Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ecco le migliori batterie per auto elettriche, secondo gli esperti

Ecco le migliori batterie per auto elettriche, secondo gli esperti

I materiali sono di grande importanza

Oggi, le batterie più comunemente utilizzate nei veicoli elettrici sono le batterie agli ioni di litio.

Vengono caricate e scaricate dagli ioni di litio che si muovono tra l’anodo e il catodo, che conosciamo come il più e il meno nelle normali batterie AA.

Le batterie sono ideali per i veicoli elettrici perché sono leggere, veloci da caricare, hanno una lunga durata e hanno un’elevata densità di energia. Quest’ultimo significa che possono immagazzinare molta energia in un piccolo spazio, il che significa che le auto possono percorrere lunghe distanze con una singola carica.

Le batterie combinano il litio e altre materie prime, ognuna delle quali presenta numerosi vantaggi e svantaggi.

Entrambi gli esperti intervistati da Illustrated Science indicano le batterie NMC e LFP come tra le migliori.

Le batterie NMC sono costituite da litio, nichel, manganese e cobalto, mentre le batterie LFP sono costituite da litio, ferro e fosfato. Diverse combinazioni di materiali significano differenze significative nelle prestazioni.

“Il cobalto e il nichel conferiscono alla batteria NMC un’elevata densità di energia, il che significa che l’auto elettrica ha una lunga autonomia. “Il litio ferro fosfato conferisce alla batteria LFP una densità di energia inferiore, ma è più economica e più sostenibile”, afferma Dorothy Ravensbeek, professoressa di chimica dei materiali presso l’Università di Aarhus e ricercatore in batterie sostenibili.In produzione.

I materiali delle batterie influiscono sull’autonomia, sul prezzo di acquisto e sulla sostenibilità di un veicolo elettrico. Quindi, se domani acquisterai un’auto elettrica, potresti prendere in considerazione la batteria utilizzata nell’auto elettrica.

“Se puoi vivere con un’autonomia limitata, le batterie LFP sono una buona opzione per un’auto elettrica economica. Se la lunga autonomia è importante, non puoi fare a meno delle batterie esistenti”, afferma Eric Schaltz, ingegnere civile e ricercatore sulla mobilità elettrica presso Dipartimento di Energia dell’Università di Aalborg Sul cobalto come NMC.

In tutto il mondo, il 60% di tutti i veicoli elettrici sono alimentati da una batteria NMC. Questo vale per Skoda Enyag, Volkswagen ID.4, Polestar e altri.

Ma l’LFP è in aumento e viene utilizzato in alcune auto elettriche Tesla e nella MG ZS EV.

La Tesla Model Y e la Model 3, le due auto elettriche più vendute in Europa, utilizzano attualmente entrambi i tipi di batterie. I modelli standard utilizzano batterie LFP, mentre i modelli a lungo raggio utilizzano NMC.

Disaccordo sulla longevità

Secondo i produttori di automobili, le batterie NMC e LFP possono avere una durata compresa tra 3.000 e 5.000 ricariche.

Quando parliamo di durata della vita, non significa che la batteria smetterà di funzionare dopo questo periodo. La durata si riferisce al tempo in cui la capacità della batteria diminuisce gradualmente e non riesce più a contenere la stessa potenza di quando era nuova.

Da tempo si vocifera che la batteria LFP abbia una durata leggermente più lunga rispetto alle altre batterie.

Ma secondo gli esperti questa voce non è necessariamente vera in tutti i casi.

“Sulla carta, le auto elettriche con batterie LFP hanno una durata di vita più lunga rispetto a quelle con batterie NMC, perché il materiale non si degrada così rapidamente durante la ricarica. Tuttavia, un pacco batterie LFP è in genere meno efficiente dal punto di vista energetico rispetto ai pacchi batterie a base di cobalto, poiché L’obiettivo è a lungo termine: “Una batteria LFP è relativamente più stressante di una batteria NMC”, afferma Eric Schaltz.

Dorothy Ravnsbeck sottolinea che, sebbene le batterie LFP siano note per la loro lunga durata, conosce diversi veicoli elettrici NMC che durano altrettanto a lungo.

Buone abitudini di ricarica possono garantire una maggiore durata

I veicoli elettrici NMC sono in genere in grado di caricarsi a livelli di potenza più elevati rispetto ai veicoli elettrici LFP perché le batterie LFP hanno una densità di energia inferiore rispetto alle batterie NMC.

Pertanto, la quantità totale di energia in una batteria LFP sarà inferiore a quella di una batteria NMC dello stesso peso.

Inoltre, le batterie NMC sono meno sensibili alle basse temperature, il che significa che possono essere caricate più rapidamente e in sicurezza nei climi freddi rispetto alle batterie LFP.

Tuttavia, gli esperti sottolineano che la durata delle batterie dipende in gran parte da come vengono caricate.

“Una batteria LFP mantiene una carica completa migliore rispetto alle batterie NMC. Di solito le batterie NMC possono essere caricate all’80-90% ogni giorno, quindi puoi caricarle al 100% quando necessario. Ma non dovrebbe diventare un’abitudine. Una batteria LFP , d’altra parte, “Può sopportare sempre meglio una carica completa. Ciò ha a che fare con i materiali della singola batteria. Quando si carica completamente l’NMC, si consuma molto litio e la struttura LFP si adatta meglio della struttura NMC”, afferma Dorthe Ravnsbæk.

Inoltre, la ricarica rapida potrebbe avere un impatto significativo sulle batterie dei veicoli elettrici odierni.

Alcune batterie sono più sensibili alla ricarica rapida rispetto ad altre. “Se hai bisogno di una ricarica rapida solo in rare occasioni, perché di solito la ricarichi a casa in garage, non dovresti tenerne conto quando acquisti un’auto”, afferma Eric Schaltz.

Su Illustrert Vitenskap abbiamo precedentemente riportato uno studio su 13.000 auto Tesla che ha sorprendentemente dimostrato che la ricarica rapida non riduce la durata della batteria. Ma anche qui la lunga esperienza di Tesla nell’adattamento alla temperatura delle batterie potrebbe svolgere un ruolo.

READ  Audio di qualità garantita con Cam Audio - Builder