lunedì, Luglio 15, 2024

È stato così triste non restare con il topolino sovrappeso fino alla fine

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

UNChiunque abbia dovuto sopprimere un animale domestico sa quanto sia doloroso. È un membro della famiglia e forse il tuo compagno per anni! Che si tratti di un gatto, un cane, un roditore o un uccello, può essere una grande tristezza. Determinare il momento giusto per lasciare un animale non è facile. Ma non vuoi che l’animale soffra.

Questa settimana mi sono imbattuto in un post su Facebook davvero sorprendente, che a quanto pare si è diffuso su Internet. C’era un utente di Twitter che ha chiesto a un veterinario (negli Stati Uniti) quale fosse la parte più difficile del lavoro. Il veterinario ha risposto che l’obiettivo era scoprire quanto bene gli animali anziani o malati cercassero i loro proprietari prima di ucciderli, se il proprietario non era nei paraggi.

Questo veterinario ritiene che il 90% dei proprietari di animali domestici non voglia trovarsi nella stessa stanza quando l’animale muore. Sarà molto difficile vederli scomparire. Ma in questi momenti è l’animale ad aver più bisogno del suo proprietario.

Sono rimasto un po’ scioccato da questi numeri. Non è naturale stare con un animale quando ci lascia?

Nina e Ingar hanno 29 topi nel loro soggiorno!


Incontro brutale con il veterinario

Come ex proprietario di porcellini d’India e ratti domestici, sono stato coinvolto in alcuni cicli di abbattimento, poiché queste piccole zampe spesso sviluppano il cancro. Ciò ha portato ad operazioni che costano diverse migliaia di corone, ma che a volte non possono essere sostenute. E ogni volta piangevo a dirotto, perché li ami così tanto.

Molte persone potrebbero pensare che fosse strano stare in piedi e ululare sopra un topo – che la maggior parte delle persone odia a causa della sua immeritata cattiva reputazione, ma era il mio animale domestico che amavo teneramente.

READ  Un piano ha spazio anche per gli imprevisti.

Ricordo diversi anni fa quando il nostro topo, Maja, sviluppò un tumore al cervello. È doloroso e non può essere trattato. Tutto quello che devi fare è andare dal veterinario il prima possibile quando riconosci i sintomi.

Quando sono arrivato, un sabato che ricordo, il veterinario mi ha detto che non potevo partecipare all’eutanasia, che è stata estremamente brutale. Pensava che fosse così triste non poter stare con il ratto sovrappeso e affetto da un tumore al cervello fino alla fine, anche se non capiva quasi nulla.

Maja: La piccola pepita che ha dovuto viaggiare da sola fino alla morte.  Foto: privata

Maja: La piccola pepita che ha dovuto viaggiare da sola fino alla morte. Foto: privata
Mostra di più

Gli altri veterinari, invece, l’hanno sentito e dovrebbero prenderlo sul serio, anche se fosse solo un topo, e accendere una candela e offrire parole di conforto. Mi sono seduto lì con il topo sul petto dopo che gli è stata fatta un’iniezione sedativa, prima che fosse inserita l’iniezione per fermare il cuore. Oppure si sedevano accanto alla scatolina in cui ricevevano l’anestesia invasiva, prima dell’iniezione finale. Anche se è triste, è meglio restare lì finché il cuore non smette di battere.

Questi cani non possono essere salvati

Questi cani non possono essere salvati


– Piuttosto il contrario

Per approfondire la questione, ho contattato il direttore del marketing e della comunicazione di AniCura, Sasja Rygg. È anche veterinaria ed è stata coinvolta in numerose operazioni di eutanasia di animali domestici.

– Senza avere statistiche esatte al riguardo, direi che nella mia carriera di veterinario, i numeri sono esattamente l’opposto. La stragrande maggioranza vuole partecipare all’eutanasia, spesso l’intera famiglia. Potrebbero esserci altre tendenze là fuori, ma la mia opinione da qui è che la maggior parte delle persone le segue finché durano. Penso decisamente che sia meglio per un animale avere i propri cari e vicini.

Naturalmente, gli animali non sono in grado di pensare al futuro come facciamo noi umani, spiega Rigg, vivono nel presente. Questo è esattamente il motivo per cui è importante per loro essere vicino a qualcuno che conoscono e di cui si fidano.

– La cosa più importante per un animale è avere qualcosa di sicuro in una situazione sconosciuta. La maggior parte delle cliniche offre stanze tranquille e lume di candela, anche se alcuni di questi sono forse più importanti per i proprietari.

Alcune cliniche veterinarie offrono visite a domicilio per il viaggio finale, in modo che l’animale non debba recarsi in clinica.

Medicina Veterinaria: Saga Rigg con il suo cane Baby.  Foto: Anicura

Medicina Veterinaria: Saga Rigg con il suo cane Baby. Foto: Anicura

Mostra di più

– Alcuni animali si sentono incredibilmente stressati quando vanno dal veterinario, e può essere stressante per il proprietario vedere che l’animale soffre inutilmente prima di andare a dormire. Le visite a domicilio sono probabilmente le migliori e forse le meno stressanti per l’animale, ma non tutti possono ottenere questo servizio nel luogo in cui vivono. Sarebbe anche più costoso, dice Rigg.

Rygg spiega che potrebbe anche essere una buona idea pensare a non trasferire lo stress e la tristezza all’animale, anche se può essere difficile quando sei completamente devastato.

– Gli animali sono bravi a regolare l’umore del proprietario e se il proprietario è completamente inconsolabile e piange quando l’animale è sveglio, ciò può portare allo stress.

- Ho dovuto cancellare tutto.  Da tempo non ho una vita sociale

– Ho dovuto cancellare tutto. Da tempo non ho una vita sociale


Spesso incontri piacevoli

– Come rappresenta per te questa parte del lavoro?

– Sicuramente può essere difficile anche per me, soprattutto la prima volta che mi sono chiesto come sarebbero andate le cose. Studi medicina veterinaria perché vuoi salvare vite umane e rendere la vita degli animali la migliore possibile, e poi all’improvviso devi fare il contrario. Ma ti ci abitui e impari a considerarlo come una degna fine della vita. Quando la qualità della vita di un animale è scarsa, è meglio lasciarlo andare, dice Rigg.

Reg crede che spesso ci siano incontri molto belli, anche se seri.

– C’è qualcosa di bello nel lasciare che l’animale dorma tranquillo e sereno e che il proprietario o la famiglia siano con lui fino alla fine. Fortunatamente, vengono soppressi per lo più animali anziani o molto malati, quindi è una parte normale della vita.

Spiega che molti di questi incontri sono stati molto influenti. È difficile non provare compassione per le persone in una situazione del genere, anche se non conosci l’animale.

– È impossibile non sentirsi così quando una persona o una famiglia è lì a piangere la perdita di un animale che significava così tanto per loro. È triste perdere il tuo compagno. Quindi puoi provare a credere che l’animale abbia avuto una bella vita e che tu abbia fatto ciò che potevi per l’animale. Questa è una debole consolazione.

- Le finanze non determinano se sei un buon proprietario di animali domestici

– Le finanze non determinano se sei un buon proprietario di animali domestici


I bambini si uniranno?

Quando si tratta di decidere se i bambini dovrebbero iscriversi o meno, Rygg crede che sia qualcosa che dovrebbero decidere i genitori.

-Non permettiamo mai che un bambino stia con un adulto quando un animale viene sottoposto ad eutanasia, ma è perfettamente accettabile che sia accompagnato da un tutore. Non è una situazione molto drammatica, con grandi mosse o cose del genere. È un animale che dorme. Ma è importante parlare in anticipo con il bambino di ciò che accadrà, dice.

-Quando abbiamo dovuto sopprimere il nostro cane di famiglia di 14 anni, il bambino di 6 anni ha voluto unirsi e l’11enne non ha voluto unirsi. Va bene.

I veterinari mettono in guardia contro tali video di animali

I veterinari mettono in guardia contro tali video di animali


Rygg sottolinea che ci vuole qualcosa anche da parte dei genitori.

I bambini possono avere paura quando vedono i loro genitori sentirsi molto tristi e piangere copiosamente.

Una cosa che ha sorpreso Rygg è stata che la maggior parte delle persone che le hanno inviato biglietti di ringraziamento e simili lo hanno fatto perché l’eutanasia è stata una bella esperienza.

– Molte più persone mi ringraziano dopo aver soppresso un animale domestico che dopo un intervento chirurgico o un esame, il che è tecnicamente più difficile. Forse si tratta di mostrare compassione e comprensione, che è importante nei momenti difficili.

More articles

Latest article