Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dove il caldo Oceano Atlantico incontra il freddo artico

Fels Polarfront 2021

Il mare non è infinito come spesso si pensa. In realtà è diviso in diverse regioni e regioni, che vanno dalle gelide acque polari ai caldi tropici. All’interno di diversi habitat, le specie si sono evolute con l’obiettivo di adattarsi alle difficili condizioni in cui vivono. Ma che dire di dove le due regioni si incontrano e si mescolano?

Ci saranno altre specie che prospereranno soprattutto lì? Ci saranno catene alimentari uniche e altre interazioni biologiche? Queste aree saranno importanti per la pesca, gli uccelli e i mammiferi marini?

Rolf Gradinger, UiT, è pronto a guidare la crociera nel Mare di Barents.

Collaborazione tra ARCTOS e Arven etter Nansen

Il nostro viaggio in mare polare in avanti avrà come obiettivo una di queste regioni di confine. La zona di confine si trova tra le acque gelide dell’Artico e le acque più calde dell’Oceano Atlantico a nord della Norvegia e ad est delle Svalbard. Chiamiamo questa zona di confine fronte artico e sarà al centro del nostro studio per una settimana, mentre siamo a bordo della nave di ricerca UiT Helmer Hanssen.

Questo viaggio è una collaborazione tra il progetto Arven efter Nansen e la rete ARCTOS a Tromsø e quindi fornirà un quadro non solo per la ricerca, ma anche per l’istruzione di giovani ricercatori di diverse istituzioni norvegesi.

Ihssan Abdi, tecnico, davanti agli alianti che saranno in volo.

Ihssan Abdi, tecnico, davanti agli alianti che saranno in volo.

Dalla quarantena al lavoro sul campo

Siamo ora alla fine del periodo di quarantena COVID di dieci giorni, ma 14. Speriamo di salpare e lasciare Tromsø e di arrivare nella nostra area di studio tra due giorni. Vogliamo attraversare due volte il fronte polare e prelevare campioni per esplorare e comprendere il modello in termini di distribuzione e attività di plancton, pesci, animali del fondo marino e mammiferi marini, e vogliamo mettere in relazione questi modelli con il modo in cui è organizzata la regione frontale . La zona frontale sarà semplicemente un confine che separa l’Artico dal sistema e dalle specie della regione atlantica, o vedremo che ha sviluppato le proprie dinamiche che portano a una migliore disponibilità di cibo per uccelli marini e mammiferi marini allo stesso modo di un’oasi nel deserto . Solo il campionamento sul fronte polare ci darà queste risposte.

I ricercatori sono in coda prima di poter salire a bordo di FF Helmer Hanssen

I ricercatori sono in coda prima di poter salire a bordo di FF Helmer Hanssen

Formazione di futuri ricercatori

In questo periodo dell’anno, il mare di Barents è al massimo della produttività. Le microalghe microscopiche aspettano da diversi mesi il ritorno della luce solare e ora stanno crescendo rapidamente, fornendo grandi quantità di cibo per lo zooplancton e il resto della catena alimentare. Speriamo di raggiungere la massima fioritura durante la nostra crociera e i contrasti tra le regioni sono fantastici, ma non si sa mai che ogni anno è completamente unico. Oltre alla ricerca, per la prima volta nella loro vita, 13 studenti provenienti da contesti molto diversi verranno introdotti alla biologia marina pratica.

Molte crociere collegano set di dati

Mentre il nostro studio si concentra sul fronte polare, Arven efter Nansen sta effettuando una spedizione parallela a bordo della nave da ricerca Kronprins Haakon, coprendo l’intero Mare di Barents dalle calde acque dell’Oceano Atlantico e fino all’Oceano Artico coperto di ghiaccio. L’obiettivo è che, regolando attentamente il campionamento, saremo in grado di separare tutti i set di dati per entrambi i viaggi. In combinazione con ulteriori informazioni dai satelliti, speriamo che questo sia stato in grado di fornire un’istantanea eccellente e appropriata dello stato dell’ecosistema nel Mare di Barents.

Questa informazione è importante perché il Mare di Barents è un oceano in continua evoluzione, guidato da molti impatti legati ai cambiamenti climatici. Solo la ricerca sul campo, come questa collaborazione tra AeN e ARCTOS, può risolvere il complesso puzzle di come funzionerà il Mare di Barents in futuro e se possiamo ancora preservare una delle attività di pesca più redditizie sulla Terra. Nelle prossime due settimane, ti forniremo informazioni di prima mano sui nostri metodi di ricerca, i risultati iniziali e altre esperienze, quindi resta sintonizzato.

Traduzione dall’inglese al norvegese di Charlotte Stark

Tutti erano isolati, quindi ora possiamo scattare una foto di gruppo

Tutti erano isolati, quindi ora possiamo scattare una foto di gruppo

ARCTOS / AEN Crociera anteriore polare 2021

L’idea principale alla base di questa spedizione congiunta è quella di eseguire una caratterizzazione dettagliata del fronte polare utilizzando una combinazione di piattaforme / tecniche di rilevamento a distanza, convenzionali e indipendenti.

Questo studio esplorerà come i processi fisici, a diversi livelli, influenzano la migrazione dell’ecosistema attraverso il fronte polare. Ciò include la caratterizzazione delle fioriture primaverili su entrambi i lati della fronte che dovrebbero verificarsi nell’area durante il viaggio, così come le popolazioni di fitoplancton, zooplancton, pesce e fauna bentonica.

Descriveremo anche i collegamenti tra i processi biologici e fisici che avvengono intorno al sistema anteriore. Questo studio sul fronte polare mira ad approfondire la nostra comprensione del mare di Barents vivente.

READ  L'autorità norvegese per la concorrenza mette in guardia John Fredriksen e Kjell Inge Røkke contro Solstad Offshore