venerdì, Luglio 19, 2024

Drew Barrymore dopo la critica: – Mi dispiace molto

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

Drew Barrymore (48 anni) si scusa per aver ripreso la registrazione del suo talk show.

Pubblicato:

Quando Drew Barrymore annunciò che avrebbe ripreso a registrare “The Drew Barrymore Show” nel mezzo Lo sciopero di Hollywood continuaLa critica è stata elogiata sia dai fan che dai colleghi.

In un video Instagram pubblicato venerdì, ora norvegese, Barrymore si è scusato per la decisione, ma ha scelto di continuare il programma.

-Voglio solo che tutti sappiano che le mie intenzioni non sono mai state tali da turbare o ferire nessuno. Dice e continua: Non è quello che sono.

– Ho attraversato molti alti e bassi nella mia vita, e questo è uno di questi. Mi dispiace tanto per il libro. Mi dispiace tanto per i sindacati.

Conduttore di un talk show: Il programma è stato sospeso

– Questo è più grande di me

Da cinque mesi gli sceneggiatori sindacalizzati di Hollywood sono in sciopero. All’inizio di luglio gli attori hanno seguito l’esempio.

Ciò ha portato all’improvvisa interruzione e al ritardo indefinito di una serie di produzioni cinematografiche e televisive.

“Penso che non ci sia niente che io possa fare o dire in questo momento per sistemare le cose”, dice Barrymore.

Inoltre, la conduttrice televisiva ha chiarito che comprende perfettamente le persone che non supportano la sua scelta, ma lo spettacolo continuerà a essere trasmesso, secondo le regole della WGA.

READ  Fumo che esce dalla "Ditta Lauritzen": - Stato di choc

– Volevo farlo, come ho detto prima, perché è più grande di me. E in gioco c’è il lavoro degli altri.

Molti hanno espresso grande disappunto dopo la decisione di Barrymore. «lo sai meglio”«Adesso mi sentivo triste” E “Per favore, cambia idea» sono state alcune delle reazioni durante un post su Instagram condiviso all’inizio di questa settimana.

Effetti del lungo conflitto

Sia gli sceneggiatori che gli attori chiedono maggiori salari e entrate ai canali televisivi per stare al passo con l’aumento dei prezzi. Chiedono inoltre protezione dalle conseguenze che l’uso dell’intelligenza artificiale potrebbe avere sui lavoratori dell’industria cinematografica.

Dobbiamo tornare indietro di 60 anni per trovare uno sciopero altrettanto diffuso a Hollywood, dove sia gli scrittori che gli attori agirono allo stesso modo.

A differenza di molti altri ambiti della vita lavorativa americana, i sindacati sono forti nell’industria cinematografica. Si prevede che questo conflitto durerà a lungo. Alcuni media stimano che i partiti potrebbero mantenere le cose come stanno per il resto dell’anno.

Pubblicato:

More articles

Latest article