Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dobbiamo creare buoni spazi sociali per l’apprendimento digitale

discussione yngve røe og tengel aas sandtrø

Un nuovo rapporto mostra che il design fisico delle aule deve adattarsi in gran parte a forme di apprendimento dinamiche e ibride, secondo gli autori della pubblicazione.

Questo testo è un post di discussione. Il contenuto del testo esprime l’opinione dell’autore.

nonostante Che le diverse forme di apprendimento centrato sullo studente nell’istruzione superiore siano supportate dalla ricerca e volute dalle autorità, l’introduzione richiede tempo. Sono state sollevate speranze che la tecnologia di apprendimento digitale contribuirà a riformare i metodi di insegnamento.

esperienze da Prima e durante la pandemia di Covid-19, mostra che gli insegnanti non sono abbastanza bravi a combinare la tecnologia digitale con metodi di insegnamento attivi incentrati sullo studente. Di conseguenza, Christine B. Meyer’s Articolo in Dagens Næringsliv Come gli insegnanti lottano per riportare gli studenti alle lezioni fisiche quando aprono.

medicina myers è che le università dovrebbero ricostruire le sale, facilitare i gruppi di studenti più piccoli e aumentare l’interazione. Pensiamo che Mayer stia parlando di qualcosa di importante qui, ma una tale strategia dovrebbe avere un approccio più ampio all’ambiente di apprendimento fisico che vogliamo nelle università del futuro.

Uno dei risultati In un rapporto pubblicato di recente Modalità digitale 2021, è che la progettazione fisica degli spazi didattici deve adattarsi ampiamente a forme di apprendimento dinamiche e miste.

Le università hanno Spesso si tratta di un edificio con diverse categorie di stanze, di cui fanno parte le sale tradizionali. In un’università professionale come OsloMet, invece, esiste un’altra classe di aule, le cosiddette aule private, che rappresentano più della metà delle aule didattiche.

stanze private Progettato per insegnare abilità che sono spesso specifiche del programma. Gli esempi includono un laboratorio di chimica nell’istruzione ingegneristica o un salotto nell’istruzione di un fisioterapista.

A partire dal Da un punto di vista educativo, le stanze private sono più o meno adatte alla diversità educativa o allestite per l’apprendimento digitale. Riteniamo che l’ampia scala di queste aule possa aiutare a rallentare la transizione verso un curriculum digitale più attivo e diversificato.

OsloMet era in anticipo Al fine di facilitare la trasformazione digitale. Dal 2014 è iniziato un lavoro sistematico per facilitare aule ricche di tecnologia. La prima aula tecnologica, Prolab (Laboratorio Professionale), è pensata per testare e diversificare le modalità di apprendimento digitale attivo.

in base all’esperienza Da allora Prolab è passato di mano diverse volte e oggi è una sala di gruppo ricca di tecnologia che può ospitare 66 studenti. L’aula è dotata di un tavolo di gruppo, piccoli schermi per presentazioni di gruppo, 5 grandi schermi per presentazioni generali e un personal computer fisso per l’insegnante con Sympodium Smartboard.

Numero di gruppi e posti È stato cambiato da molte ripetizioni (ripetizione), ma ora sono 11 gruppi di 6 studenti. Un esempio di test è stato l’abbassamento della soglia per la visualizzazione del lavoro da parte degli studenti, consentendo a studenti e insegnanti di essere presenti da un PC o da un telefono cellulare su schermi di grandi dimensioni tramite la rete wireless, indipendentemente da dove si trovano nella stanza.

Prime esperienze Con l’uso di Prolab nell’insegnamento in classe inversa è stato molto buono e Scientificamente connesso. Sulla base dei test di Prolab, molte di queste classi sono state create dal 2015, seguendo lo stesso modello. Sulla base dell’esperimento, sono state apportate modifiche, come spostare il catetere al centro del pavimento, circondato da gruppi di studenti su tutti i lati.

di tecnologiaLe stanze basate su gruppi invitano alla collaborazione attiva tra gli studenti e ad attività meno guidate dall’insegnante. L’infrastruttura è semplice, con grandi schermi a parete sparsi in tutta la stanza e tavoli comuni con prese di corrente accessibili.

Punto Ecco che le aule non sono sviluppate per un modello pedagogico specifico, ma per diversificare gli stili di apprendimento. L’arredamento essenziale delle stanze fa sì che gli studenti lavorino in gruppo, cosa che riteniamo sia un’importante premessa pedagogica.

di tecnologia Le lezioni divennero rapidamente popolari tra gli insegnanti. Inizialmente, queste stanze erano spesso utilizzate per i metodi di insegnamento tradizionali. Successivamente, le stanze sono state sempre più utilizzate per ciò per cui sono state progettate, ovvero la pedagogia digitale attiva.

Dal punto di vista dell’insegnante Le aule ricche di tecnologia possono essere impegnative. Risultati della nostra ricerca Tuttavia, sottolinea che l’insegnamento digitale in tali contesti fornisce una maggiore interazione sociale e quindi un diverso tipo di conoscenza.

Ha reso visibile l’epidemia Scarsa presenza fisica per controllare l’infezione. Sulla scia di questa situazione storica, le università possono prendere decisioni affrettate per sviluppare le cosiddette aule ibride (aule dove l’insegnamento online e l’educazione fisica si svolgono contemporaneamente).

Camere richieste L’infrastruttura tecnica è costosa e l’insegnamento sarà difficile da gestire per gli insegnanti. Di conseguenza, crediamo che la pianificazione educativa e la diversità ne risentiranno. Ancora peggio, l’interazione sociale tra studenti può essere facilmente danneggiata.

ci manca Buone ragioni pedagogiche per le stanze miste e timori che potrebbero aiutare a rallentare l’introduzione della pedagogia digitale attiva.

avere successo Con la trasformazione digitale, è importante che le università ora controllino efficacemente l’ambiente fisico di apprendimento, ovvero le aule. C’è bisogno di molti spazi didattici ampi e ricchi di tecnologia che offrano opportunità per la diversità educativa e che siano buoni spazi sociali in cui vivere.

deve essere La vita del campus anche dopo il normale orario di lavoro! Per portare il cambiamento, è necessario porre un’attenzione critica su quelle parti del campo dell’insegnamento che impediscono l’introduzione della pedagogia digitale attiva.

I segnali inviati dall’aula In termini di insegnamento e apprendimento, non dovrebbe essere sottovalutato. L’istruzione superiore è un percorso educativo in cui gli studenti devono conoscersi e imparare a lavorare in team. Creiamo spazi sociali di apprendimento digitale di qualità che migliorano il benessere e aumentano la qualità dell’istruzione.

Tengel Aas Sandtrø ha lavorato con le sale digitali presso la gestione della proprietà, OsloMet.

Yngve Røe ricerca metodi per insegnare l’apprendimento digitale attivo nell’istruzione superiore.

Segui altre discussioni nel mondo accademico sulla pagina delle opinioni di Khrono

READ  Sciopero 100mila medici turchi, mentre cresce il movimento globale degli operatori sanitari