sabato, Giugno 22, 2024

Ecco come un acquirente straniero può minacciare la Norvegia alle Svalbard

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

105 anni fa era importante per lo Stato controllare la regione contesa. Ora gli esperti temono che un acquirente straniero possa causare “nausea”.

La versione breve

Kulspids sta attraversando una grave crisi finanziaria. Per impedire agli inglesi di trarre profitto dai preziosi giacimenti di amianto, devono recarsi a Spitsbergen per rivendicare le loro pretese. Ma nell’inverno del 1919 nessuno era disposto a pagare per la spedizione.

Nella loro angoscia, scrivono alla Royal Administration for Industrial Renewal. Sicuramente hanno interessi comuni qui?

Al ministero non ne sono sicuri. Le considerazioni di politica commerciale sono la ragione per cui è necessario aiutare l’azienda a uscire dalla sua situazione difficile? Allora la soluzione potrebbe essere un prestito condizionato. Chiedono consiglio al Ministero degli Affari Esteri.

Certo, risponde il Dipartimento di Stato. Preferiscono evitare che le aree di Spitsbergen controllate dai norvegesi finiscano in mani straniere.

Lo Stato concede quindi un prestito di 30.000 NOK. La società non doveva pagare interessi o rate. Con una condizione importante:

Lo Stato ottiene un privilegio sulla proprietà e questa non può essere venduta senza “l’approvazione esplicita” del ministero.

Avanti veloce di 105 anni.

READ  Nick Cave all'incoronazione: - Ero così annoiato

Ancora una volta i proprietari dei Kulspids vogliono vendere. Questa volta non sarà l’Inghilterra, ma la Cina ad essere interessata, secondo gli avvocati dei venditori.

Ancora una volta, lo Stato sembra pronto a fare di tutto per evitare che l’area di 60 chilometri quadrati cada in mani straniere:

  • Lo Stato si è già offerto di acquistare la proprietà per 20 milioni di corone norvegesi, più di quattro volte il valore ritenuto dalla società di consulenza Deloitte.
  • Nel frattempo, il procuratore generale del governo minaccia azioni legali se, a suo avviso, l’azienda viola l’accordo e viene venduta senza consenso.

La Norvegia ha diritti di proprietà su oltre il 99,5% del territorio delle Svalbard, ha piena sovranità attraverso il Trattato delle Svalbard e la legge norvegese si applica a tutti coloro che lavorano nell’arcipelago.

Allora perché creare un tale polverone affinché un’azienda cinese voglia ora acquisire un piccolo segmento?

Le immagini del prospetto mostrano paesaggi mozzafiato nel parco nazionale.

Freester con porta e base satellitare

Gran parte della risposta sta in un paragrafo che emerge dalle lettere scambiate tra il Ministero e i proprietari:

I proprietari avvertono che le normative norvegesi sulle Svalbard potrebbero essere contestate da “nuovi proprietari con altre risorse”.

I venditori hanno pubblicizzato che la proprietà vanta uno dei migliori porti naturali dell’arcipelago.

Scrivono nel prospetto che il Trattato delle Svalbard dà ai proprietari il diritto di stabilire “stazioni telegrafiche senza fili” per proprio uso. La posizione settentrionale offre “condizioni uniche per le comunicazioni satellitari”, afferma.

Il procuratore del governo respinge categoricamente che il trattato consentirebbe in qualsiasi modo di stabilire basi satellitari nella proprietà delle Svalbard, come danno l’impressione i venditori.

READ  Attivisti per il clima hanno colpito di nuovo le buche da golf per protesta - NRK Urix - Foreign News & Documentaries

Qui ricevono il sostegno del professor Arild Moe dell’Istituto Fridtjof Nansen.

– Offrire qualcosa del genere come un’opportunità, come una sorta di valore, mi sembra inverosimile. Secondo lui c’è poco che suggerisca che sia qualcosa che può essere fatto.

– Se paghi molto, farai qualcosa

Tuttavia, qualsiasi piano spaziale sarà ostacolato dalle rigide regole ambientali delle Svalbard: la proprietà si trova in un’area che funge da parco nazionale dal 1973, dove “qualsiasi forma di costruzione e interferenza” è vietata, secondo il governo. avvocato. Ciò significa che praticamente non può essere utilizzato per nulla.

L’interpretazione norvegese del Trattato delle Svalbard è controversa. La Gran Bretagna, l’Unione Europea e la Russia credono tutte che la Norvegia non abbia il diritto di negare loro l’accesso alle risorse marittime.

Ma l’interpretazione delle norme relative al territorio non è stata in discussione, anche se il ministro degli Esteri russo Lavrov ha lasciato intendere che la Norvegia impone requisiti ambientali troppo elevati alle Svalbard.

– Le normative norvegesi sono solide e giuridicamente fondate. Pertanto, ci sono poche opportunità per il nuovo proprietario di sfruttare le opportunità presenti sulla proprietà finché la Norvegia rivendica i propri diritti e ha il sostegno internazionale, afferma Tom Roseth dell’Accademia norvegese di difesa.

Non si ritiene che il potenziale acquirente cinese abbia intenzione di sfidare nell’immediato le regole norvegesi sulle Svalbard.

– Ma se paghi molto per qualcosa, vuoi farci qualcosa. Secondo lui, ciò aumenta l’incertezza riguardo agli interessi e alla giurisdizione norvegese in futuro, dove la Cina avrà un ruolo molto maggiore.

Ambizioni militari

Secondo lui questo problema potrebbe emergere tra 10 o 15 anni, quando l’aumento del traffico navale attraverso il Passaggio a Nord-Est lo renderà strategicamente più importante.

READ  Dieci condannati all'ergastolo per aggressione in Argentina - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

Allora il quadrante centrale può valere tanto oro quanto pesa. La base satellitare può essere utilizzata non solo per ottenere dati meteorologici e monitorare i movimenti delle navi.

Roseth afferma che la Cina diventerà una potenza militare anche nell’Artico e vuole poter operare lì utilizzando sia sottomarini che navi di superficie.

– Se un proprietario straniero sceglie di violare la legislazione norvegese e le restrizioni sulle Svalbard come nuovo tipo di potenza, sarà difficile gestirlo, dice.

Moe dice anche che le discussioni sulle opportunità di sviluppo con una società straniera potrebbero essere usate per fare pressione sulla Norvegia.

-Se possiedi una grande proprietà, avrai una base diversa per fare storie rispetto a se fossi un normale agente privato. “Con le regole siete sostanzialmente nella stessa posizione, ma il dibattito sulle opportunità di sviluppo può facilmente avere sfumature politiche”, dice.

More articles

Latest article