Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ecco come i soldati norvegesi si addestrano con i droni sulla Lituania – NRK Norvegia – Una panoramica delle notizie da diverse parti del paese

Ecco come i soldati norvegesi si addestrano con i droni sulla Lituania – NRK Norvegia – Una panoramica delle notizie da diverse parti del paese

Clic!»

Sebastian attacca le ali alla fusoliera, che ricorda un modellino di aeroplano. Poi lo solleva e lo porta tra le braccia.

è buono lancioventidice il sergente Eric Staff, caposquadra UAS.

L’elica gira e Sebastian salta in avanti, allunga le braccia verso l’alto e lancia l’aereo da sette chilogrammi in alto e in avanti. Poi ha portato il suo strumento nel cielo azzurro sopra il campo di allenamento di Paprady in Lituania.

Devi sbrigarti a far volare il drone.

Video: Havard Greger Hagen/NRK

Deve mostrare disponibilità a difendere

150 soldati norvegesi sono in Lituania e partecipano agli sforzi della NATO Presenza frontale migliorata (EFP) In Polonia e nei paesi baltici. Questa misura significa che i paesi della NATO hanno dispiegato lì forze militari più grandi di prima. Questo dovrebbe essere evidente NATO Pronto a difendere il territorio dell’intera alleanza.

– Se necessario, rappresenteremo un ulteriore livello di sicurezza nella difesa della Lituania, afferma Harald Moesdegaard, rappresentante principale delle forze norvegesi nel paese.

-Ci sentiamo bene perché siamo vicini

Foto: Havard Greger Hagen/NRK

La Lituania è stata costretta a farlo Unione Sovietica Da quasi cinquant’anni. Nel 1990, il paese fu la prima repubblica sovietica a liberarsi. I soldati norvegesi qui sono ben consapevoli di essere più vicini alla guerra in Ucraina, sia geograficamente che mentalmente. Non lontano tra loro ci sono le bandiere ucraine, e sulla parte anteriore degli autobus urbani della capitale c’è scritto “Vilnius ama l’Ucraina”.

– Qui i nostri genitori e i nostri nonni vivevano sotto il dominio sovietico non molto tempo fa, dice Moysudegaard.

Secondo il Ministero della Difesa, la Norvegia ha speso 246 milioni di corone norvegesi per le attività in Lituania l’anno scorso e quest’anno costerà circa la stessa cifra.

Soldati della squadra droni della forza NATO norvegese in Lituania.

Da questi due veicoli i soldati controllano i droni in volo sopra la Lituania.

Foto: Havard Greger Hagen/NRK

Guidare dal sedile posteriore

In Lituania, 150 soldati norvegesi partecipano ad una forza multinazionale della NATO. La zona addestrativa di Papradi non è lontana dalla Bielorussia, Paese in cui il regime è alleato della Russia.

L'operatore di droni Elin Sophie Skatvall e il leader della squadra droni Erik Staff controllano il drone dal sedile posteriore di un'auto blindata.

L’operatore di droni Elin Sophie Skatval e il caposquadra Erik Staff.

Foto: Havard Greger Hagen/NRK

All’interno di un veicolo blindato, sul sedile posteriore siedono il caposquadra Erik Staff e l’operatore di droni Elin-Sophie Skatval. Da qui controllano il drone, che ormai si trova a poco più di un chilometro di distanza.

Erik lavora con i droni nelle forze armate norvegesi dal 2015. Elin, 20 anni, ha ricevuto una formazione come operatore di droni durante il suo primo servizio a casa in Norvegia. Ha recentemente terminato la scuola e poi si è unita a un incarico semestrale in Lituania.

L'operatore di droni Elen controlla il drone con questo schermo dal sedile posteriore di un'auto blindata.

L’operatore del drone controlla il drone dal sedile posteriore del veicolo blindato.

Foto: Havard Greger Hagen/NRK

Dice che i droni sono entusiasmanti perché sono qualcosa di nuovo e su cui si investe.

La squadra di droni fungerà da sicurezza per la colonna, che avanzerà per rifornire alcune pattuglie.

-Stiamo attraversando un’area a rischio più elevato. Ecco perché metteremo i droni in prima linea, afferma Staff. .

Questa è la foto di una piccola colonna di veicoli militari norvegesi nel poligono di addestramento di Paprady in Lituania.  La foto è stata scattata da un drone militare.

Questa è la foto di una piccola colonna di veicoli militari norvegesi nel poligono di addestramento di Paprady in Lituania. La foto è stata scattata da un drone militare.

Foto: Forze armate norvegesi

– Vecchia tecnologia

Il drone che usano è un Puma II. Sembra un grande modellino di aeroplano e deve essere lanciato in aria. Il Puma può essere inviato in guardia fino a due miglia di distanza e può rimanere in aria per due o tre ore prima che sia necessario sostituire la batteria.

La tecnologia è obsoleta, ma ne stiamo facendo buon uso, afferma Eric Staff.

Nell’area di addestramento in Lituania ci sono molte foreste di pini che sono più difficili da vedere rispetto a quelle a cui sono abituati i soldati con droni dalle loro case.

Eric controlla la soluzione della missione, mentre Elaine controlla il drone e tre diverse telecamere: una da utilizzare alla luce del giorno, una telecamera per condizioni di scarsa illuminazione e una telecamera a ricerca di calore.

Sulphur è un camionista che porta una mitragliatrice

Nell’ambito dell’addestramento, la squadra di droni ha avvistato improvvisamente dei soldati nemici davanti al convoglio di camion norvegesi. Gli equipaggi delle auto sono costretti a sparare.

Sulphur Ouma ha sparato colpi di mitragliatrice da un camion.  Appartiene alla Forza NATO Lituania, Unità n. 14, autunno 2023.

Sulphur Ouma spara con una mitragliatrice dall’alto della cabina di guida contro un camion della squadra di supporto. -Di solito guido un camion e non lo faccio molto spesso. “Ma dobbiamo essere in grado di sparare per difenderci”, dice.

Foto: Havard Greger Hagen/NRK

Sulphur Ouma, 19 anni, di solito è l’autista, ma ora sta sul tetto della cabina di guida e spara con una mitragliatrice, un colpo dopo l’altro, in modo deciso.

Il sergente Eric Staff della Drone Company mostra il suo piccolo drone Black Hornet, che pesa solo 17 grammi.  Sviluppato e prodotto in Norvegia.

L’esercito utilizza anche un piccolo drone Black Hornet che pesa solo 17 grammi. Sviluppato e prodotto in Norvegia.

Foto: Havard Greger Hagen/NRK

Deve essere in grado di trovarsi in territorio ostile

I soldati norvegesi formano una sezione di ricognizione leggermente dotata di funzioni di supporto.

-Dobbiamo essere in grado di operare in profondità nel territorio ostile. I droni possono quindi essere utilizzati per raccogliere informazioni sulle concentrazioni nemiche dietro il fronte. Possono essere utilizzati sia indipendentemente per raccogliere rapidamente informazioni sul nemico o sul terreno, sia con pattuglie a piedi, dice Rittmeister Johann Holten. È un comandante di squadriglia delle forze norvegesi.

Capo squadrone norvegese EFP14, Forza NATO Lituania, Cavaliere Johan Hulten.

Se sarà possibile, utilizzeremo sempre prima i droni per la ricognizione, Johan Hulten, capo dello Squadrone della Vittoria.

Foto: Havard Greger Hagen/NRK

I soldati non hanno dubbi. Monitorando i droni, possono salvare vite umane in guerra.

I droni raccolgono rapidamente informazioni e riducono i rischi per i soldati.

– Se il tempo lo permette, ed è possibile altrimenti, utilizzeremo sempre i droni per esplorare la zona prima di inviare i soldati, dice Holten.

Alla fine, l’Esercito avrà un totale di dieci squadre di droni con questo tipo di droni, ciascuna… battaglione Due quarti. Inoltre, dovrebbero esserci piccoli droni Black Hornet in ciascun quadrante strato Nell’esercito, o almeno a Kfar un gruppo

Il caposquadra Eric Staff ritiene che valga la pena prestare servizio in Lituania.

– Siamo qui come soldati, ma siamo qui anche come esseri umani, dice.

Capo della squadra droni, Eric Staff.

Il sergente maggiore Erik Arkan lavora con i droni nelle forze armate norvegesi dal 2015. Ora il norvegese è il leader della squadra di droni in Lituania.

Foto: Havard Greger Hagen/NRK

READ  12.000 skal være drip – VG