Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ecco perché dovresti portare con te l’ultimo souvenir dell’anno

Ecco perché dovresti portare con te l’ultimo souvenir dell’anno

La stagione ciclistica inizia di solito a metà gennaio con il Tour Down Under e prosegue fino alla fine di settembre: l’incoronazione di un campione del mondo è un momento culminante naturale.

Quest’anno il Mondiale e l’EC si sono scambiati di posto nel calendario, il che è insolito. Tuttavia, Glasgow è entrata a far parte del “Super WC” insieme ad altre discipline del ciclismo.

In una stagione graduale, l’élite mondiale si incontra per il calcio d’inizio finale contro la linea nel primo fine settimana di ottobre. Allora è pronto per l’ultimo monumento dell’anno – e l’unico dell’autunno – in Lombardia.

Per quasi 70 anni la corsa è stata “il Mondiale d’Autunno” – il Campionato Mondiale d’Autunno – ma nel 1995 l’UCI ha cambiato il Campionato Mondiale da agosto a fine settembre, solitamente la settimana prima del Festival del Ciclismo Italiano.

A godersi l’onore finale sono stati tutti e sette i corridori che hanno vinto la Lombardia con la maglia iridata: Alfredo Pinta, Tom Simpson, Eddy Merckx, Felice Zimondi, Giuseppe Saroni, Oscar Camensind e Paolo Bettini.

I punti più importanti del percorso

Una cosa che penso confonda le persone quando si parla di Il Lombardia è che l’organizzatore fa di Como e Bergamo le città di partenza e di arrivo della gara. In passato venivano utilizzate anche molte città.

Ad esempio, vi ricordate che tra il 2004 e il 2006 la corsa partì dalla svizzera Mendrisio?

Questi cambiamenti hanno un impatto diretto sul modo in cui viene determinata la razza. Quando Tadej Pogačar vinse l’anno scorso, i corridori avevano circa sei miglia da percorrere in cima alla famosa Madonna del Ghisallo. Il traguardo è stato aggiunto a Como.

Dopo gli ultimi giri della finale, una discesa lungo il ripido Civico si è conclusa con un corpo a corpo tra Bocacar ed Enrique Mas.

Questa volta Ghisallo, la salita alla chiesa dove si dice che il Conte di Ghisallo la Vergine Maria l’abbia portata via dai ladri, sembra un aperitivo dopo quattro miglia. Quindi la direzione del viaggio viene nuovamente invertita e il gisallo non ha alcun effetto reale sul risultato, tranne che lì può svilupparsi la rottura.

La collina faceva originariamente parte del Lombardia agli inizi degli anni ’60, ma fu tagliata perché molto richiesta dai cavalieri dell’epoca. Dopo il ripristino del substrato, è riapparso sette volte tra il 2012 e il 2020.

Durante la gara del 2020, scendendo da qui, Remko Evenboel è arrivato troppo lontano in curva ed è stato scaraventato oltre un muretto di cemento ed è caduto in un burrone. Muro de Sormano fu scoperto solo più tardi.

Nel 2023, una copia esatta del percorso vinto da Dadej Bhokakar due anni prima. Concludendo a Bergamo, la grande prospettiva si unirà entro quattro miglia per superare il Passo di Ganda.

A quel punto lo sloveno ha risposto all’attacco di Vincenzo Nibali, ha resistito e si è liberato a 36 chilometri dal traguardo. Sorprendentemente, è stato raggiunto dal co-pilota di Julian Alaphilip, Fausto Masnada, che lo ha raggiunto mentre scendeva il passo. Il capitano degli Emirati Arabi Uniti ha poi vinto lo sprint tra i due.

L’articolo continua sotto il video.

Caos totale per la cometa norvegese: guarda la situazione assurda

Significato storico

In italiano si chiama Savari Classica delle Fogli Morte, che significa “cavaliere delle foglie cadute”. Di solito, questo è l’unico grande classico dell’anno marino autunnale. D’altronde la Pandemia nel 2020 ci ha regalato due edizioni della Parigi-Roubaix e una delle Fiandre in autunno. Ma questo era dovuto all’emergenza europea di qualche mese fa.

In passato non era del tutto insolito che le gare più importanti di un giorno si spostassero leggermente nel calendario, ma nel ciclismo di oggi quattro dei cinque Monumenti si svolgono all’inizio di marzo. Aprile, finale di Lombardia subito dopo il Mondiale.

In totale i corridori italiani sono all’attivo con un totale di 69 vittorie in 116 edizioni. Ha anche alcune spiegazioni geografiche.

All’inizio del XX secolo, era più comune per i belgi viaggiare nelle Fiandre, per i francesi nella Parigi-Roubaix e per gli italiani nella Milano-Sanremo e Il Lombardia. L’industrializzazione, la modernizzazione, le infrastrutture e la globalizzazione hanno cancellato i problemi dei viaggi tra paesi diversi.

Coppi duplicò il record vincendo ogni anno tra il 1946 e il 1949. L’ultima vittoria risale al 1954. Cinque vittorie sono ancora il record.

Il Lombardia, a cui la razza ha cambiato nome nel 2011, era originariamente chiamato Milano-Milano sin dalla sua nascita nel 1907. Nel corso degli anni, è stata una corsa con rapidi cambiamenti. Nel 1961, fortemente legata al viaggio fino a Madonna di Ghisallo, la metropoli italiana della moda fu sostituita da un arrivo pianeggiante, a soli sei chilometri dall’ultima salita. Il cambio di percorso ha dato alla gara un carattere completamente diverso.

Oggi la razza è associata a scalatori bravi ed esplosivi. Non è raro che una versione offra dislivelli di quasi 5.000 metri, di cui approfittano gli scalatori e i capitani più forti dei Grandi Giri.

Gli ultimi otto vincitori sono stati Tadej Pogačar (x 2), Jakob Fuglsang, Bauke Mollema, Thibaut Pinot, Vincenco Nibali (x 2) ed Esteban Chaves.

E negli ultimi tempi qui gli italiani lo hanno reso più acuto. Dal 2000, ha vinto 10 delle ultime 23 edizioni in casa.

L’importanza dell’etnia in Norvegia

Soprattutto nella lotta contro le Fiandre circostanti, la Parigi-Roubaix e la Liegi-Bastogne-Liegi, è giusto considerare Il Lombardia il più piccolo dei monumenti. Quella classifica include probabilmente la Milano-Sanremo, spesso definita la “Classica degli Spurters” (cosa che non è più vera) e l’apertura della classica primaverile (italiana).

Il Lombardia funge da carota per molti corridori in vista di una lunga stagione. Portare a casa la vittoria dai monumenti del ciclismo non è certo la fortuna di tutti, la corsa è innegabile.

Tuttavia, in generale, l’interesse per il ciclismo diminuisce notevolmente nelle due settimane precedenti il ​​weekend del Mondiale.

In Norvegia spesso l’interesse è rivolto a quanto sono buone le possibilità dei nostri atleti di ottenere un buon risultato. Quest’anno i migliori norvegesi sono tutti legati alla squadra ciclistica Uno-X Pro. Si intensificherà l’anno prossimo quando Andreas Leknessund, Jonas Iversby Hvideberg e Markus Hoelgaard torneranno a casa.

Guardando ora la classifica, l’Uno-X potrebbe mettersi nelle condizioni di far scattare per la prima volta un invito a Il Lombardia. È tempo che corridori come Tobias Halland Johannessen e Leknessund abbiano l’ambizione di ottenere qualcosa lì.

L’anno scorso è stata una delle “buone edizioni” finora, con Legnesant, Tobias Fosse, Odd Christian Eiking e Carl Friedrich Hagen al via. L’uomo di Tromsø è stato il nostro migliore in campo al 40° posto, ma spesso sono i norvegesi a entrare di propria iniziativa nella formazione titolare con compiti chiari per i grandi nomi. Tra le altre cose, Foss è stato l’assistente di Jonas Wingegaard l’anno scorso.

READ  Guida al pranzo con il lungo e il corto: Proseccheria: italiano italiano solido come una roccia

Pertanto, anche il team norvegese Uno-X Pro sarà una gradita aggiunta.

Sulla base dei risultati, il terreno è molto pianeggiante per la Norvegia. Lars Petter Nordhaug è 27°, Dag Otto Lauritzen 31°, Atle Kvålsvoll 30°, Kurt Asle Arvesen a e Dag Erik Pedersen 16°.

Il miglior piazzamento norvegese dalla stagione 1981 è stato infatti registrato dal corridore della Magniflex-Olmo Geir Digerud. Lui è il numero 12.

L’articolo continua sotto il video.

Immagine

Verrà inserito – indica l’interno del gruppo

Questi sono i favoriti nel 2023

Boggar è un doppio difensore del titolo in una lotta contro Primos Roglik. Quest’ultimo arriva da una convincente vittoria al Giro dell’Emilia.

Aggiungete il canto del cigno del vincitore del 2018 Thibaut Pinot, del vendicativo Enrique Mas, della stella cadente Ilan van Wilder, del fedele Adam Yates, del sanguinario Remko Evenboel e del fuori forma Richard Karabus. Oltre ad Alexander Vlasov, Carlos Rodriguez e Dylan Tunes, garantiamo un buon intrattenimento del sabato.

Anche questa volta ci saranno sicuramente fuochi d’artificio fino al Basso Kanda. Devi ancora tirare fuori qualcosa di speciale dal cappello se vuoi superare la coppia di stelle slovene della corsa prima della gara nella meravigliosa città vecchia di Bergamo.

C’è anche una preziosa battaglia in palio poiché l’UAE-Team Emirates e il Team Jumbo-Wizma stanno ancora lottando per la vittoria assoluta nella classifica del World Tour.

Roglic sembra in forma dopo La Vuelta e potrebbe essere l’uomo da battere presto nell’ultima apparizione per Jumbo-Wizma.

Nello sprint in piccolo gruppo saranno fuochi d’artificio tra lui, Boggar, Karbas ed Evenboel. Quindi è una scena che molte persone vogliono evitare.

Buon Sabato Lombardi, amici!

PS: Se Bocagar dovesse ottenere la sua terza vittoria in Lombardia, salirebbe nell’esclusiva compagnia di Sean Kelly, Gino Bartelli, Henry Pelissier, Costante Girardengo, Gaetano Belloni e Damiano Cuneo.