Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dobbiamo lottare per il diritto di governare

discussione Non Johnny Olsen

Il professore di sociologia Ole Jonny Olsen scrive che l’antica forma di governo nelle università ha aperto molte più possibilità di autonomia e gestione collettiva per la pratica accademica di quanto non faccia oggi.

Questo testo è un post di discussione. Il contenuto del testo esprime l’opinione dell’autore.

C’è una discussione A proposito di una normale giornata lavorativa per accademici, dopo gli avvisi di aumento della pressione sul lavoro e di persone che si sentono sopraffatte da troppi compiti. Il mio commento è stato che questo è stato il risultato di una trasformazione a lungo termine delle università in aziende e degli accademici che lavorano in lavoratori salariati.

capitalismo accademico I suoi rami si estendevano fino alla Norvegia, come nel resto del mondo. Il risultato è un controllo dall’alto e una perdita di indipendenza, sotto vincoli sempre più stringenti. Ciò solleva la necessità di difendere le proprie condizioni di dipendenti. Una valida e ragionevole difesa.

Ma il pericolo Quella direzione coltiva allo stesso tempo l’identità di lavoratore salariato, in contrapposizione all’identità di studioso accademico. Indebolisce le condizioni di lavoro regolate dall’impegno professionale, dalla professionalità e dall’appartenenza comunitaria.

questa eccitazione Il ruolo del salariato subordinato e del professionista indipendente è un fenomeno ben noto nella vita lavorativa. Sono d’accordo con Olvestad ha urlato che si trattava di una “falsa scissione”., nel senso che uno non è né l’uno né l’altro. Come ho detto in quell’intervista, anche gli accademici che lavorano all’università sono lavoratori retribuiti. Ma il problema è quale ruolo si sta sviluppando. Non meno di quelli che assumono.

Anch’io sono completamente d’accordo Con Olvestad nel chiarire la missione dei sindacati nella lotta per l’indipendenza professionale. Ha molti buoni punti lì. Personalmente, sono un membro di NTL e sono anche membro del consiglio di amministrazione di UiB da diversi anni e sono molto contento del lavoro che è stato svolto in quell’associazione quando si tratta di politica della conoscenza. Ma sono stato anche membro di un college professionale per molti anni, che eleggeva i suoi consigli e i suoi leader e sentiva che “governava la propria casa”.

come un college Non eravamo dipendenti, ma “angeli”. I rappresentanti eletti non si sono seduti in riunione con “l’altra parte”. Non ci sono state “negoziazioni”, ma discussioni per prendere una decisione collettiva. c’è una differenza. Pertanto, ho detto che il giorno in cui dovremmo combattere le nostre battaglie attraverso l’unione, è un segno che abbiamo iniziato la lotta – per la “proprietà”.

Nelle aziende private e pubbliche I manager hanno “diritti di controllo”. Hanno il diritto di “condurre e distribuire il lavoro”, come viene chiamato. Sì, è stipulato nella convenzione principale della vita lavorativa norvegese. Quando questo accordo è stato firmato per la prima volta tra il LO e il NAF (ora NHO), c’erano molte voci critiche nel movimento operaio che suggerivano che ciò significava consegnare l’indipendenza professionale dei lavoratori al datore di lavoro (i proprietari e i loro dirigenti). Era abbandonare un principio fondamentale del socialismo democratico. Ma se la corte è assoluta in linea di principio, in realtà è relativa.

L’antica forma di governo non assomigliava ai Poeti del Rosario. lontano da esso. Ma c’era spazio per l’autonomia e il controllo collettivo sulla pratica accademica.

Ole Jonny Olsen è professore di sociologia all’Università di Bergen

È stato decisivo L’atteggiamento dei dipendenti nel processo lavorativo e la loro lotta per difendere il loro ruolo di professionisti – come produttori. Questo ruolo è presente in tutti i lavori retribuiti, non solo nelle professioni “liberali”. Ma era più evidente nei gruppi professionali come elettricisti, operai edili, artigiani, operatori sanitari, insegnanti, ecc., dove la questione dell’autonomia era una parte importante della lotta collettiva per gli interessi dei lavoratori. Oggi quell’autonomia è minacciata ovunque – e indebolita dopo anni di NPM e tutte le forme di gestione del mercato.

gli insegnanti lo facevano Anche l’errore comune di permettere ai loro sindacati di promuovere unilateralmente gli interessi dei lavoratori salariati è stato alla base delle lotte degli anni ’80 e ’90, proprio in un momento in cui gli attacchi all’indipendenza sindacale erano seri. Non sappiamo se il risultato sarà diverso, ma quando le scuole sono state trasformate in “unità di risorse” e i presidi in “leader”, la corsa è finita e gli insegnanti sono stati lasciati a cercare di cavarsela da soli contro il controllo del rispetto dell'”orario di lavoro”. ‘. (Quindi la lotta per una “normale giornata lavorativa” è stata capovolta nel cortile. Come accade così facilmente nei college e nelle università.)

Queste esperienze Dovremmo prestare attenzione, ma nelle università questo vale anche di più. Qui non c’era solo autonomia in fatto di “condurre e distribuire” l’opera (per quanto fosse data per scontata, ma non più). Si trattava anche di quale lavoro doveva essere fatto, cosa doveva essere prodotto, e del contenuto e della forma degli studi, dell’insegnamento, della ricerca e della pubblicazione.

è stato Consigli eletti, in unità di base come dipartimenti e collegi, come nella massima autorità – Università, esattamente come si chiamava in passato. Questi consigli fornivano orientamenti e prendevano decisioni su studi, occupazione e iniziative di carriera. Hanno acquisito legittimità e sostegno dalle discussioni di gruppo, dal basso. In origine, questi consigli erano governati da professori, ma la democratizzazione degli anni ’70 ha avuto un impatto enorme su tutti i gruppi nelle università, sia dipendenti che studenti.

Oggi le schede hanno cambiare personalità. Sempre più persone hanno assunto manager, dall’alto, con autisti esterni. Nelle sezioni, sono stati trasformati in “tavole”. I “leader” vengono inviati in sessioni di formazione e si coltiva l’idea che devono praticare la “leadership”. Dovrebbero iniziare cose che rispondono agli spunti di punteggi più alti o alti sulle scale della competizione. In ogni caso, dovrebbero tenere le spalle lontane da NOKUT e da altri ispettori esterni. Aumentano i dipartimenti, aumenta il numero dei dirigenti, con vicedirettori, dirigenti e consiglieri.

Ci si potrebbe chiedere Come potevano essere gestite le università negli anni ’90, quando grandi gruppi di studenti riempivano le aule e le commissioni d’esame si moltiplicavano. Le segreterie ei dipartimenti delle facoltà gestivano l’attività con grande calma, routine fissa e uno o due impiegati amministrativi.

La vecchia forma di governo Non era un poeta roseo. lontano da esso. Ma c’era spazio per l’autonomia e il controllo collettivo sulla pratica accademica. Le stanze sono molto più grandi di oggi. Quindi il mio appello è il seguente: aumentare la lotta contro lo sfruttamento e l’ingiustizia come lavoratori, lottare per l’indipendenza professionale, nei sindacati e in ciò che resta dei consigli e dei consigli comunali, ma anche mobilitare le forze nella lotta per il ripristino il diritto di governare. .

Leggi anche:

Segui altre discussioni nel mondo accademico sulla pagina delle opinioni di Khrono

READ  Importanti chiarimenti su disposizioni ed esenzioni UU