Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Due francesi hanno trovato rari fossili di animali che vivevano nel mare quasi 500 milioni di anni fa

Due francesi hanno trovato rari fossili di animali che vivevano nel mare quasi 500 milioni di anni fa

– Cerchiamo i fossili da quando avevamo vent'anni, afferma il francese Eric Monserrier in un comunicato stampa.

Sono stati ritrovati quasi 400 pezzi, insieme a Sylvie Monserret-Gouguen. I due hanno l'esplorazione dei fossili come hobby.

470 milioni di anni

Gli scienziati francesi sono molto entusiasti di questa scoperta. Credono che i fossili siano molto speciali.

Eric Monseret ricerca i fossili come hobby. Qui ha trovato una vera miniera d'oro. Eric Monseret ricerca i fossili come hobby. Qui ha trovato una vera miniera d'oro. Foto: Sylvie e Eric Monserret

Si dice che i fossili abbiano circa 470 milioni di anni. Passò molto tempo prima che i dinosauri nascessero. I fossili sono stati rinvenuti in una zona chiamata Montenegro, situata nell'estremo sud della Francia.

Si tratta di una zona montuosa non molto lontana dal confine con la Spagna. I fossili sono stati ritrovati nella valle tra le montagne.

Periodo caldo sulla Terra

Quando questi animali morirono e si formarono i fossili, qui l'oceano si espanse. Pertanto, all'interno si trovano animali del mare in forma fossilizzata.

Puoi leggere cosa sono realmente i fossili In un altro articolo su ung.forskning.no. Probabilmente le persone hanno trovato fossili in tutte le epoche. In precedenza, alcune persone credevano che i fossili appartenessero a draghi e altre creature misteriose.

L'articolo continua sotto l'annuncioL'articolo continua sotto l'annuncio

All’epoca in cui furono creati i fossili, la Terra era molto calda, affermano i ricercatori che hanno studiato da vicino i fossili in un nuovo studio.

I ricercatori non erano solo normali animali fossili. C'era anche qualcosa di più privato.

(Lo stato continua sotto l'immagine).

Le parti morbide sono rare

Le indagini dei ricercatori mostrano una miscela di animali legati ai gamberetti e alle meduse che vivono oggi. Hanno trovato anche coralli e spugne. C'erano molte conchiglie e conchiglie.

Inoltre, hanno trovato resti di parti molli di animali estinti. I resti furono fossilizzati allo stesso modo delle conchiglie.

L'articolo continua sotto l'annuncioL'articolo continua sotto l'annuncio

Tuttavia, i ricercatori sono riusciti a vedere la forma delle viscere di alcuni animali. I ricercatori affermano che è molto raro trovare visceri risalenti a 470 milioni di anni fa.

A causa del caldo, gli scienziati ritengono che gli animali si siano allontanati dall'equatore, cioè dal centro della Terra. Credono di essersi riuniti, tra le altre cose, in questo luogo, il punto più settentrionale dell'equatore.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Forse questo è l'aspetto degli animali fossili quando vivevano sott'acqua.  (Foto: Christian McCall)

Forse questo è l'aspetto degli animali fossili quando vivevano sott'acqua. (Foto: Christian McCall)

Cuore di pesce fossile

Le scoperte di fossili che un tempo erano abbastanza morbidi non sono del tutto uniche.

Ung.forskning.no ha anche scritto di alcuni ricercatori che Trova il cuore fossile di un pesce. Deve avere circa 380 milioni di anni. Un po’ più recente, ma comunque molto prima dell’era dei dinosauri.

I ricercatori che hanno esaminato il cuore del pesce hanno spiegato che è insolito trovare parti molli del corpo dell'animale nei fossili.

È insolito trovarlo smontato. Il nucleo fossile era ancora a forma di cuore.

fonti:

Lo studio di cui stiamo scrivendo qui è stato condotto dal ricercatore Farid Saleh con diversi colleghi.

La ricerca è stata pubblicata Sulla rivista scientifica Nature.

Anche le immagini dei fossili presenti in questo articolo sono tratte dall'articolo pubblicato su Nature.

READ  L'Ascesa di Ronin: chi ha bisogno di Assassin's Creed Red? Preliminari

Farid Saleh lavora all'Università di Losanna in Francia. L'università ha scritto dei risultati In un comunicato stampa.

(Questa edizione È stato pubblicato per la prima volta nel Ung.forskning.no).