Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Domanda futura e prezzo altamente incerti – E24

Un rapido allontanamento dall’energia fossile potrebbe minacciare i valori del petrolio di 116.000 miliardi di NOK, secondo gli analisti di Wood Mackenzie.

Qui, uno dei moduli per la quinta piattaforma viene sollevato nel gigantesco campo Johan Sverdrup nel Mare del Nord, che secondo il piano produrrà per i prossimi cinquant’anni e trarrà profitti a un prezzo del petrolio superiore ai 20 dollari al barile. Il valore futuro del business petrolifero sta diventando incerto, secondo Wood Mackenzie.

Øyvind Sætre, Aibel

Pubblicato: Pubblicato:

Per molti anni, le autorità norvegesi e gli attori petroliferi hanno affermato che il mondo avrà bisogno di petrolio e gas per molti decenni a venire.

Questa ipotesi rimane vera, secondo gli analisti petroliferi della compagnia Wood Mackenzie.

Tuttavia, la domanda è quale prezzo otterranno i produttori per i loro prodotti quando si svilupperà sempre più energia eolica e solare, e c’è anche un investimento significativo in idrogeno, batterie e biocarburanti.

Wood Mackenzie osserva in un recente rapporto che il previsto spostamento globale dall’energia fossile si aggiunge all’incertezza sul valore delle attività globali a monte.

La differenza nei valori potrebbe raggiungere i 14.000 miliardi di dollari, o 116.000 miliardi di corone, se la domanda continua ad aumentare o il mondo si sbarazza dell’energia fossile più velocemente, stima Wood Mackenzie.

In altre parole, un rapido cambiamento da petrolio e gas potrebbe minacciare valori di petrolio e gas che sono equivalenti a più di dieci volte il Norwegian Petroleum Fund.

L’industria ritiene di dover fornire petrolio e gas a un mondo in cui la domanda e il prezzo futuri sono altamente incerti, afferma il direttore di Wood Mackenzie, Fraser McKay, in una dichiarazione.

Secondo Wood Mackenzie, l’allontanamento pianificato dall’energia fossile sta creando un grande divario nella stima del valore che detengono i produttori globali di petrolio e gas. Le barre blu chiaro sono la quota degli operatori, mentre le barre blu scuro sono la quota dei governi ospitanti. A sinistra sono riportati i valori della continua crescita della domanda, mentre la barra a destra mostra i valori del business upstream in uno scenario di ristrutturazione più rapida.

Wood Mackenzie

Leggi anche

Il rapporto dell’AIE mette in dubbio i nuovi giacimenti di petrolio e gas: – Non verrà fissata alcuna data di scadenza

Ancora ottimi valori

Nonostante la crescente incertezza, c’è ancora un valore significativo nelle attività gestite da compagnie petrolifere come Saudi Aramco, Exxon e Norwegian Equinor.

Wood Mackenzie stima che il valore delle sue attività di esplorazione di petrolio e gas sia di 23.000 miliardi di dollari al lordo delle tasse se la domanda di petrolio e gas continua ad aumentare.

D’altra parte, i valori potrebbero scendere ad almeno $ 9.000 miliardi se il mondo intraprendesse un’azione decisa per ridurre l’energia fossile, osserva Wood Mackenzie.

La società stima la quota degli operatori di questi valori al netto delle imposte tra $ 3.000 e $ 9.000 miliardi. Il resto va ai governi dei paesi in cui avviene l’estrazione.

La gamma di potenziali risultati è sbalorditiva. McKay ha detto che il mondo avrà ancora bisogno di forniture di petrolio e gas per i decenni a venire e le dimensioni di questo settore rimarranno enormi.

Avviso! Molti dei campi norvegesi sono redditizi anche a prezzi molto bassi. Equinor stima, ad esempio, il campo gigante di Johan Sverdrup Fare soldi Fintanto che il prezzo del petrolio è superiore a $ 20 al barile.

Fraser McKay, Wood Mackenzie.

Wood Mackenzie

Leggi anche

Il piano dell’Agenzia internazionale per l’energia per raggiungere gli obiettivi climatici: – Forse la più grande sfida per l’umanità di sempre

Un’ipotesi importante potrebbe scomparire

Ci sono sempre stati rischi associati ai progetti di petrolio e gas, qualcosa di cui l’industria ha preso atto quando il prezzo del petrolio è sceso bruscamente dal 2014 dopo essere stato di circa $ 100 al barile per diversi anni. Nel 2016, il prezzo ha raggiunto il minimo storico di meno di $ 30 al barile.

Ma finora l’industria petrolifera ha avuto il potenziale per aumentare la domanda. Tuttavia, questa ipotesi potrebbe essere sul punto di evaporare ora che il mondo raggiungerà gli obiettivi climatici dell’accordo di Parigi, osserva Wood Mackenzie.

Wood Mackenzie ritiene che la domanda di petrolio continuerà probabilmente ad aumentare nel prossimo decennio o più a lungo. Ma se il mondo si stesse adattando più velocemente a causa di ragioni climatiche, pensano che potrebbe danneggiare la domanda E il prezzo.

Più di recente, nello scenario “Rapid Energy Transition 2”, Wood Mackenzie ha stimato che i prezzi del petrolio potrebbero scendere a 40 dollari al barile entro il 2030. Oggi il petrolio costa 67 dollari al barile.

Entro il 2050, i prezzi del petrolio potrebbero scendere tra i 10 ei 18 dollari al barile, stimano, date le forti misure globali per eliminare gradualmente l’energia fossile. D’altro canto, ritengono che la domanda ei prezzi del gas rimarranno probabilmente un po ‘più alti.

Il pericolo per l’industria petrolifera è diventato evidente anche in una dimensione Rapporto recente dell’Agenzia internazionale per l’energia Questa settimana, che ha stabilito come il mondo possa raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050. Quindi, i nuovi giacimenti di petrolio e gas non saranno necessari dopo il 2021, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia.

L’Agenzia Internazionale per l’Energia ha stimato il prezzo del petrolio nel suo scenario a 35 $ al barile nel 2030, 28 $ al barile nel 2040 e 24 $ al barile nel 2050. È probabile che la produzione si concentrerà nei paesi meno costosi, come l’International Energy L’agenzia ha predetto.

La roadmap dell’Agenzia internazionale per l’energia per le emissioni nette zero nel 2050 significa una forte riduzione del consumo di carbone, petrolio e gas.

Agenzia internazionale per l’energia (IEA)

Leggi anche

L’Agenzia internazionale per l’energia ha cambiato le basi del dibattito sul petrolio norvegese: – Dovrebbe essere un vero campanello d’allarme

Tagliare i costi

Dopo il calo dei prezzi del petrolio nel 2014-2016, l’industria ha tagliato drasticamente i costi. Wood Mackenzie ritiene che la capacità di dimostrare una buona disciplina nell’uso dei fondi e operazioni efficienti sarà importante per convincere gli investitori a spendere soldi in petrolio e gas in futuro.

Solo progetti eccezionali a basso costo funzioneranno in tutti gli scenari di domanda. È inevitabile che il costo del capitale sui costi operativi di petrolio e gas aumenti, afferma Angus Rodger, direttore della ricerca presso Wood Mackenzie.

Gli investimenti nel settore dovrebbero essere in gran parte dirottati dal petrolio al gas, sebbene il prezzo del gas sia molto inferiore a quello del gas per volume di energia. Tuttavia, un tale cambiamento richiederebbe una modifica dei prezzi degli esportatori di energia.

“Il prezzo del gas è inferiore per ogni equivalente di energia e questo rapporto deve essere invertito come nello scenario AET-2 per raggiungere questo obiettivo”, afferma Rodger.

McKay si aspetta molte fusioni nel settore e le aziende di nicchia cercheranno aree in cui possono continuare a fare soldi. Si ritiene che i prezzi al livello attuale in alcuni anni riempiranno le casse per facilitare il finanziamento della ristrutturazione.

“Tutti i modelli di business devono adattarsi per massimizzare il valore man mano che il settore del petrolio e del gas matura”, ha affermato McKay.

Researchdirektør Angus Rodger i Wood Mackenzie.

Wood Mackenzie

Leggi anche

Il ricercatore non crede nelle macchie di petrolio della Norvegia

Leggi anche

Podcast E24: è giunto il momento di creare nuovi giacimenti petroliferi?

READ  Kiwi Drogheria | Esperto: - La trasparenza sui prezzi dei concorrenti potrebbe portare a cibi più costosi