Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ecco come si fa la spinta accademica

Il dibattito sulla “accademizzazione” delle materie professionali è di nuovo all’ordine del giorno.

– Se vuoi buoni professionisti e buone pratiche, allo stesso tempo vuoi un alto livello accademico, questo presuppone che sia possibile impiegare una doppia competenza. Si è rivelato difficile. Potrebbe non funzionare perfettamente come lo è oggi.

Questo è ciò che dice Nikulin Froehlich, capo della ricerca presso il Nifu Research Institute.

Infermiera e critico letterario, Katherine Krueger pensa che l’educazione infermieristica sia peggiorata A causa della formazione accademica, non è stato solo il programma infermieristico ad aver subito cambiamenti negli ultimi anni.

Jan Meisel è un ricercatore presso il Center for Professional Studies, Oslo è morto. Ha scritto diversi libri, tra cui su OsloMet e storia professionale.

Crede che dovremmo intendere l’educazione accademica come diversi processi paralleli.

Negli ultimi anni, molti college sono diventati università e, tra i college rimanenti, molti hanno chiare aspirazioni universitarie.

Messil afferma che la differenza tra università e college tradizionali si sta riducendo.

A molti istituti di istruzione sono associati master e dottorati e i metodi di insegnamento sono “universitari”. Ma quello che è successo al contenuto educativo è ambiguo.

Nei piani quadro, viene posta maggiore enfasi sulla competenza di ricerca e gli studenti saranno in grado di familiarizzare con la ricerca. Allo stesso tempo, si sottolinea che l’istruzione dovrebbe essere strettamente correlata alla pratica e correlata al campo professionale. Dice che il tempo dedicato alla formazione non è cambiato molto negli ultimi 25 anni.

È necessario reclutare una doppia competenza

Nikulin Froehlich, responsabile della ricerca presso Nifu, ritiene che sia nella natura delle cose che le ambizioni dell’università hanno contribuito a far avanzare il processo di istruzione accademica.

Uno dovrebbe costruire programmi di dottorato di ricerca abbastanza forti e assumere personale con la competenza di professore associato e professore piuttosto che persone con background pratico e molta esperienza di insegnamento. Non sono sicuro che questo sia un grosso problema, ma so che molte persone pensano che ci stiamo perdendo qualcosa, dice.

READ  - È spiacevole per la chiesa condividere l'orgoglio - NRK Rogaland - Notizie locali, TV e radio

Jan Messel crede che l’insegnamento per le carriere universitarie sia cambiato molto negli ultimi anni.

Prima di tutto perché chi sa è cambiato. Oggi hanno un’attitudine accademica completamente diversa e forse anche un modo completamente diverso di guardare al campo, dice.

Meisel capisce che questa non è una “progressione naturale”. Non solo è successo, è stato controllato e necessario.

Cosa pensi migliorerà e cosa può peggiorare con l’istruzione?

Può essere vista come una tensione tra un’istruzione basata sulla ricerca da un lato e un’istruzione più incentrata sulla pratica dall’altro. Ma queste non sono necessariamente contraddizioni assolute. Penso che gli studenti abbiano bisogno di una qualche forma di “alfabetizzazione alla ricerca” – la capacità di valutare la ricerca mentre entrano nella vita lavorativa. Quindi, ad esempio, saranno in grado di valutare meglio in modo critico i requisiti della pratica basata sull’evidenza, dice.

Forse ne seguiranno altri

Meisel ritiene che sia importante che l’istruzione professionale sia basata sulla ricerca, ma mette in dubbio un sistema in cui gli standard siano esattamente gli stessi per università e college, indipendentemente dall’istruzione fornita.

I cambiamenti non dovrebbero avvenire perché ci si preoccupa di raggiungere gli standard universitari. I cambiamenti devono essere giustificati sulla base delle esigenze professionali nell’istruzione professionale. L’istruzione stessa deve trovare un equilibrio tra competenza pratica e accademica. È importante mantenere l’unicità dell’istruzione professionale e non amministrare tutta l’istruzione secondo gli stessi standard. Dice che può indebolire la rilevanza pratica dell’istruzione.

Insegnare materie professionali è un treno inarrestabile?

Penso che sia difficile invertire il processo poiché i college hanno raggiunto lo status di università. Sicuramente ne seguiranno altri. Ma penso che sia importante lavorare per una maggiore differenziazione all’interno delle istituzioni, dice.

Jean Mesel dice che la professione infermieristica si è parzialmente chiusa.

Forse è più di una semplice educazione?

Katherine Krueger ha criticato il curriculum infermieristico per essere troppo contorto e complicare le cose semplici per trasformarlo in una scienza. Cosa ne pensi?

Non ho letto il curriculum da solo. I ganci avranno probabilmente alcuni punti, ma mettili anche sul bordo. Inoltre, è interessante notare che l’istruzione a OsloMet è la peggiore. L’istruzione infermieristica presso OsloMet ha dovuto affrontare problemi importanti, non solo legati all’istruzione accademica. È stato criticato per essere troppo disordinato e per non entrare in contatto con gli studenti. Dice, forse la taglia ha qualcosa da dire.

READ  Come trasmettere l'orrore - dopo dieci anni

Nel frattempo, Meisel dice che la professione infermieristica ha preso una strada leggermente diversa da altre professioni simili.

– Chi ha insegnato è sempre stato infermiere cardiaco, mentre nel sociale, ad esempio, l’attenzione è sempre stata sull’avere professionisti di altre discipline. Avevano psicologi, avvocati e sociologi che insegnavano le materie disciplinari e pensavano che all’epoca fosse migliorato. Forse lo sviluppo interno della conoscenza nell’assistenza infermieristica ha reso l’istruzione più vulnerabile a ciò che Kruger chiama “quasi accademico”, dice.

Messel trova interessante il fatto che la critica dell’accademia di Katherine Krueger contrasti chiaramente con la critica dell’istruzione accademica presentata da Carrie Martinsen negli anni ’70.

Martinsen credeva che ci fosse molta scienza nell’educazione e poca attenzione all’educazione. In seguito, la scienza infermieristica ha introdotto molte scienze umane e sociali. Oggi, Kruger crede che siano proprio queste materie a costituire una sfortunata educazione accademica.

Evidente tensione

Nikulin Froehlich, capo della ricerca presso il Nevo Research Institute, sottolinea anche che l’istruzione accademica ruota attorno a molti tratti di sviluppo diversi contemporaneamente. Non c’è solo una spiegazione.

Frølich, tra gli altri guardato Le particolari sfide organizzative che la formazione professionale deve affrontare quando si soddisfano le crescenti aspettative sulla ricerca.

Nikulin Froehlich è responsabile della ricerca presso NIFU.  Foto: NIFU

Nikulin Froehlich è responsabile della ricerca presso NIFU. Foto: NIFU

Indica anche la particolare opposizione tra la ragione pratica da un lato e il ragionamento accademico dall’altro.

Ci sarà sempre una certa tensione qui. È difficile per i professionisti impiegare la doppia competenza che cercano. Hanno bisogno di entrambe le persone che conoscono il campo pratico – esperienza, e allo stesso tempo hanno bisogno di persone con un dottorato. Ma quelli con un dottorato di ricerca spesso hanno una maggiore competenza accademica.

READ  Jack Liu ha ricevuto oggi il Connors Prize nel MSUT Sustainability Science

– Non è una situazione così semplice. Potrebbe essere che siamo andati troppo oltre?

No, è una risposta molto semplice. Si tratta anche di sviluppo della conoscenza. Questi temi si sono evoluti, in parte diventando più complessi. Non è certo che sia abbastanza vicino alla pratica, dice, e indica la discussione su un potenziale master di 5 anni per educatori per l’infanzia.

Riguarda coloro che lavorano con l’assistenza all’infanzia che prendono decisioni molto invadenti. Per condurre tali valutazioni, non dovrebbero essere qualificati a un livello molto alto?

(Leggi di più dopo l’annuncio)

Non si tratta solo di status

Quanto dell’Accademia ruota attorno al prestigio?

Ovviamente si tratta di status, ma non di tutto, dice Jean Mesel.

Dice che quando Oslo e l’Akershus University College hanno cercato di diventare un’università, si è detto che avrebbe dato maggiore libertà di stabilire l’istruzione e rendere l’istituzione e l’istruzione più attraenti come partner, soprattutto in un contesto internazionale.

Entrambe le cose probabilmente hanno qualcosa a che fare con questo, ma non sembrano argomenti pesanti. Essendo il più grande college professionale, è probabile che venga percepito innanzitutto come arretrato senza alcuna aspirazione a diventare un’università quando ciò diventa possibile. In questo senso, aveva qualcosa a che fare con la situazione. Ma questo è stato un progetto ripagato dall’alto. Era più freddo tra i dipendenti, dice.

Storicamente, l’accademizzazione della formazione professionale ha significato aumentare il prestigio delle organizzazioni professionali e questo è stato importante. Ma hanno anche sostenuto che questo sviluppo aveva potenziato l’istruzione e creato una migliore pratica professionale.

Riteniamo che quest’ultimo sia stato tanto importante quanto l’aumento del prestigio di per sé, afferma Messel.