Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dibattito norvegese … Mahmoud Farahmand | Una vittima della lotta di liberazione

Ancora una volta, il conflitto tra Israele e Hamas sta contribuendo agli ebrei in Occidente e nel resto del mondo a diventare un obiettivo.

Commenti Esprime l’opinione di chi scrive.

“Merda ebraica, merda ebraica”Gridando fuori dalle sinagoghe in Germania. La ragazza ebrea è esposta a violenze casuali e si consiglia agli ebrei di non riconoscere la loro identità religiosa.

No, non nel 1930, ma in Europa nel 2021. Il prezzo della lotta di liberazione è pagato dagli ebrei civili in Occidente.

Allo stesso tempo in cui le autorità europee esprimono il loro sostegno a Israele, la popolazione migrante dal Medio Oriente non è entusiasta. Il conflitto tra Israele e Hamas sta contribuendo ancora una volta agli ebrei in Occidente e nel resto del mondo a diventare un obiettivo di rabbioso bullismo musulmano, atti terroristici ben pianificati e finanziati dallo stato.

La critica di Erdogan

I leader europei da Londra a Parigi e Praga esprimono il loro sostegno a Israele e condannano gli attacchi arbitrari di Hamas ai civili israeliani. Non sorprende che Erdogan sia stato l’unico leader europeo ad aver criticato Israele.

Leggi anche: L’Ungheria ha bloccato la dichiarazione dell’Unione europea su Gaza

Le critiche mosse non sono accurate come ci si aspetterebbe da un leader europeo. Erdogan dice che chi è in disparte, che sta assistendo allo spargimento di sangue da parte di Israele del popolo palestinese, un giorno sarà vittima di qualcosa di simile.

Con questa dichiarazione sullo sfondo, forse non sorprende che i bulli nelle città tedesche sventolino bandiere turche e palestinesi mentre intonano slogan antisemiti come “merda ebraica” mentre dirigono un pugno nelle sinagoghe.

READ  Potrebbe essere una questione di tempo - VG

La situazione in Germania non è unica, e lo stesso si può osservare a Londra. La cosiddetta manifestazione pacifica nella capitale britannica si è conclusa con la violenza. Anche qui gli slogan antisemiti erano una parte importante delle attività.

Anche Parigi si prepara a manifestazioni molto intense.

Chiede agli ebrei di stare più attenti

Negli anni ’70 c’erano circa 3,2 milioni di ebrei che vivevano in Europa e oggi il numero è sceso a 1,3 milioni. Gli ebrei d’Europa hanno lasciato l’Europa. Non a causa dell’estrema destra, ma in gran parte a causa della persecuzione in qualche modo mirata dei musulmani radicali.

Spesso questo si presenta sotto forma di manifestazioni pacifiche per la cosiddetta liberazione della Palestina. Ma si scopre che tali manifestazioni si stanno rapidamente trasformando in antisemitismo, come gli eventi sopra menzionati.

L’European Jewish Congress raccomanda agli ebrei di stare più attenti. Le raccomandazioni hanno una dimensione di sicurezza e i portavoce si basano sull’esperienza passata.

L’ex ufficiale di polizia francese Sami Ghozlan, che si occupa di questioni di sicurezza e preparazione alle emergenze per gli ebrei in Francia, afferma quanto segue:

“Il conflitto di solito inizia a Gaza. Nelle moschee e su Internet, è alimentato dal risentimento. Il risentimento evapora per alcuni giorni prima della preghiera del venerdì, terminando con manifestazioni che a loro volta culminano nella violenza”.

I commenti di Sami Gozlan sono arrivati ​​prima di venerdì 14 maggio, ma ci saranno diversi venerdì prima della fine di questo round di disordini.

Qui puoi leggere altri commenti di Mahmoud Farahmand

Non sorprende che molti dei dati letti su Internet e ascoltati nelle notizie ruotino attorno alla missione delle organizzazioni palestinesi e dei loro sostenitori. È una lotta per la liberazione della Palestina.

READ  Le persone stanno accumulando la "cura miracolosa" - VG

Ma la domanda si traduce spesso in una richiesta molto piccola per occupare tutto tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo. Questo, ovviamente, ha alcune implicazioni pratiche.

In breve, questo significa che gli ebrei che vivono in Israele devono essere espulsi. Questo non è preso dall’immaginazione selvaggia, né è la realtà di tutti i paesi a maggioranza musulmana in Medio Oriente. Non ci sono quasi ebrei che vivono in Medio Oriente al di fuori di Israele.

Attacchi agli ebrei

Hamas, la Jihad islamica, Hezbollah ei loro alleati sia in Europa che in Medio Oriente stanno cercando di diffondere il messaggio che il popolo palestinese sarà soggetto alla persecuzione degli ebrei. La verità è un’altra cosa. Gli ebrei sono quelli che sono esposti ad attacchi mirati.

“Uccidi gli ebrei ovunque si trovino” Non è uno slogan o una frase vuota lasciarsi ingannare dai capi di stato e dai gruppi terroristici.

È una promessa che in qualche modo il denaro target viene speso e che vengono fatti tentativi per realizzarlo. Il popolo ebraico conosce il risultato di questi slogan.

Gli attacchi contro obiettivi ebraici in tutto il mondo lo testimoniano esattamente. Gli ebrei sono quelli che sono sotto attacco per le strade d’Europa, e sono gli ebrei che vengono espulsi da quasi tutti i paesi del Medio Oriente.

Leggi di più sulla discussione norvegese qui

In conclusione, dobbiamo aggiungere che i civili coinvolti in questo conflitto hanno pietà di loro e nessuno dovrebbe dubitarne. Il palestinese sta senza dubbio pagando un caro prezzo per la sua lotta di liberazione.

READ  Milioni di persone sono fuggite dall'infezione Corona

Pochi palestinesi vogliono questa guerra e questo conflitto, ma sono costretti da un gruppo terroristico che pensa solo al proprio guadagno.

Pubblicità

– La camicia più comoda che abbia mai indossato