Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dibattito: L'irreale crisi climatica – steigan.no

Dibattito: L'irreale crisi climatica – steigan.no

Geir Hasen scrive qui in risposta all'articolo di Eric Plaheti La prospettiva climatica è lontana dalla realtà. Era una critica alla recensione di John Sandvik di un libro di Geir Hasen con lo stesso titolo Crisi della conoscenza del clima. Abbiamo pubblicato la nostra recensione su Sandvik il 10 ottobre con il titolo Conoscenza e profezia. Oggi pubblichiamo anche una risposta di John Sandvik, e domani arriverà la seconda parte della critica di Blaht a Sandvik. – Signor Dott.


Commento su 'La prospettiva climatica è lontana dalla realtà“Di Eric Blaht

Geir Hasen, Docente Universitario II, Dipartimento di Cibernetica Tecnica.

Eric Blah ha scritto un commento sulla recensione del libro di John Sandvik il 10 ottobre. Dal mio libro Crisi della conoscenza del clima, pubblicato in agosto. Non si è preso la briga di leggere il libro, ma è comprensibile dato che la prima edizione è stata stracciata tre giorni dopo la sua uscita. Una nuova edizione è in fase di stampa nel momento in cui scriviamo e sarà pubblicata online non appena arriverà.

Per poter discutere di qualcosa bisogna mettersi d’accordo sulla base da cui partire. Personalmente, posso essere d'accordo con molte delle osservazioni di Blaht. Tuttavia, il passaggio dalle osservazioni alle ipotesi è discutibile, e il passaggio dalle osservazioni alle ragioni formulate dogmaticamente non rende facile la discussione. Non voglio “prendere” la mia stupidità nelle sue dichiarazioni, ma non voglio nemmeno che i suoi metodi di governo rimangano incontrastati.

Prendiamo, ad esempio, la sua dichiarazione: “Non c’è niente di più facile di Sandvik per cercare di screditare il lavoro di migliaia di scienziati climatici e naturalisti seri nel corso di molti decenni”.

Questa è maestria, verità conosciuta Argomento ab auctoritate; Appello all'autorità; Perché poiché qualcuno ha autorità in un'area, ha automaticamente ragione. Blah vorrebbe dire a me (e a Sandvik) che Galileo ha screditato il lavoro di migliaia di astronomi seri nel corso di diverse centinaia di anni, o che Darwin ha screditato il lavoro di migliaia di biologi seri nel corso di diverse centinaia di anni, o che Einstein ha screditato il lavoro di migliaia di astronomi seri. astronomi. Fisici seri da diverse centinaia di anni. La scienza non consiste nel screditare gli scienziati seri, si tratta di lavorare con ipotesi e cercare di falsificarle. Se qualcuno commette un errore, non gli servirà a niente essere serio. Se qualcuno ha torto sul clima, non aiuta il fatto che i suoi sostenitori lo chiamino scienziati del clima.

Poi prosegue: “Con accuse infondate”. Bene, almeno nel mio libro le cose sono documentate accuratamente, ma poiché Platte non ha letto il libro, può facilmente presumere che le affermazioni di Sandvik non siano documentate. Di solito è più facile discutere contro qualcuno inventando qualcosa che tu stesso credi sia vero. Questo non mi rende affatto più facile prenderlo sul serio.

READ  Il comandante Flakeford è un segnale importante

Poi prosegue: “Singoli esemplari selezionati con cura e uno stile sarcastico e inquietante”. Sono d'accordo con questo. Il mio libro sulla mancanza di conoscenza del clima è pieno di “esempi individuali accuratamente selezionati” ed è eseguito in un modo ironico e inquietante perché la maggior parte della propaganda climatica che vediamo oggi nei media – comprese una serie di affermazioni di “scienziati del clima” ” – si perde tra le mura. Leggi il libro e verifica tu stesso. È pieno di affermazioni sciocche sul clima, e il libro ne è pieno, e non si tratta solo di affermazioni mediatiche, perché sono incluse molte affermazioni di “scienziati del clima” che si rivelano false. Ci sono elenchi online di affermazioni sul clima scadute. Uno dei miei capitoli parla di questo (capitolo 7).

L’affermazione più importante al momento è che esiste una “crisi climatica”. Ma questo è solo un nuovo nome per la stessa isteria di massa che potrebbe essere proposta, come “riscaldamento globale”, “condizioni meteorologiche estreme” e “cambiamento climatico”. La parola non era mai apparsa nei rapporti sul clima, finché un recente rapporto non ha usato due frasi per dire che alcuni media avevano iniziato a usare il termine. Vedi, ad esempio, il capitolo 56 del libro.

Da parte mia è del tutto normale che la temperatura media globale aumenti, perché il clima non è mai stato costante. Negli ultimi 1-2 milioni di anni abbiamo assistito per lo più a ere glaciali con periodi approssimativamente interglaciali. 10.000 anni ogni centomila anni. La temperatura media globale è scesa di dieci gradi in meno rispetto a quella attuale, ed è stata di diversi gradi più calda nei periodi interglaciali. L’innalzamento del livello del mare è sempre stato naturale, con il livello del mare durante le ere glaciali che era di 130 metri più basso di quello attuale. I cambiamenti climatici sulla Terra sono stati enormi, ed è strano vedere un presupposto che la temperatura e l'anidride carbonica2– Il contenuto di aria era a un livello ideale finché gli esseri umani non iniziarono l'industria su larga scala poco più di 150 anni fa.

A mio modesto parere CO2Il livello sulla Terra era molto più alto durante la maggior parte dei miliardi di anni di esistenza della Terra. Tuttavia, in epoca preindustriale, il tasso era così basso che la vita vegetale sulla Terra ne risentiva. Tuttavia, le misurazioni satellitari mostrano che la Terra è diventata più verde del 15-20% dal 1979, a causa di una combinazione di aumento di anidride carbonica.2– Il livello di rimboschimento intensivo in India e Cina, vedi capitolo quattro del libro.

Le informazioni fornite da Blaht sul declino delle popolazioni di animali e insetti nel mondo sono ovviamente qualcosa che dovremmo prendere sul serio. Si tratta quindi di osservazioni. Poi arriva l’ipotesi: che gli habitat si trasformino e si degradino a causa dell’attività umana. Puoi crederci fino a un certo punto. Ma è anche l’attività umana che rilascia anidride carbonica2 E quelli che piantano foreste, e qui gli habitat ne hanno davvero beneficiato.

READ  Prigione, prigione Sim | Detenzione dell'avvocato in carcere: - Sfortunato

In questo caso, dove andranno gli insetti e gli uccelli? I lettori di steigan.no hanno potuto seguire a lungo gli articoli di Einar Vidal sulle radiazioni elettromagnetiche. L’ipotesi che siano le radiazioni elettromagnetiche a uccidere insetti e uccelli, e quindi persone e alberi, ha qualche collegamento. È un'ipotesi spaventosa, che sembra essere stata rafforzata dalle osservazioni e dal lavoro scientifico.

Inoltre, non posso prendere sul serio queste terribili accuse. Nel 2009 si è fatto avanti il ​​direttore della direzione per la gestione della natura Tecnologia settimanale Ha affermato:

“La diversità della natura si sta perdendo a un ritmo elevato in gran parte della Terra. Siamo nella sesta fase di estinzione di massa e il mondo perde fino a 50 specie ogni giorno. Ciò significa che ogni dieci specie di animali e piante diventeranno storia entro 25 anni”, afferma Solé.

Si stima che se la temperatura aumentasse di due o tre gradi, il 30% delle specie scomparirebbe.

Ho seguito l'esempio Rapporto sul clima, e questo non è mai esistito (pp. 212 e 242). Non direi che se l'è inventata lei stessa. Il rapporto sul clima era piuttosto vago con innumerevoli percentuali e possibili stime, tutto con una confidenza media che significava che era probabile che accadesse o meno – e si trattava solo di un aumento del rischio di estinzione senza una quantificazione concreta. Ne ho parlato nel capitolo 47 del libro.

Ho anche rivisto e commentato tutto nel rapporto sul clima sugli orsi polari, di fatto ogni frase (capitolo 46). Ho anche scritto della diffusione del ghiaccio nell’Artico (capitolo 10), la cui natura non è lineare come credono gli scienziati del clima, ma ciclica. Così, diversi anni fa, gli scienziati danesi iniziarono a supporre non solo che ciò fosse ciclico, ma anche che il volume del ghiaccio avesse raggiunto un minimo e avesse ripreso a crescere. In ogni caso, non ho nulla contro il Polo Nord che si libererà dai ghiacci, come è già successo in passato. Non ho assolutamente nulla contro il fatto che il clima stia diventando più caldo e che l’Artico sia più caldo, perché il limite degli alberi si sta spostando verso nord e gli alberi producono vapore acqueo, che a sua volta mantiene l’aria più calda, allo stesso tempo. Il periodo in cui le acque dei fiumi che scorrono verso l’Artico diventano più calde (vedi Capitolo 4).

Per quanto riguarda le misurazioni della temperatura che costituiscono la base per il calcolo della temperatura media globale, negli ultimi giorni ho pensato che avrei bisogno di saperne di più su come calcolarle. Pensavo che fossero calcolati da misurazioni satellitari, ma oggi ho ricevuto un'e-mail da uno scienziato del clima che afferma che questo non è vero, poiché le misurazioni della superficie reale vengono effettivamente utilizzate come base per i modelli, che poi calcolano i valori della griglia per l'intero mondo.

READ  Il successo dell'homeschooling degli Harding

Il problema con la temperatura media globale è che non si conoscono le ipotesi su cui si basa il suo calcolo (vedi, ad esempio, il terzo capitolo del libro). Ciò è dovuto a un problema chiamato “filtraggio”. Il modo più semplice per capirlo è guardare gli intervalli di temperatura in cui si trovano le temperature massime e minime durante il giorno. In Norvegia sembrano essere aumentati i valori minimi invernali, ma non quelli massimi. Ciò può essere spiegato non da un aumento dell’anidride carbonica, ma semplicemente dal fatto che c’è più vapore acqueo nell’aria, rendendo difficile che la temperatura scenda così profondamente come in passato. Quando poi si calcola la temperatura giornaliera, le informazioni relative al massimo e al minimo scompaiono. Maggiori informazioni al riguardo possono essere trovate sotto forma di grafici della temperatura dell'Istituto meteorologico su verstat.no.

Allo stesso modo, il cambiamento dell'angolo della Terra significa che la primavera può arrivare prima e cadere più tardi. Di conseguenza, la temperatura media globale aumenterà durante tutto l’anno e durante i mesi primaverili e autunnali, senza aumentare la temperatura massima estiva.

Quando si tratta di incendi, inondazioni, siccità e ondate di caldo che Blahti tecnicamente cita come prova aneddotica delle sue affermazioni, penso che sarà sufficiente consultare il libro di Gregory Wrightstone Fatti scomodiin norvegese Contrappeso: fatti climatici. Indica informazioni sugli “eventi meteorologici estremi” e le inserisce in grafici di facile comprensione. Allora almeno avrai del materiale da cui partire quando parlerai della frequenza di tali eventi.

Non ho dubbi che qua e là gli uomini stiano facendo grandi danni alla natura; Lo vediamo con l’introduzione dell’energia eolica e solare in abbondanza. La cosa divertente è che le persone che dovrebbero difendere la natura, spesso si ergono a difensori di questi atti di distruzione della natura su larga scala nel miglior spirito capitalista estremo, sotto il termine tecnico prevalente “transizione verde”. Nel libro dimostro ai capitoli 53, 54 e 55 che questa “trasformazione” non avverrà mai, perché non ci sono abbastanza soldi nel mondo per realizzarla. È un semplice calcolo. Nel capitolo 59 ho spiegato che le misurazioni della CO2 non possono essere misurate utilizzando alcuno strumento di misura, per la semplice ragione che la variabilità nelle misurazioni a Mauna Loa è in realtà maggiore dei contributi prodotti dall’uomo. Questo è un fatto matematico, non solo qualcosa che affermo.

I politici possono chiedere conti, non hanno altro. Vivono, come ha detto incredulo uno dei miei amici, “in un mondo di purè di patate rosa”. La crisi climatica non ha altra base se non una fondamentale ignoranza della realtà, e continua a mettere in ombra la ricerca seria e l’azione seria laddove sono veramente necessarie.


Leggi anche:

John Sandvik: Conoscenza e profezia.

Eric Platte: La prospettiva climatica è lontana dalla realtà.

John Sandvik: Disagio climatico.