Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Donald Trump potrebbe diventare la carta più sicura per i Democratici

Commento: se i repubblicani vogliono assicurarsi di perdere le elezioni presidenziali nel 2024, dovrebbero nominare Donald Trump.

Donald Trump sta cercando di creare entusiasmo, ma è rimasto indietro.
Inserito: Inserito:

L’ex presidente perde elettori cristiani conservatori a causa del vicepresidente Mike Pence. Gli elettori repubblicani moderati si stanno mobilitando dietro il governatore della Florida Ron DeSantis. A Donald Trump è rimasto un solido nucleo di fedeli sostenitori, ma non abbastanza per vincere le elezioni.

in sondaggio Condotto dalla Suffolk University, pubblicato su USA Today il 29 luglio, il famoso governatore della Florida ha ottenuto il sostegno del 63,8 per cento degli elettori repubblicani a cui è stato chiesto chi vorrebbero come candidato presidenziale (come prima o seconda scelta) per il Partito Repubblicano in 2024. Trump arriva secondo, seguito da Mike Pence e dall’ex ambasciatore delle Nazioni Unite Nikki Haley.

La questione dell’economia e dell’aborto sono le due questioni che la maggior parte degli intervistati ha identificato come le più importanti, e poi contano anche gli elettori democratici. Sebbene un totale del 45% degli intervistati pensi che Joe Biden non stia facendo un lavoro abbastanza buono, il 44,6% ha affermato che voterebbe per lui, mentre il 40,9% voterebbe per Trump, se le prossime elezioni presidenziali fossero una rivincita. .

Trump è un chiaro perdente

Prima di arrivare a tanto, quest’anno si terranno elezioni suppletive snervanti. Mentre scriviamo novembre, i Democratici considereranno una vittoria se manterranno la maggioranza in una delle due Camere del Congresso. Le elezioni di medio termine indicano – come suggerisce il nome – che siamo nel bel mezzo di un’elezione presidenziale e, come sembra ora, Joe Biden non è un candidato forte per la rielezione.

READ  Dibattito, scorci | Rispondi a Farstad su Haikin

Il mal di testa dei Democratici è che anche il vicepresidente Kamala Harris non ha impressionato gli elettori. Il suo progetto doveva essere l’assemblea delle forze progressiste e moderate nel partito, ma finora non è riuscito.

Tuttavia, Harris ottiene il punteggio più alto tra gli elettori del partito, quando gli viene chiesto chi vorrebbe come candidato alla presidenza se Biden non si candidasse, ma questo è un piccolo progresso: qui ha il sostegno del 17,95% degli elettori democratici. Il segretario ai trasporti Pete Buttigieg ha avuto un sostegno del 15,91%. Al terzo posto si avvicina l’80enne Bernie Sanders, seguito da Alexandria Ocasio-Cortez.

Donald Trump ha perso le elezioni presidenziali del 2020 e poi ha cercato di demolire l’intera democrazia americana. L’udienza del 6 gennaio ha rivelato che Trump aveva insultato se stesso e il partito. Col passare del tempo e le urne, tutto indica che Donald Trump sarà un chiaro candidato perdente al prossimo bivio. Vuole – come l’ultima volta – mobilitare più elettori contro stessi da per loro stessi.

I numeri sono chiari: sembra che Donald Trump sia un candidato che perderà chiaramente contro Joe Biden, se l’incumbent va per un altro mandato. Se le elezioni del 2024 diventano una seconda partita dopo il 2020, i candidati alla presidenza avranno rispettivamente 81 e 78 anni, con Trump il più giovane dei due. Diventare l’uomo più potente del mondo è un lavoro da pensionato?

In vista delle elezioni presidenziali del 2020, ha scritto: “Il miglior argomento per votare per Biden è che non è Trump”. è ancora in piedi. La maggior parte degli elettori americani sembra disposta a votare per chiunque, non solo per Trump.

READ  Hai un posto per un bambino che ha bisogno di vedere?

booster meteorologico

Pertanto, una buona domanda da porsi nel Partito Repubblicano è chi è il loro miglior candidato oltre a Donald Trump. È qui che i numeri del sondaggio di USA Today pubblicati il ​​29 luglio danno una risposta: Ron DeSantis è il miglior candidato. Ma poi resta da vedere chi è al potere nel partito, è il Consiglio Centrale – il Comitato Nazionale Repubblicano – o è semplicemente Donald Trump?

Lo stesso ex presidente ha parlato in diverse occasioni per Ron DeSantis, ma ciò non significa che il governatore della Florida sia il “nuovo Trump”. DeSantis sembra mentalmente stabile, è cresciuto in una normale famiglia della classe media ed è interessato alla scienza e ai fatti. Nella politica reale, ha dimostrato la volontà di cooperare attraverso le linee di partito.

Il governatore è anche saldamente tra gli elettori del suo stato. Donald Trump deve ancora spazzare la Florida, dopo essersi trasferito da New York al Sunshine State nel 2019. In a Misurare Da Victory Insights, il 61% degli elettori repubblicani della Florida intervistati ha affermato che preferirebbe DeSantis come candidato presidenziale a Trump, che riceve così il 39% di sostegno. Anche questa indagine è stata condotta nel mese di luglio.

La tendenza è che il sostegno a Donald Trump si sta erodendo, anche se Joe Biden e il Partito Democratico stanno andando relativamente male. E poi, mancano due anni alle prossime elezioni presidenziali, e prima di allora molte cose cambieranno. Ma potrebbe valere la pena notare che quando Donald Trump è tornato a Washington, DC la scorsa settimana, dove ha parlato con i membri del think tank America First Policy, è stato a malapena registrato dai media statunitensi.

READ  Il comune acquista un edificio storico a Istanbul e promette di creare spazi culturali

Anche Fox News, canale televisivo tradizionalmente amico di Trump, non ha fatto luce sull’ex presidente. Lì nel cortile, hanno trascorso il tempo di trasmissione di Mike Pence che parlava con un’organizzazione giovanile conservatrice, mentre Trump era sul palco a Washington.

La tendenza è che il sostegno a Donald Trump si sta erodendo, anche se Joe Biden e il Partito Democratico stanno andando relativamente male.

Inserito:

Commentatore Arild I. Olsson