lunedì, Luglio 22, 2024

Elezioni in Italia – “Prima l’Italia!” (Ultima Unione Europea)

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Questo lunedì i leader dell’Unione Europea si sono svegliati con il loro peggior incubo trasformato in realtà. Il Movimento Cinque Stelle, che esprime il suo disprezzo per la politica e rifiuta qualsiasi collaborazione con altri partiti, è il partito più grande in Italia, ricevendo oltre il 32% dei voti. Ma non hanno abbastanza seggi alla Camera dei Rappresentanti e al Senato per formare un governo senza cooperare con gli altri. L’estrema destra è complessivamente il gruppo più numeroso in entrambe le camere, ma nessuno dei due ha la maggioranza. Tra questi c’è la Lega che odia l’UE, con quasi il 18% dei voti, e ha superato di gran lunga il partito Come Italia di Silvio Berlusconi, che è stato solo superato dal partito Let’s Go Italia guidato da Silvio Berlusconi. Ho ottenuto il 14%.

Dopo le buone notizie arrivate dalla Germania riguardo alla formazione di un nuovo governo di coalizione tra cristiano-democratici e socialdemocratici, guidato dalla cancelliera Angela Merkel, il risultato delle elezioni italiane è stato un duro colpo per l’Unione Europea. Non solo hanno vinto due diversi partiti anti-UE, ma la terza economia più grande dell’area di cooperazione europea è diventata quasi indisciplinata. L’Italia soffre di enormi debiti, superati solo dalla Grecia nell’Unione Europea quando il debito viene misurato in percentuale della creazione annuale di valore. Ma se misurato in denaro, l’italiano è molto più grande. Per l’Unione Europea, dicono, l’economia italiana è troppo grande per crollare, ma è anche troppo grande per essere salvata. L’economia greca, al confronto, è cibo per bambini. Durante la campagna elettorale, Salvini e altri hanno promesso di eliminare la riforma delle pensioni, e Berlusconi vuole una flat tax bassa, ma l’Italia non può permettersi nessuna delle due cose. Se la paralisi politica porta a turbolenze sui mercati finanziari, il paese si trova in una brutta posizione.

READ  Il Petroleum Fund sta acquistando una quota di un parco eolico offshore per 13,9 miliardi di NOK-24

More articles

Latest article