Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dibattito norvegese, politica norvegese | Non ho pensato di aprirlo per più visite a domicilio durante il Ramadan

Mentre le infezioni rimangono elevate nelle aree affollate di migranti di Oslo, il consiglio comunale apre a 10 persone nelle case durante il Ramadan. Sembra sconsiderato.

Commenti Esprime l’opinione di chi scrive.

Non solo a Oslo, ma anche a livello nazionale, c’è una carenza di offerta che giustifica le varie misure Corona da parte degli operatori sanitari.

Nel peggiore dei casi, dà l’impressione che le azioni siano casuali e politicamente limitate, senza che si sappia veramente se ha qualcosa a che fare con la biblioteca che è l’unico negozio chiuso nel centro commerciale locale.

È una grande sfida educativa spiegare che ristoranti e caffè sono chiusi nei comuni senza infezione e che il vaccino è diffuso in modo uniforme in tutto il paese, quando l’epicentro era in alcune aree di Oslo.

Negli ultimi giorni ci sono stati soccorsi in tutto il Paese e, comprensibilmente, quando il contagio si placherà.

Quello che si capisce meno è che la riapertura di Oslo consiste essenzialmente nell’apertura a 10 persone in abitazioni private con effetto immediato.

Non è facile capire perché questa procedura abbia la priorità nel mezzo del Ramadan:

  • Durante il Ramadan, c’è la tradizione di riunirsi in case private per l’iftar.
  • Più della metà dell’infezione si verifica nelle case e in occasioni speciali.

Circa 200.000 musulmani vivono in Norvegia e nel mese di Ramadan tutti devono digiunare dall’alba al tramonto.

Secondo la tradizione, è normale rompere il digiuno con un pasto comune e la preghiera serale al tramonto (colazione).

La grande domanda è quale sarà l’impatto delle autorità che ora stanno indicando che va bene avere 10 persone in case private, almeno vista la necessità di distanza e casi noti di infezione in cui sono state infettate persone nella stessa stanza.

Idealmente, tali riunioni dovrebbero essere evitate il più possibile. I dottori Shiraz Yaqoub, Muhammad Osman Rana e Paul Okrost credono in un articolo sul Ramadan durante la pandemia Covid-19 a TidsScrift per conto di Dean Norsk..

Il Ramadan quest’anno dura da lunedì 12 aprile a mercoledì 12 maggio. Oltre al digiuno rituale ogni notte, il mese di digiuno termina con una festa e una celebrazione islamica su larga scala per contrassegnare la fine del digiuno (id o festa). In tempi normali, la famiglia si riuniva per pranzo e trascorreva l’intera giornata insieme sotto un documento d’identità.

– Quando le persone chiedono come celebriamo l’identità, rispondo che è come la vigilia di Natale per i musulmani, Yasser Ahmed al Consiglio islamico norvegese ha detto a NRK.no..

Nell’ultimo anno e quest’anno la celebrazione è naturalmente diminuita e le moschee sono state chiuse. Ma ci sono requisiti rigorosi per le misure di controllo delle infezioni per seguire la tradizione poiché la celebrazione inizia al tramonto e continua per tutto il giorno successivo, secondo l’articolo NRK.

È difficile capire perché la revoca delle restrizioni sulle visite a domicilio sia stata il primo consiglio comunale aperto per questo. Ogni singola misura non è professionalmente giustificata.

Sebbene oggi siamo aperti a un numero limitato di ospiti, chiedo a tutti di mostrare moderazione e cautela. A livello nazionale, il governo ha una raccomandazione per un massimo di cinque visitatori. Questa raccomandazione si applica anche a Oslo. Dopodiché, il numero di infezioni, il numero di persone in ospedale e il numero di vaccinati saranno cruciali per la rapidità con cui il piano può procedere. Il consigliere comunale Raymond Johansen ha detto quando è stato introdotto il piano di riapertura graduale.

READ  Joe Biden: Races: un attacco alla democrazia

Di fronte al fatto che la maggior parte delle infezioni si verificano nelle case, il consigliere comunale Raymond Johansen ha risposto: “Non è un caso che l’infezione sia entrata attraverso un ventilatore della cucina”.

Ha ragione: la malattia coronarica sta entrando nelle case di persone infette.

Quindi diventa molto strano essere aperti a più visite domiciliari in un periodo in cui gran parte della popolazione si trova nelle aree più colpite di un mese di digiuno tradizionale quando le visite a casa dell’altro sono comuni.

Il consigliere comunale Reina Marian Hansen è stato martedì in un dibattito con il portavoce della politica di immigrazione del Progress Party John Helgheim su NRK Poletsk Kfarter. Lì, il consiglio comunale di Oslo del Labour ha affermato che gli immigrati rispettano le misure di controllo delle infezioni meglio di altri norvegesi.

Guarda le clip del dibattito qui:

La fonte di questa affermazione sorprendente era un rapporto dell’Istituto nazionale di sanità pubblica.

Mari: John Helgheim sulla malattia coronarica tra gli immigrati: – L’ansia è toccata

Sfortunatamente, il sondaggio del National Institute of Public Health riguarda gli atteggiamenti verso i vaccini e il controllo delle infezioni Molto più oscuro di quanto immaginasse il consiglio comunale di Oslo. È importante tenere presente che questo si riferisce a Autodichiarazione, E questa partecipazione richiede sia un documento d’identità bancario che buone competenze norvegesi.

È quindi probabile che gli immigrati ben integrati siano rappresentati meglio di altri immigrati. Dice nell’introduzione.

Non solo questo è possibile: è quasi chiaro che il requisito dell’ID banca è un grave ostacolo per molte persone non integrate completamente. Inoltre, devi fare molto affidamento sulle autorità per accedere e ricordare che ti prendi cura delle misure di controllo delle infezioni.

È vero che seguono meglio le regole di controllo delle infezioni?

Secondo il loro rapporto, la risposta è sì: secondo le informazioni fornite da loro stessi, hanno in media un’igiene coronale migliore rispetto alle persone norvegesi con i loro genitori norvegesi. Ma poi bisogna ricordare che si tratta di auto-segnalazione e che dovevi usare il tuo ID e ID della banca per ottenere una risposta.

Tuttavia, il National Institute of Public Health presume che il follow-up del controllo delle infezioni sia più o meno lo stesso per tutti i gruppi. Tuttavia, con un’ottima prenotazione Non è “del tutto certo se i risultati siano rappresentativi degli immigrati in Norvegia nel suo insieme”.

Solo nella prossima settimana si può sperare di aprire la biblioteca o il bar situato nell’angolo, ma allo stesso tempo sarà considerato aperto per incontri di preghiera.Con un massimo di 20 persone combinate con posti a sedere fissi».

Nel materiale pubblicato dal comune di Oslo, non ci sono ragioni comunicative per aprirsi a più visitatori nelle case private durante il Ramadan.

READ  Fino a 25 morti in un'operazione antidroga in Brasile - NRK Urix - notizie e documentari stranieri

Ci sono ancora molti più casi di coronavirus in aree densamente popolate, dove vive anche la maggior parte dei musulmani che praticano il Ramadan. Aree come Alna, Stovner, Grorud e Bjerke hanno contratto ciascuno quattro volte di più del Covid-19 Da regioni come Nordre Aker, Vestre Aker e Ullern.

Ma c’è un motivo per riferirsi ai musulmani in particolare?

Non lo sappiamo, perché non ci sono dati per dimostrare che le persone che hanno una fede religiosa hanno più o meno infezioni rispetto a persone simili che non hanno la stessa fede. Inoltre, non sappiamo se gli immigrati norvegesi provenienti da paesi musulmani praticano i musulmani.

Ma ci sono alcune caratteristiche fastidiose:

Diversi rapporti dell’Istituto nazionale di sanità pubblica mostrano che gli immigrati provenienti da paesi musulmani come Pakistan, Somalia, Iraq e Turchia sono loro Sono sovrarappresentati quando si guarda ai feriti, ai malati e ai morti.

La consigliera della città di Oslo, Reina Marian Hansen, aveva ragione sul fatto che gli immigrati come gruppo si sono messi alla prova almeno con la stessa frequenza degli altri norvegesi, ma poi ha dimenticato alcuni punti importanti:

  • Persone provenienti da Norvegia, Danimarca e Svezia, ad esempio, si mettono alla prova se la stragrande maggioranza è libera dall’infezione.
  • La percentuale di test positivi è parecchie volte più alta tra gli immigrati nati in paesi come il Pakistan e la Somalia.
  • Il punto è che questi gruppi non devono essere testati tanto quanto le persone nate in Norvegia: la differenza dovrebbe essere molte volte maggiore!

La nota di NIPH ha una possibile teoria: Gli immigrati, tuttavia, possono affrontare una serie di barriere per essere sottoposti a test. Pratiche culturali e sociali, mancanza di informazioni disponibili sul test, scarso accesso reale al test possono verificarsi a causa, ad esempio, della mancanza di un’auto privata o di un accesso digitale, della paura di una perdita di reddito e dello stigma associato alla scoperta di covid-19.

C’è poco da suggerire che i nati all’estero abbiano sperimentato se stessi più del resto della popolazione, ma piuttosto il contrario. Si sono messi alla prova un po ‘meno, Si chiama anche.

Ma la cosa più pericolosa è l’atteggiamento nei confronti del vaccino: Le persone nate in Europa orientale, Asia occidentale e Africa hanno una predisposizione al vaccino significativamente inferiore rispetto ad altri gruppi di paesi e le persone nate in Norvegia da genitori norvegesi. Le differenze possono essere spiegate in una certa misura, ad esempio, durata del soggiorno, istruzione, contatto con i norvegesi, ecc.

Altri studi mostrano anche che la percentuale di coloro che rifiutano il vaccino è maggiore tra gli immigrati dall’Africa, dall’Asia occidentale e dall’Europa orientale rispetto alle persone nate in Norvegia da genitori norvegesi.

D’altra parte, abbiamo dati migliori in cui le persone sono state infettate e c’è un posto che domina, vale a dire nelle loro case. Se mettiamo occasioni speciali, il 50-60 per cento è particolarmente infetto. A Oslo, la scorsa settimana 438 persone sono rimaste ferite nelle loro case, disponiamo di statistiche.

Quello che sappiamo è che gli immigrati da una manciata di paesi musulmani sono sovrarappresentati nella malattia coronarica, nelle malattie gravi e nella morte. Sappiamo anche che lo stesso gruppo ha una percentuale più alta di coloro che si rifiutano di vaccinarsi. Quest’ultimo non è stato migliorato dal fatto che alcuni musulmani ortodossi credono che il vaccino sia una violazione del digiuno del Ramadan.

READ  Il primo aereo norvegese in partenza dall'Afghanistan - VG

La maggior parte degli studiosi islamici non è d’accordo con questo, ei medici norvegesi di origine immigrata hanno sottolineato più volte questo punto – anche in consiglio agli operatori sanitari norvegesi: – La vaccinazione contro il virus Covid-19 non interrompe il digiuno, Ad esempio, Shiraz Yaqoub e Muhammad Osman Rana scrivono sul Journal of the Norwegian Medical Association.

Ci sono molte indicazioni che questo messaggio non è stato ancora completamente ricevuto. In alcune aree, le persone nate in Norvegia vengono vaccinate a 40 anni e Nettavisen ha informazioni dagli operatori sanitari che indicano che più persone in quello che dovrebbe essere il principale gruppo target – cioè gli immigrati più anziani – stanno dicendo di no ora durante il Ramadan.

Può essere Uno dei motivi per cui alcune regioni operano così rapidamente in gruppi, mentre le regioni con pochi immigrati continuano a tenere il passo con i sessantenni.. Un altro motivo, ovviamente, è che a queste province sono state concesse quote aggiuntive.

Poiché non distribuiamo le dosi di vaccino in base al contesto del paese, il risultato è che un bambino sano di 40 anni nato in Norvegia con genitori norvegesi nella regione di Bierke viene vaccinato prima che una persona significativamente più anziana venga vaccinata in uno dei pochi immigrati, poche infezioni.

Ma queste sono analisi basate su numeri e indicatori, e non conclusioni affatto. Il consigliere comunale Reina Marian Hansen ha ragione nel dire che non sappiamo perché le popolazioni migranti di alcuni paesi siano state colpite così duramente. Quello che sappiamo è che non è dovuto principalmente a spiegazioni come finanze o professioni con un legame significativo con l’infezione o il sovraffollamento.

Ma è proprio questa incertezza che dovrebbe indurre alla cautela nella scelta di dove partire prima.

La dura realtà è che la situazione di contagio nei quartieri con un alto numero di immigrati è ancora pericolosa e supera il normale nel resto della città e nel resto del Paese. Numeri da Lo scorso mese Molti casi di infezione stanno ancora emergendo tra le persone provenienti da Pakistan, Iraq, Somalia e Siria.

In queste zone ci sono molte persone provenienti da paesi islamici e ora praticano il Ramadan per altre due settimane.

In questo contesto, è difficile capire che diverse visite a case private furono i primi consigli comunali ad agire quando Oslo riaprì.

Nota: ti fidi delle azioni delle autorità riguardo a Corona o temi che queste misure saranno seriamente ingiustificate? Scrivi un post nella discussione!

Pubblicità

Trombe fino al 17 maggio e feste estive