Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Devi sapere questo sul prezzo del gas – E24

La crisi energetica invernale ha mostrato quanto sia importante il gas naturale per il sistema energetico europeo. Ma sai il prezzo al metro cubo di gas…?

Questo è il deposito di gas tedesco Etzel, gestito dalla controllata finlandese di Fortum Uniper.
Inserito:

Molti norvegesi hanno una certa percezione del fatto che il prezzo del petrolio sia alto o basso.

Il prezzo del gas naturale è probabilmente molto più basso di quanto si sappia, sebbene la Norvegia sia uno dei più importanti fornitori di gas in Europa.

Il gas è molto più importante in Europa che in Norvegia. Ottengono il 25-30 percento della loro energia dal gas, mentre noi abbiamo più del 50 percento della nostra energia dall’elettricità e molto petrolio, dice Karen Sund a E24.

Per molti anni ha fornito consulenza a imprese e governi sul gas naturale attraverso Sund Energy e ora lavora con il biogas come specialista nella rete Biogass Oslofjord.

In Norvegia, è sempre stato il caso che il petrolio sia ciò da cui guadagniamo, mentre il gas è meno importante. Ora produciamo la maggior parte del gas. Sund dice che non c’è ancora posto per il gas nella coscienza delle persone, perché non lo usiamo noi stessi.

Il gas norvegese viene utilizzato, tra l’altro, nei tubi delle case europee che lo utilizzano per il riscaldamento e nelle stufe, e per le aziende che, ad esempio, lo utilizzano per produrre calore forte nelle loro operazioni, o per produrre idrogeno. Va anche alle centrali elettriche a gas che producono elettricità.

Nota! All’inizio di aprile 2022, il prezzo per la consegna del gas un mese prima presso il TTF nei Paesi Bassi era di circa 10 corone per metro cubo (€ 100 per megawattora), secondo Ghiaccio.

gas di maiale

Quest’inverno i prezzi del gas hanno raggiunto nuovi livelli. Un mese fa, il prezzo di consegna era inferiore a 20 euro per megawattora nella primavera e nell’estate del 2021, ma dopo l’invasione russa dell’Ucraina il prezzo era più di dieci volte superiore.

– I prezzi erano molto alti. È stato un enorme spavento di guerra che ha portato il prezzo fino a un massimo di 220 euro per megawattora. Non ci sono fattori fondamentali che indichino questo tipo di prezzo. Sund dice che i prezzi sono al di sopra, ma ancora molto più alti del solito.

Il livello più alto corrisponde a 24 NOK per metro cubo. In confronto, il governo ha ipotizzato un prezzo del gas per il 2022 di 1,90 NOK per metro cubo nel bilancio statale a partire da ottobre.

READ  Apple ha battuto le aspettative lo scorso trimestre
Jonny Leimata è Head of Gas Trading and Sales a Gasum, Finlandia

Johnny Leyemata è il capo del commercio e delle vendite di gas per la società finlandese Gasum, che un tempo era in parte di proprietà della russa Gazprom, ma ora è di proprietà dello stato finlandese. L’azienda vende gas ai clienti del Nord. Secondo Liimatta, i prezzi più alti hanno creato sfide per alcuni acquirenti di gas.

– Ne abbiamo visti alcuni. Le aziende di fertilizzanti che utilizzano il gas come fattore di input più importante lottano per aumentare i loro prezzi tanto quanto il gas e alcuni la produzione diminuiscedice a E24.

– Per i produttori di energia e calore, stanno chiaramente confrontando il prezzo del gas con altre fonti di energia, come il carbone, dice.

Leggi anche

Ecco come l’industria del petrolio e del gas aiuterà l’Europa: – Il gas è la cosa più importante

potere costoso

Questo inverno ha aperto molti occhi per vedere quanto sia importante il gas per l’Europa. All’inizio dell’inverno, le scorte di gas erano già a livelli bassi e si sono notevolmente esaurite quando la russa Gazprom ha inviato in Europa quantità inferiori al normale.

La carenza di gas ha contribuito all’aumento dei prezzi del gas, che a sua volta ha fatto aumentare i prezzi dell’elettricità in Europa e nella Norvegia meridionale.

Tra coloro che hanno notato i prezzi del gas e dell’elettricità c’era l’azienda di ceramiche Viggo. L’azienda punta sulle alte temperature in breve tempo, e quindi utilizza il gas oltre all’elettricità nella sua produzione.

Otteniamo circa un terzo della nostra energia dal gas naturale, mentre otteniamo due terzi della nostra energia dall’elettricità. Viviamo nello stesso mondo di tutti gli altri, quindi i prezzi dell’energia sono saliti alle stelle, ha detto Anne Kristine Rugland Thulin a Figgjo a E24 a marzo.

Tuttavia, le spedizioni di gas di Figgjo non hanno un prezzo a livello europeo, ma basato sul costo dell’alternativa, ovvero il propano. Pertanto, stanno ottenendo meno entusiasmo di quello che i clienti europei del gas hanno ricevuto questo inverno.

– Ma i prezzi sono aumentati drammaticamente. Il costo dell’energia a Vigo è recentemente quadruplicato, ha affermato Thulen a marzo, con il consumo di elettricità di gran lunga maggiore.

Vuole che anche le aziende ricevano sussidi per l’elettricità, cosa che il governo ha finora rifiutato.

Questo è l’impianto di Resavica LNG, che Gasum ha venduto l’anno scorso a North Sea Midstream Partners.

Leggi anche

NHO chiede sussidi per l’elettricità per le aziende: – Abbiamo avuto un vero entusiasmo

– Sono disperati

L’Europa vuole più gas dalla Norvegia, tra gli altri paesi, dopo l’invasione russa dell’Ucraina. L’Unione Europea vuole ridurre la sua dipendenza dal gas russo, ma al momento sta comprando gas in grandi quantità.

READ  L'amicizia che supera vittorie e sconfitte

– Il fatto che l’Europa non abbia fermato le importazioni dalla Russia, quindi cosa dice sul ruolo del gas?

– Sono disperati. Non possono farne a meno. Sunde dice che non vogliono essere così dipendenti.

Quando ho iniziato a lavorare con il gas alla fine degli anni ’80, gli europei erano preoccupati di non fare troppo affidamento sulle importazioni da paesi come la Russia e l’Algeria.

– Preferirebbero non ricevere più di un terzo del loro gas da ciascuno e vogliono quanta più Norvegia possibile. Ma poi il mondo si è calmato e nei diversi paesi si sono sviluppati atteggiamenti diversi nei confronti del gas proveniente dalla Russia e dall’Algeria, ha affermato.

Per la Norvegia, i prezzi elevati forniscono enormi entrate per le aziende e lo stato. L’anno scorso, le entrate delle esportazioni di gas della Norvegia sono state pari a 476 miliardi di NOK, mentre le entrate petrolifere hanno raggiunto i 350 miliardi di NOK, secondo Statistics Norway.

Un misto di unità di misura

Non esiste un’unità di misura standard per il gas, a differenza dei prezzi del petrolio che di solito sono misurati in dollari al barile (159 litri). Per il gas viene utilizzata una combinazione di diverse unità di misura e valute:

  • In Norvegia, il prezzo del gas è tradizionalmente misurato in corone per metro cubo
  • Gli europei misurano il prezzo del gas in euro per megawattora
  • Gli Stati Uniti (e società come Equinor) misurano in dollari per milione di unità di calore britanniche (MMBtu)
  • Gli inglesi misurano il prezzo del gas in centesimi per calore (100.000 BTU)

Questo inverno, molti analisti hanno anche fatto riferimento al gas in dollari per barile di petrolio equivalente, per sottolineare che il gas è diventato più costoso del petrolio. Al massimo questo inverno, il gas in Europa è stato scambiato a circa $ 600 al barile, mentre il livello più alto per i prezzi del petrolio è stato di $ 148 al barile nel 2008.

– Perché così tante unità di misura?

– È un’ottima domanda. Forse è per ragioni storiche, dice Liimatta.

– Il mercato del gas in Europa si è tradizionalmente affidato ai gasdotti del Mare del Nord e diversi mercati hanno adottato le loro preferenze, come un centesimo per riscaldamento nel Regno Unito e un euro per megawattora in Europa. Il mercato dell’energia utilizza un po’ di gas e l’elettricità ha un prezzo in euro per megawattora, dice.

READ  Oslo Bors risale il fiume, un ex piccolo risparmiatore favorito in doppia cifra

I prezzi del gas sono generalmente fissati in relazione a qualche struttura centrale in cui avviene lo scambio. Alcune delle tariffe più note sono Henry Hub negli Stati Uniti, TTF nei Paesi Bassi e NBP nel Regno Unito.

Questa è la centrale a gas di Gersteinwerk di RWE in Germania.

Hai piani di emergenza?

Gasum è tra le aziende che comprare gas dalla russia Attraverso contratti a lungo termine, alcuni sono anche danesi Ørsted Atto. Gasum importa anche gas naturale liquefatto (GNL) dalla Norvegia, dall’Europa centrale e dalla Russia e produce biogas in Finlandia e Svezia.

Cosa succede se il gas russo si ferma?

– Esiste la possibilità che le consegne di gas russe si interrompano e abbiamo piani di emergenza per diversi scenari. Abbiamo un sacco di fonti che non sono solo russe, dice Liimatta.

L’Europa dispone di un ampio sistema di gasdotti fornito dalla Norvegia e dalla Russia, tra gli altri luoghi, ma negli ultimi anni sono state costruite diverse stazioni di ricezione del gas liquefatto (GNL). Liimatta sottolinea che il mercato del gas è cambiato molto ed è diventato globale.

Prima del 2018 c’era pochissimo GNL sul mercato. L’eccesso di offerta di GNL ha cambiato il mercato del gas. Tradizionalmente, l’Europa è stata rifornita da una rete di gasdotti dal Mare del Nord, dalla Russia e dal Nord Africa, dice.

Ora è un’offerta più diversificata, con GNL che scorre dagli Stati Uniti, dal Qatar e dai paesi africani. Il GNL ha davvero cambiato il mercato, rendendo possibili le importazioni da nuovi fornitori. Germania Pianificazione Costruire due terminali GNL per garantire fornitori diversi dalla Russia, afferma Liimatta.

Questa è Wilhelmshaven, una delle due città in cui la Germania costruirà terminali di ricezione del gas naturale liquefatto (GNL).

Leggi anche

Qui verrà costruita la nuova stazione di servizio Schulz

prendi il pugno di gas

La Norvegia sarà probabilmente in grado di fornire più gas all’Europa nel 2022, dopo aver dato a Equinor e ai suoi partner l’opportunità di posticipare alcuni interventi di manutenzione e aumentare la produzione nei giacimenti di Oseberg, Troll e Heidrun.

Sund osserva che più gas norvegese destinato all’Europa sarebbe anche in grado di aiutare i consumatori norvegesi.

“Non credo che molte persone si siano rese conto che possiamo davvero fare qualcosa per i prezzi dell’elettricità esportando più gas in Europa”, dice.

– Ora lavori con il biogas, la Norvegia può estrarre qualcosa lì?

La Norvegia può estrarre 10 TWh di energia sotto forma di biogas per trasporti pesanti e navi, dieci volte la produzione attuale, utilizzando risorse come rifiuti alimentari e rifiuti ittici. Ma sfortunatamente, c’è poca volontà di investire in questo, dice Sund.

Leggi anche

Ecco come vuole garantire il massimo delle esportazioni di gas: – Ogni piccolo contributo può essere gradito