioni Unite, che fa di tutto per suggerire che la Cina è dietro le gravi violazioni dei diritti umani nel trattamento degli uiguri, è “completamente illegale” e scorretto.

Tutto questo non impedirà a Sherib Rasoul, madre di tre figli, di manifestare davanti al Parlamento lunedì.

– Dice che mi rifiuto di avere paura.