Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

È necessario sviluppare nuovi approcci per colmare le lacune nella storia climatica dell’Africa  Ambiente Norvegia

È necessario sviluppare nuovi approcci per colmare le lacune nella storia climatica dell’Africa Ambiente Norvegia

La ricercatrice NMBU Millie Mekonnen-Ranstad ha ricevuto finanziamenti dal Programma scientifico internazionale sulle frontiere umane per un nuovo progetto di ricerca in dendroclimatologia.

La dendroclimatologia è una scienza in cui gli scienziati utilizzano gli anelli degli alberi per raccontare qualcosa sul clima del passato. I ricercatori mirano a rivoluzionare il modo in cui indaghiamo sulla storia del clima ai tropici.

Un metodo importante nella ricerca sul clima

La dendroclimatologia svolge un ruolo importante nella ricerca sul clima, spiega la ricercatrice Millie Mekonnen-Ranstad.
– Dice che gli alberi vivono, respirano archivi del passato.

La crescita degli alberi è determinata dalla stagione di crescita, dalla temperatura, dalle precipitazioni, ecc., che a loro volta danno origine agli anelli annuali. Analizzando queste cose, i ricercatori possono imparare molto sul clima del passato.

La dendroclimatologia è ampiamente utilizzata nelle regioni temperate e boreali, dove fattori ambientali e stagioni prevedibili portano a cicli annuali distinti. Tuttavia, alle latitudini tropicali, c’è una significativa mancanza di ricerca perché la struttura interna dei tronchi degli alberi è più complessa.

La conoscenza della storia climatica dell’Africa è scarsa

– Gli anelli degli alberi nelle regioni tropicali possono essere molto diversi da quelli dei climi più freddi, afferma Ranstad.
– Sono spesso complessi e difficili da interpretare.

Nelle regioni temperate e tropicali, le stagioni non sono così chiaramente definite come nelle regioni polari e boreali. Durante l’anno si possono verificare notevoli fluttuazioni climatiche, dovute ad esempio al El Niño, alla siccità o agli uragani, solo per citarne alcuni.

Pertanto, la nostra conoscenza della storia del clima dei paesi tropicali, soprattutto in Africa, è debole, e la scienza del clima nel continente è finora la meno avanzata al mondo.

READ  Un ricercatore norvegese ha esaminato il famoso studio. Pensa che più persone avrebbero dovuto farlo.

Colma una grave lacuna scientifica

Nel nuovo progetto, i ricercatori mirano a cambiare il modo in cui vengono analizzati i tronchi delle specie di alberi tropicali. Svilupperanno e testeranno un nuovo metodo che combina immagini iperspettrali e apprendimento profondo (ENG: “deep learning”) per analizzare tronchi d’albero di specie di alberi tropicali selezionate. Il progetto è una collaborazione tra il Laboratorio di Imaging Iperspettrale dell’NMBU e un laboratorio dell’NMBU Etiopia.

“Il nuovo metodo che proponiamo potrebbe essere rivoluzionario nella climatologia tropicale”, afferma Ranstad.
Un altro vantaggio di questo metodo è che è semplice, non danneggia i campioni ed è efficace.

Il progetto ha il potenziale per superare gli attuali limiti metodologici e colmare il grande divario geografico nelle informazioni sul clima, soprattutto in Africa, dove la scienza ha percorso la distanza più breve.

Resilienza climatica futura

– NMBU è impegnata a promuovere la ricerca innovativa che amplia i confini della comprensione scientifica e contribuisce allo sviluppo sostenibile, afferma il vicepresidente per la ricerca NMBU, Finn Arne Feltzen.

– Questo progetto utilizzerà la tecnologia moderna per colmare il divario di conoscenza globale. Incarna in modo eccellente l’impegno dell’Università.

“Ci auguriamo che il progetto non solo rivoluzioni la nostra comprensione della storia del clima nei tropici, ma che la conoscenza aumenti anche la nostra capacità di adattamento al clima globale”, conclude.