Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La leggenda vuole che Johan Brun sia morto

Johan Brun La sua vita come leggenda e fotografo di riviste presso DocLadette è unica. Ma era anche solo come fotografo di paesaggi.

Un comico serio, sempre con un lampo negli occhi, ma con i lati neri; Probabilmente una tristezza di vita che esiste per tutti gli artisti. Ecco perché ha cercato la natura ed è diventato tutt’uno con essa. Una volta sedeva da solo nella sua amata Hartangervida sotto il suo posto preferito Hardigan e godeva di una perfetta tranquillità a contatto con la natura e il cielo: “Se il nostro Signore fosse venuto allora, sarebbe giusto che ora tu mi avresti seguito”.

Johan aveva un ottimo record. Da adolescente era straordinariamente bella e guidava un’auto sportiva rossa con belle donne come passeggeri, tra cui una diva e un’attrice. Ingrid Word. “Con quella macchina posso scegliere e scegliere le donne.” Invecchiando, divenne ancora più bello, una specie di Ludwig italiano con il talento inventivo di Solanine Blair e Ryder Felkon.

Per me, Johan Brun è uno dei primi eroi. Quando ero in ospedale da bambino, ricevevo i giornali da mio padre; Le pagine dei giochi sono grandi. Sebbene non sapessi leggere, sono stato in grado di spiegare il nome di Johan sotto molte immagini meravigliose. Quindi, quando si è registrato per un mio seminario a Wake nel 1990, è stato quasi surreale. Poi è diventato il mio braccio destro nelle officine per molti anni – incredibile. Durante i seminari a Vago e in Italia, è diventato un centro naturalistico e un mago dell’anima, spesso nelle mani di Kambari.

Una delle qualità più importanti di Johan è che è un ragazzo di campagna. È cresciuto in una fattoria di montagna nello Utah. Questo gli ha dato una visione più sana della vita, che ha tenuto sotto controllo i suoi nervi e l’oscurità. Era pienamente consapevole del riassunto della vita e siamo solo una piccola visita a un universo più ampio. Ne abbiamo parlato più volte durante le centinaia di ore che abbiamo trascorso insieme in macchina. È un miracolo che Johan sia sfuggito a tutta la guida. C’erano così tanti conflitti, guidava come un selvaggio. Quando ha visitato Utdal, la gente ha detto: “Ora dobbiamo tenere i bambini dentro”.

Creare buone storie è importante, diceva spesso Johan allegramente. Era spesso l’uomo più fortunato della vita del cugino Anton. Gli errori e gli errori sono sempre stati trasformati in storie. Eccotene alcune:

C’è una cerimonia del Premio Nobel nella Sala dell’Università negli anni ’50, il giorno più sacro dell’anno. La famiglia reale, il norvegese ufficiale, gli ambasciatori e la stampa mondiale stanno insieme davanti al sole nebbioso. Nel mezzo del discorso del leader, il fotografo Brown di Doug Plate appare un po ‘in ritardo (spesso). Elenca corsia, nodi, calzini di cellophane e un cardigan largo con una grande fotocamera Rolliflex con flash rotondo. Il servizio fotografico ufficiale è terminato, ma ovviamente deve conservare la sua foto. Nel modo più intelligente possibile, il fotografo gira la fotocamera e si illumina verso il vincitore del premio e il re Hagon, E premere il pulsante di scatto. Pong! L’ho visto. Il lampo esplose e il vetro fu al di sopra di sua maestà. “Non credo di aver scelto di nuovo il corridoio”, disse in seguito Johan.

Il giorno successivo, dal castello giunse la notizia che non ci sarebbe stato più il divieto totale di fotografare il re con il flash. Il Comitato per il Nobel ha ricevuto una richiesta da parte dei fotografi di “vestirsi in modo appropriato per l’occasione”.

Alcuni anni fa, Johan è diventato una celebrità nazionale quando ha sparato e ucciso Skater Hallis durante i Campionati Europei del 1951 a Bislett. “Tutti” stavano guardando i pattini in quel momento, e la pistola era piena: l’eroe popolare Hallis era a pochi giri di distanza a 10.000 metri, e l’inventore di Docladet Johan Brun ha allestito un bagliore fantasma casalingo alla svolta sud. Il flash si spegne e Hallis è stordito e si scatena. Fortunatamente, è dovuto tornare indietro e ha vinto il campionato europeo. Lui e Johanne si sono riuniti alla radio, alla televisione e sui giornali, “fino alla morte di Hallis”.

Ancora una volta, Ludwig di Fluclipa arriva in un corridoio. C’è un concerto APPA alla Nortstrandshall di Oslo. L’uomo delle alte montagne si accorge che le quattro figure sono distratte sul palco e batte una giovane donna sulla spalla in estasi: “Scusa, chi di loro è ABPA?” Non merita naturalmente una risposta e dopo pochi minuti torna in redazione di Dougblatt. “Non so chi sia il padre”, spiega al preside, “così ho fatto una foto altrettanto bella di noi quattro”.

A proposito di musicisti pop: alcuni anni fa, quando sono apparsi alcuni film sconosciuti dei Beatles, Johan ha ricevuto nuova attenzione. Quando l’ho incontrato dopo un po ‘, non era confuso: pensava di fotografare una normale band da ballo.

Era un fotografo che ha ritratto la vita con cuore, calore e umanità.

“Dov’è Johan nello spazio vuoto?” Docblade è un giornale notturno, e i concorrenti sono tutti giornali del mattino. Quindi, Doclad doveva avere sempre un’angolazione diversa sulle immagini. Questo ha costretto Johan a trovare soluzioni creative e di regola le sue foto sono le migliori. Quindi questa è una domanda tesa da altri fotografi.

Gran parte della carriera di Johan Brun come fotografo di riviste è una storia di successo. Era un fotografo che ha ritratto la vita con cuore, calore e umanità. I fotografi descrivono il dramma della morte, dell’ambulanza e dell’ambulanza aerea quando un autobus pieno di scolari svedesi muore a Medellin, nella Norvegia occidentale. Johan si è svegliato il giorno dopo quando tutto era chiaro e tranquillo. All’interno del tunnel dello schianto, un bouquet era attaccato con la scritta “Un saluto dal popolo norvegese”. Duckbladt lo ha diffuso su entrambi i lati e con calorosi saluti è diventato l’epitome dello schianto dei discendenti della metropolitana.

Anche le foto di paesaggi di Johan sono migliorate, migliorate, più strette, più strette e posso dire con certezza che negli anni ’90, dopo aver raggiunto i 70 anni, ha concepito il meglio.

Johan era sempre alla ricerca di nuove sfide e nuove conoscenze. Ma ha portato con sé valori di un’altra epoca. Era diligente. Industriale. Era più interessato a dare che a ricevere. Ha sempre voluto fare un piccolo extra. La sua intera base di valore è inclusa nelle sue immagini e nella sua luce.

La sua foto Alf Brysen Un esempio della sensibilità di Johann come fotografo. Con le mani sulla schiena, Breisen cammina verso la strada della sua infanzia, Brestwagen.

Alle Olimpiadi del 1960 nella Valle della Squa, Johan Brun è stato l’unico fotografo di giornali norvegesi. Le foto che ha scattato sono famose e queste foto sportive sono raramente realizzate. Nel tentativo di battere il record mondiale di 10.000 metri, il ritratto di Nut “Cooper” Johanneson è diventato una foto iconica di uno dei più grandi eroi del paese.

Sua moglie Ingrid e i figli Johan sono qualcosa di cui parlano tutto il tempo. Mentre ascoltava musica classica al mattino nei seminari a Waco e in Italia, il suo amore per lei era intenso. Ma lui, come molti di noi, sentiva di essere in declino.

Dio, ci manchi già, caro Johan!
Grazie per tutti i momenti indimenticabili.
Grazie per tutto quello che ci hai dato.
Alziamo i bicchieri e chiniamo la testa per te.

Hai vissuto a lungo. Ora è finita. Ma promettiamo di ridere quando ci ricordiamo di te. Con le lacrime alla gola.

Consiglio vivamente il video La vita in montagna è la morte, Johan parla molto bene di queste cose.

leggi di più:

Johan Brun è morto

READ  Rogo's Picada: etichetta americana sulla ricetta italiana standard Grazie allo chef e sindaco preferito di Ducen di Chicago per un lotto di limoni! Funzione chow