Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Djokovic arrestato e messo in quarantena all’hotel NRK Urix – notizie e documentari dall’estero

La polizia ha arrestato venerdì sera il tennista serbo. Djokovic inizialmente ha ottenuto un’esenzione dall’obbligo del vaccino in Australia, ma ora è accusato di aver violato le regole di controllo delle infezioni. Secondo Agence France-Presse, le autorità temono che possa ispirare gli oppositori del vaccino.

Più di 200 contendenti al vaccino si sono ora radunati fuori dalla Rod Laver Arena, il campo principale degli Australian Open. Scrive per il quotidiano australiano Il Sydney Morning Herald.

Gli avversari si uniranno al gruppo che ha organizzato proteste settimanali durante la pandemia. Si dice che i partecipanti abbiano gridato cose come “rilascia Novak” e “lascialo giocare”, oltre a slogan contro la vaccinazione coercitiva e i passaporti di vaccinazione.




L’espulsione di Djokovic dall’Australia è stata posticipata


In campo: il tennista Novak Djokovic doveva difendere il titolo dagli Australian Open, ma rischia di essere espulso dal Paese.

Foto: Mark Baker / AP

Dovrebbe essere in tribunale

Il campo da tennis Novak Djokovic è in Australia per difendere il titolo agli Australian Open, ma ora è stato arrestato e domenica dovrà comparire in tribunale.

In due occasioni, la sua domanda di visto è stata respinta dalle autorità australiane, ma Djokovic ha contestato le sentenze e ha chiesto assistenza legale.

Sabato mattina, ora locale, lui e il suo avvocato hanno partecipato a una videoconferenza con un tribunale di Melbourne. L’incontro si è svolto nello studio dell’avvocato. All’estero era prevista una grande riunione di stampa, ma né Djokovic né l’avvocato hanno voluto dire nulla dopo l’incontro.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha affermato che la decisione di rifiutare una domanda di visto è arrivata dopo un’attenta valutazione. Le autorità sono state criticate in primo luogo per aver esentato il giocatore dalle regole di vaccinazione.

“Gli australiani hanno sacrificato così tanto durante la pandemia e si aspettano di proteggere i risultati di queste vittime”, ha detto Morrison. BBC.

Può influenzare gli altri

in un Posta A Djokovic e al suo avvocato, il ministro dell’Immigrazione Alex Hawke ha scritto di temere che la presenza del tennista potesse rappresentare un rischio per la salute della società australiana e portare alla disobbedienza civile.

Negli atti del tribunale, gli avvocati del tennista sembrano sostenere che non ci sono prove che la presenza di Djokovic possa aumentare la resistenza al vaccino.

– È una persona di buona reputazione, un diplomatico della nazione serba, dici la risposta.

Il serbo Novak Djokovic (a sinistra) e lo spagnolo Rafael Nadal

Il torneo più importante: lo spagnolo Rafael Nadal (a destra) pensa che la cosa più importante sia il torneo, qui con Novak Djokovic (a sinistra)

Foto: MARTIN BUREAU / AFP

Nessuno è più grande del campionato

L’Australian Open è il primo Grande Slam dell’anno ed è considerato una delle più importanti competizioni annuali di tennis.

Diversi importanti tennisti partecipanti al torneo hanno risposto al caso Djokovic.

“Djokovic è senza dubbio uno dei migliori giocatori della storia, ma nessuno è più grande del campionato”, ha detto il tennista Rafael Nadal, citato dall’AFP.

Naomi Osaka, detentrice del titolo femminile dell’Australian Open, ritiene che sia triste che Djokovic sia ricordato più per la sua opposizione a un vaccino piuttosto che per i suoi risultati in campo.

giocatore australiano Alex de Minaur è rattristato dalla situazione e si sta allontanando dal torneo e dagli altri giocatori.

– Siamo qui per giocare agli Australian Open.

Fotografi e giornalisti esterni allo studio legale Djokovic a Melbourne, Australia

Fotografi e giornalisti si sono accalcati davanti all’ufficio dell’avvocato di Djokovic a Melbourne sabato mattina.

Foto: Lauren Elliott/Reuters

Negli hotel in quarantena

Secondo Reuters, l’incontro si è concluso con l’accordo su una nuova sessione del tribunale domenica, con la domanda di visto di Djokovic che è tornata ad essere l’argomento.

Se la domanda di visto viene rifiutata, Djokovic sarà espulso dall’Australia per un periodo di tre anni.

Dopo l’udienza in tribunale sabato mattina, Djokovic è stato nuovamente detenuto nello stesso hotel di quarantena in cui si era seduto nel round precedente mentre la sua domanda di visto era in corso di elaborazione.

Djokovic non ha perso la speranza che l’arbitro annulli il rifiuto della sua domanda di visto in modo da poter difendere il titolo agli Australian Open. Il torneo inizia lunedì.

READ  Posto di vittoria a 16cento dal podio - La fonte ha rovinato la gara - NRK Sport - Notizie sportive, risultati e programma delle trasmissioni