Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Nordea Markets vede speranza: – Sarà una buona notizia per il mercato azionario

È stata un’altra settimana di grande volatilità del mercato, concludono Eric Bruce e Joachim Bernhardsen nel rapporto Nordea di questa settimana.

“La via da seguire per il mercato rimane incerta, ma per la prima volta da molto tempo troviamo argomenti secondo cui i tassi di interesse a lungo termine più elevati rallenteranno”, hanno scritto gli strateghi.

Il mercato è stanco delle cattive notizie

Quando giovedì sono stati pubblicati i dati sull’inflazione statunitense per settembre, la reazione immediata del mercato è stata quella prevista, secondo i due: i tassi di interesse sono aumentati e le azioni sono scese.

“La sorpresa più grande è stata che la reazione è diventata rapidamente positiva. I futures S&P 500 sono scesi del 2,4% un’ora dopo il dato CPI, ma alla fine hanno chiuso giovedì con un aumento del 2,5% sull’S&P 500. È un aumento intraday del 5,52%, qualcosa che piace agli analisti Eric Bruce ha visto raramente nelle loro lunghe vite”.

Anche i tassi di interesse sono cambiati: il rendimento del titolo di Stato americano a 10 anni è salito al 4,07 per cento, ma alla fine della settimana era al 3,9 per cento, più o meno dove si trovava all’inizio della settimana.

“Non dovresti mettere molti titoli in una mossa del genere, ma mostra che il mercato è stanco delle cattive notizie”.

Meno bisogno di più aumenti dei tassi di interesse

Bruce e Bernhardsen scrivono che i tassi di interesse sono ora a livelli in linea con le aspettative della banca centrale statunitense (Fed) per un tasso di interesse chiave, mentre i tassi di interesse reali sono ora più elevati rispetto a quando la Fed ha alzato i tassi nel 2018.

READ  Indicatore di paura nell'aria - Wall Street è diventata rossa

“Ciò significa che la politica monetaria dovrebbe ora avere l’effetto restrittivo che la Fed sta cercando. Pertanto, la necessità di ulteriori aumenti dei tassi è minore”, scrivono gli strateghi, i quali notano anche che molti membri della Fed stanno iniziando a sottolineare i pericoli di un inasprimento loro troppo.

In definitiva, il duo ritiene che gli investitori debbano ancora prepararsi per mosse significative in entrambi i casi.

“Se non ci sono prove di un mercato del lavoro più freddo negli Stati Uniti, il mercato potrebbe modificare il suo punto di vista sulla Federal Reserve e aumentare i tassi di interesse. Tuttavia, per la prima volta da un po’, ci sono molti argomenti forti contro un altro aumento dei tassi In tal caso, dovrebbe essere una buona notizia per il mercato azionario”.