Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– È deciso su di esso – VG

Il caso Christopher Barmen ha preso una nuova piega lunedì sera.

L’incontro negoziale di Christopher Barmen con la dirigenza del club non ha avuto alcun esito. Ora l’avvocato nota che Barmen può venire all’allenamento di Bran mercoledì, secondo BT.

Inserito:

Bran ha annunciato lunedì sul suo sito web che Barman aveva annunciato che avrebbe esercitato il suo diritto di candidarsi.

Ciò significa che il giocatore ha il diritto di completare un preavviso di tre mesi, ma è poi obbligato a recarsi al lavoro.

“Questo naturalmente crea una situazione difficile per tutti, ma dobbiamo solo darla per scontata”. È stato ulteriormente affermato nel comunicato stampa.

In un’intervista con BT lunedì sera, l’avvocato di Parmen, Eric Monsen, ha affermato che Parmen intende partecipare all’allenamento mercoledì, nonostante sia stato espulso dal club.

È ovviamente una situazione difficile per tutte le persone coinvolte, ma Christopher ha molti buoni amici e colleghi di Bran. Dice che è stato assegnato a lei quotidiano Munson.

VG era in contatto con Monsen lunedì sera. Non commenterà ulteriormente il caso, ma riferisce di essere dietro a ciò che il NISO ha annunciato lunedì. Inoltre, Monsen non confermerà a VG se Barmen apparirà effettivamente in campo mercoledì.

Ecco il comunicato stampa della NISO (Organizzazione centrale norvegese degli atleti):

“NISO spera che SportsCluben Bran e Christopher Barmen abbiano raggiunto un accordo durante la riunione odierna. Rispondiamo al commento del club pubblicato in un comunicato stampa sul suo sito web, dove hanno scritto: “Ci dispiace che non si assuma la responsabilità delle sue azioni, ma non possiamo e non ci permetterà di spingere per soluzioni che non possono essere difese o spiegate. .”

Inoltre, ovviamente significano Barmen lei ha Si sono assunti la responsabilità delle loro azioni.

READ  Ragazze svedesi in tutto il paese: devono vedersi picchiate

“Ha informato il club in anticipo sugli eventi in corso – e si è scusato sia internamente che esternamente. Barmen è stato il primo ad annunciare le sue scuse per il comportamento dei giocatori coinvolti. Non si sarebbe d’accordo con la scelta del club della reazione di Barmen in alcun modo che fosse non poteva essere considerato un reddito per lui per non essersi assunto la responsabilità delle sue azioni.NISO reagisce al modo in cui il club qui ha scelto di collocarlo.

NISO, inoltre, risponde al seguente paragrafo del comunicato stampa: “Barmen ha annunciato che eserciterà il suo diritto a ricoprire la carica. Questo naturalmente crea una situazione difficile per tutti, ma dobbiamo solo dare per scontati i suoi diritti”. Essere in una posizione è un diritto per i dipendenti norvegesi. Questo diritto si applica anche a Christopher Barmen”.

Leggi anche

Indaga su un nuovo caso criminale dopo il sequel Bran

Monson crede che l’annuncio di Barmen che sarà in carica non sia problematico quando si tratta di legge in questo caso.

Il fatto che sarà in una posizione significa che Christopher ha il diritto e il dovere di svolgere la funzione che gli viene richiesta. È un calciatore, e questo significa allenarsi ed essere lì per le partite, dice Monson a BT, allo stesso tempo si rende conto che Barmen è pronto a sopportarlo fino al periodo di preavviso.

Monsen ha anche detto al quotidiano che il periodo di preavviso di tre mesi entrerà in vigore il 1° settembre. Fino a mercoledì.

Anche se il club e Barmen non sono d’accordo ora, l’ultima parola è appena detta. Il caso può anche finire in tribunale.

READ  Ivo Niskanen - Stella del calcio finlandese in un sanguinoso incidente

VG era in contatto con Vibeke Johannesen lunedì sera. Non commenterà il caso.

Siamo spiacenti di non essere riusciti a raggiungere un accordo con Christopher e il suo avvocato. Il licenziamento si basa su un ampio processo di acquisizione e valutazione dei fatti rilevanti, in cui Barmen ei suoi avvocati hanno anche avuto l’opportunità di presentare la loro versione dei fatti. Ci dispiace che non si assuma la responsabilità delle sue azioni, ma non possiamo e non ci permetteremo di spingere per soluzioni che non possono essere difese o spiegate, ha detto Johansen in un comunicato stampa all’inizio di oggi.