Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Era tutto sbagliato

OBERSTDORF (Dagbladet): All’Hotel Marianne fuori Oberstdorf in Germania questa settimana:

In una piccola stanza per le attività sociali, due uomini sono seduti e parlano. Non sono nessuno.

Buona chimica: Claes Brady Brathin (a sinistra) e Alexander Stockl hanno costruito una buona amicizia dopo dieci anni insieme ai vertici di Hope-Norge. Foto: Geir Olsen / NTB
Mostra di più

Il manager della squadra nazionale Claes Brede Brathin (53) è stato la figura principale in una delle controversie di lavoro più discusse in Norvegia questo autunno. Alexander Stockel ha sempre sostenuto l’allenatore della nazionale (48).

La direzione dell’associazione di pattinaggio voleva che il Bråthen se ne andasse dopo questa stagione. Secondo quanto riferito, era difficile lavorare con.

Ma il sindacato di pattinaggio deve aver giudicato completamente male il suo status a Hopp-Norge. Alla fine, è stato risolto quando il 53enne ha cambiato ruolo da direttore sportivo a manager della squadra nazionale.

Terza per successo: la Norvegia non vince il Premio Hoppuka in Germania e Austria dal 2007. Dopo l'inizio a Oberstdorf, le è permesso di sperare nel successo.  Foto: Geir Olsen / NTB

Terza per successo: la Norvegia non vince il Premio Hoppuka in Germania e Austria dal 2007. Dopo l’inizio a Oberstdorf, le è permesso di sperare nel successo. Foto: Geir Olsen / NTB
Mostra di più

Il tono tra Bråthen e Stöckl è sciolto e libero. La Norvegia è iniziata alla grande a Hoppuka con tre dei primi quattro mercoledì. Alle 14.00 di oggi c’è la gara di salto di Capodanno a Garmich-Partenkirchen.

La cosa peggiore è stata l’atmosfera intorno a Bråthen nel periodo natalizio dell’anno scorso. Poi ha ricevuto un avvertimento che non si stava comportando nel modo in cui ci si aspettava da lui nella sua vita lavorativa. Inoltre, sua moglie Haig ha ricevuto il messaggio brutale: ha un cancro al seno.

– Il Natale dell’anno scorso è stato surreale. Tutto era sbagliato. Non credo di poter confrontare il Natale di quest’anno una volta. Questa volta è stato più gentile con la famiglia, dice Prathen.

– Così dovrebbe essere il Natale. Lo chiamiamo salute migliore. A parte l’aura e un po’ di sciocchezza, per noi era sempre meglio.

Famiglia britannica: da sinistra: figlia Selge, moglie Haig, figlia Selma, figlio Cinder, figlio Sirius e Claes Brady.  Nella foto: Marlene Nystad

Famiglia britannica: da sinistra: figlia Selge, moglie Haig, figlia Selma, figlio Cinder, figlio Sirius e Claes Brady. Nella foto: Marlene Nystad
Mostra di più

– Come va con la moglie?

– Ha subito il primo esame dopo il trattamento. Ne sono così entusiasta. Non riceverai una risposta fino a dopo alcuni giorni. Speriamo e crediamo che tutto vada bene.

Quando Dagbladet chiede se lui e l’associazione di pattinaggio hanno completamente posto fine al conflitto, Bråthen risponde:

– Non riesco a finire il caso completamente. L’Associazione Sci non ha chiuso il caso. Lavoro per la Norwegian Ski Association. E siccome l’Associazione Sci non ha chiuso la questione, mi sono impegnato e devo occuparmene.

Riconciliazione: Claes Brady Brathin e il capo sci Eric Rosti (a destra) parlano alla stampa dopo l'accordo di novembre.  Foto: Javad Parsa / NTB

Riconciliazione: Claes Brady Brathin e il capo sci Eric Rosti (a destra) parlano alla stampa dopo l’accordo di novembre. Foto: Javad Parsa / NTB
Mostra di più

– Cosa non hanno finito?

– C’è un cosiddetto comitato di valutazione che si occupa del caso. Da questo lavoro deriveranno alcune conclusioni. Influirà sulla parte del sistema in cui mi trovo.

Brathen continua:

– Allora mi siedo qui a parlarti di questo. Di recente oggi, il direttore della stampa di Hoppuka è entrato ed è stato molto contento che le cose stiano andando come stanno. Era scioccato dal fatto che fosse un tour del genere.

guardare la tv: Clas Brede Bråthen ha cambiato i suoi ruoli da direttore sportivo a direttore della squadra nazionale. Video: NTB.
Mostra di più

Visto dall’esterno, può sembrare che Bråthen sia uscito vittorioso dalla lotta. Nel peggiore dei casi, avrebbe potuto rimanere quattro mesi nel sindacato di pattinaggio, essendo stato un hub a Hope-Norge dal 2004. Ora ottiene almeno quattro nuovi anni come allenatore della nazionale. Stöckl ne è felice.

È stata una caduta dura per noi nella comunità del salto. Lo staff tecnico ha dovuto lavorare con una certa incertezza. Chiedeva il clima all’interno dell’Associazione Sci. Stockel dice che era esigente dai pastori.

È stato l’austriaco a farsi notare sui media quando il conflitto è arrivato a una situazione di stallo. L’obiettivo era quello di ottenere Bråthen.

– Il risultato è stato esattamente come speravi?

La speranza era che Klas Brady venisse nominato direttore sportivo. Personalmente ho avuto a che fare con un solo direttore sportivo, ed è lui. La collaborazione è stata molto piacevole. Bene, è finita con un compromesso. Ma è meglio avere Clas Brede che non averne affatto.

Sostenitore: Alexander Stockel è apparso sui media quando l'associazione di pattinaggio voleva sbarazzarsi di Clas Brede Bråthen.  Foto: Geir Olsen / NTB

Sostenitore: Alexander Stockel è apparso sui media quando l’associazione di pattinaggio voleva sbarazzarsi di Clas Brede Bråthen. Foto: Geir Olsen / NTB
Mostra di più

A Bråthen furono negati i doveri amministrativi. Ståle Villumstad è entrato come direttore sportivo. Ma è ancora responsabile dei risultati sportivi e lavora per gli sponsor.

– Saltiamo dentro non sperimentiamo molta differenza. Clas Brede è pratico e tiene insieme il gruppo quando siamo in tournée. È lui che comunica nei media di sport, dice Stockel.

– Ma c’è una differenza in termini di lavoro che ha svolto politicamente e verso lo sviluppo dello sport del salto in Norvegia.

– E il tuo futuro da allenatore della Nazionale: faresti affidamento sui pulsanti se Brathin scomparisse?

– Non sarei sicuro se avessimo un direttore sportivo, non so cosa pensare. O se cerca di cambiare ciò che facciamo.

Il contratto di Stöckl scade in primavera. Come comprende Dagbladet, è in trattativa con la Norwegian Ski Association per il futuro. Nulla è chiarito.

Ma ora tocca a Hoppuka in Germania e Austria. L’inizio della competizione è stato emozionante quando Bråthen non ha volato da Gardermoen a Monaco di Baviera.

Il motivo è che ha sostenuto il test di incoronazione positivo il 14 dicembre. La persona alla reception ha interpretato ciò nel senso che non poteva viaggiare per 28 giorni. Ma poiché Bråthen è stato vaccinato, questo non si applica a lui.

Positivo al test: Clas Brede Bråthen ha ricevuto la corona due settimane prima di Natale.  Foto: Geir Olsen / NTB

Positivo al test: Clas Brede Bråthen ha ricevuto la corona due settimane prima di Natale. Foto: Geir Olsen / NTB
Mostra di più

È venuto in aereo più tardi. Quando Dagbladet ha scritto di questa settimana, forse la notizia più grande è stata che Bråthen aveva contratto il coronavirus di tutti i tempi.

– Non è qualcosa che ho cercato di nascondere. Ma non è nemmeno qualcosa che avevo un disperato bisogno di pubblicare. Non ero stato alle gare di Coppa del Mondo a Engelberg prima di Natale. Ho scelto di non uscire con lei, perché non volevo diffondere incertezza nel sistema.

– Quale incertezza?

– Quando ci sono casi di infezione in un ambiente, può portare all’incertezza. Questa era la mia semplice recensione. A parte mia figlia, non avevo contatti stretti specifici. I saltatori lo sanno ora. Ho inviato un’e-mail dopo Engelberg. Non mi vergogno di avere il corona, anche se qualcuno cerca di darti la sensazione di essere un criminale.

Bråthen nota che ha inalato un po’ mentre ciò accadeva. Niente di più.

L’aura provoca ulteriore caos per i volteggiatori e i giornalisti di Hoboka. Ci sono test qua e là. I documenti devono essere inviati qua e là. Se risulta positivo, rimarrai improvvisamente bloccato in isolamento in Germania o Austria per 14 giorni.

Con questo tabellone sullo sfondo, i norvegesi sono stati gratificanti per iniziare in modo impressionante Hoppuka a Oberstdorf mercoledì. Ha vinto il giapponese Ryoyo Kobayashi. È stato seguito da Halvor Aigner Granrod, Robert Johansson e Marius Lindvik.

Happy gang: Halvor Aigner Granrod e la Norvegia sono partiti bene a Hoboka.  Qui la squadra esce dall'hotel di Oberstdorf e segna il percorso Garmisch-Partenkirchen.  Foto: Geir Olsen / NTB

Happy gang: Halvor Aigner Granrod e la Norvegia sono partiti bene a Hoboka. Qui la squadra esce dall’hotel di Oberstdorf e segna il percorso Garmisch-Partenkirchen. Foto: Geir Olsen / NTB
Mostra di più

Oggi è pronta per la tradizionale gara di salto di Capodanno a Garmisch-Partenkirchen. L’ultima volta che la Norvegia ha vinto il titolo Hoboka è stato nel 2007 con Anders Jacobsen.

Quanto è disperata la Norvegia per farlo di nuovo?

– La disperazione non è inferiore a quella del 2012. Fino ad allora pensavamo che fosse passato molto tempo dall’ultima volta che abbiamo vinto, sottolinea Prathen.

– No, non voglio dire che si dispera. Ma Hoppuka è una forza trainante molto potente e una fonte di motivazione per il nostro intero sistema.

Divorzio: il segretario generale di Engfield Britten Berg e il capo dello sci Eric Rosti volevano eliminare Claes Brady Brathin, ma hanno dovuto trovare un compromesso.  Foto: Annika Birdy / NTB

Divorzio: il segretario generale di Engfield Britten Berg e il capo dello sci Eric Rosti volevano eliminare Claes Brady Brathin, ma hanno dovuto trovare un compromesso. Foto: Annika Birdy / NTB
Mostra di più

Bråthen parla con grande impegno. Gli abbiamo chiesto come sarebbe stato se gli fossero rimasti solo quattro mesi nell’Associazione Sciistica. Questo è ciò che originariamente volevano il presidente dello sci Eric Rosti e il segretario generale Engfield Britten Berg.

La rivolta in rovina è stata espressa al meglio nel gruppo Facebook “Support for Clas Brede Bråthen”. È vivo e vegeto con quasi 55.000 membri.

Bråthen non vuole passare il tempo a sentirsi amareggiato.

La gente ama saltare più di quanto pensassi. Poi ci sono un sacco di persone che conoscevo amavano saltare e che mi hanno dato un supporto senza riserve. È caldo.

E:

Quando verrà l’ora della liquidazione, questo è ciò che porto con me nella tomba.

READ  - Sette minuti sui difetti dell'epoca - VG