Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Facevano parte della ricca Europa. Ora il Paese potrebbe finire in un club povero.

Il tasso di disoccupazione giovanile in Italia è del 31,5%. Angela Musakio, 59 anni, ha mandato i suoi due figli all’estero.

Roma (Aftenposten): L’economia italiana è stagnante da 20 anni e milioni di persone hanno lasciato il Paese. Gli economisti dubitano che le elezioni di domenica invertiranno la tendenza.

– No, non mi mancano. In questo senso, probabilmente non sono una tipica madre italiana. Sapere che stanno bene e che possono fare quello che vogliono nella vita, dice Angela Musacchio, (59 anni), è tutto ciò di cui ho bisogno.

Øystein K. Langberg, corrispondente dell’Aftenposten, a Roma.

È ogni giorno tornata a casa dal lavoro di medico in un ospedale nel centro di Roma. All’inizio ho preso l’estenuante metropolitana per poco più di 20 minuti, poi sono salita in macchina e ho guidato per mezz’ora fino alla città costiera di Ostia.

Una casa grande e vuota attende.

– Non sono sicuro che torneranno. Anche lo sceicco cominciò a perdere un po’ della sua italianità. Musakio sorride, sta facendo degli strani errori grammaticali.

L’Italia è il Paese con i padroni più intelligenti e stupidi

Ne sono rimasti più di cinque milioni

È stata la forza trainante dietro ai suoi due figli che hanno lasciato l’Italia dopo il liceo. Ogni giorno che passa, Musakio si sente sempre più sicuro di essere stato la scelta giusta.

Di solito penso all’Italia come al formaggio svizzero. Ci sono lacune ovunque: il sistema scolastico, il sistema sanitario, le infrastrutture, l’economia, la politica. Per quanto riguarda i giovani, qui non vedo futuro, dice ad Aftenposten.

– Se gli italiani fossero più bravi nella lingua, penso che se ne andrebbero di più. Inoltre, le madri si stanno trattenendo. Penso che dovrebbero tagliare il cordone ombelicale, dice Angela Musakio.

I suoi figli sono solo due gocce in un mare di italiani che hanno lasciato la loro terra.

Nel 2016 il numero ufficiale di italiani all’estero ha raggiunto i 5,4 milioni Secondo il Financial Times Il numero potrebbe essere più alto a causa della sottostima.

La stagnazione economica è stata citata come una delle principali cause della violenta fuga di cervelli. Il Paese, che nel 1980 aveva un tenore di vita più alto del Regno Unito ed era alla pari di Svezia, Francia e Belgio, ha smesso di crescere. Mostra i dati del Fondo monetario internazionale (FMI).

Di fatto, creare valore per ciascuno. Il rapporto pro capite dell’Italia oggi è esattamente lo stesso del 1999. In confronto, la creazione di valore in Germania è aumentata del 25% nello stesso periodo. Le cifre sono corrette per le differenze di prezzo tra i paesi.

READ  - Si sta dirigendo verso tempi migliori - E24

– Troppo prevedibile

Tutti gli altri sperimentano progressi, ma noi restiamo completamente a guardare. Il PIL è stagnante e il posto in cui sono cresciuto è stagnante. L’Italia è altamente prevedibile, ma in modo negativo, afferma Andrea Carrera (21), via Whatsapp dal Regno Unito.

Il figlio immigrato di Angela Musacchio appartiene a una generazione di italiani che nella loro vita non ha vissuto altro che stagnazione economica.

Alle elezioni di domenica, possono votare per la prima volta, se si preoccupano.

Andrea Carrera sta studiando legge nel Regno Unito ed è fiduciosa che le sue prospettive di lavoro siano molto migliori rispetto al suo paese d’origine. In Italia sai di non avere un lavoro quando finisci gli studi. Dice, forse non lavorerai mai su ciò che sogni.

Cambiare l’Italia richiede qualcosa di grande, ma credo che debba venire dalle persone. Ho perso fiducia nei politici, dice Carrera.

La sensazione che il tempo si sia fermato non è meno invadente del fatto che sia stata la coalizione di Silvio Berlusconi (81 anni), accusata e piena di scandali, a diventare la più numerosa nelle elezioni di domenica. Lui stesso non poteva diventare primo ministro a causa delle sue condanne, ma poteva sedersi dietro le quinte e tirare i fili.

Carrera scuote la testa incredula. Non pensa che sia importante chi vince.

L’Italia è uno dei paesi più belli che si possano visitare, e ha così tanto da offrire che anche noi italiani non sappiamo tutto. Continuerò ad andarci in vacanza ea visitare la famiglia e gli amici, ma probabilmente non sarò mai più il mio paese d’origine.

Tutta colpa dell’euro

Alcuni partiti politici, come i populisti di centrodestra del Movimento Cinque Stelle o la Lega di estrema destra, incolpano l’euro e l’Unione Europea per lo scarso sviluppo.

Non abbiamo euro in tasca. Matteo Salvini, il leader della Lega Nord, ha detto il mese scorso che era il marco tedesco, che chiamavano euro.

in un Articolo sulla rivista Foreign Policy Il professore di economia Luigi Zingales scrive che l’euro può essere parte della spiegazione, ma i problemi sono molto più profondi.

Uno dei motivi principali per cui l’economia non cresce è che la produttività non aumenta. Ritiene che la spiegazione di ciò risieda nella cultura aziendale italiana. I lavoratori non vengono ricompensati per la loro qualità, ma piuttosto per la loro lealtà verso il loro capo e le loro connessioni. Un risultato di ciò è che le aziende del paese sono molto lente nell’adottare nuove tecnologie.

READ  Trump Grocery | I clienti che utilizzano Apple Pay perdono premi in Kiwi e Meny: - Certo che lo guardiamo

“Se non nasci nella famiglia giusta, se non hai legami politici e soprattutto se sei una donna, scoprirai che la carriera è bloccata. Uno dei miei detti preferiti è che l’Italia è il paese con i più intelligenti segretari e presidenti più stupidi”, ha scritto Zingalis, che si è trasferito negli Stati Uniti dall’Italia 30 anni fa e lavora all’Università di Chicago.

odio questo sistema

Dal suo studio nel centro di Roma, Musacchio e il suo collega medico Alessandro D’Alessio, 34 anni, arrivano con una descrizione simile del Paese.

– È possibile che io possa trovare un lavoro qui, ma non se voglio fare ricerca e fare ciò che sogno davvero, dice Alessandro de Alessio.

Anche se sei un bravo studente e lavori sodo, non puoi andare su e giù senza contatti, dice D’Alessio.

– Abbiamo dinastie familiari. Musakio dice che in tutti i buoni lavori, gli stessi titoli si ripetono di generazione in generazione.

Lei stessa ha un ufficio nel seminterrato dell’ospedale. È mezzogiorno, ma sembra ancora sera perché le finestre sono completamente buie. Musakio dice che ha dipinto le pareti da sola quando si è trasferita lì, ma ora l’intonaco sta cadendo di nuovo in grandi scaglie.

– Odio questo sistema, dice il collega D’Alessio.

Si trasferisce in Germania ad aprile per continuare la sua carriera lì.

– Voterò alle elezioni e poi me ne andrò.

Guarda i segnali positivi

La disoccupazione in Italia rimane sopra l’11%, ben al di sopra dei livelli delle altre grandi economie europee. Il tasso di crescita tra i giovani è del 31,5%.

Non tutto però è completamente nero, come sottolinea Confindustria, la risposta italiana al NHO. Hanno notato che le esportazioni sono aumentate in modo significativo, la produzione industriale è in aumento e che la crescita del PIL dell’1,5% nel 2017 è stata la migliore in molti anni.

– È vero che l’economia italiana è cresciuta un po’ nell’ultimo decennio, ma ora sta ripartendo. Ciò è dovuto più che altro agli stessi imprenditori e alle tante riforme necessarie che sono state attuate, afferma Alessio Rossi, Responsabile Giovani Imprenditori di Confindustria.

Tra l’altro, il governo ha attuato una riforma delle pensioni e una riforma che accelererà il mercato del lavoro, tra l’altro abbassando le tasse e rendendo più facile il licenziamento.

Rossi ritiene che i socialdemocratici abbiano ottenuto molto e compiuto passi importanti per controllare l’enorme debito del Paese. Tuttavia, hanno perso le elezioni.

READ  Tesla è stato condannato da un consiglio di conciliazione dopo che le auto hanno perso la velocità di ricarica

– Perché è così? È difficile rispondere a questo. Rossi dice che i partiti fanno molte promesse per le quali non hanno copertura, ma molti le votano.

Teme che molte delle riforme verranno annullate o annacquate.

– È un grosso problema in Italia che i nuovi governi stiano disfacendo tutte le riforme dei loro predecessori. Sappiamo che è probabile che accada di nuovo, dice Rossi, che è stato intervistato prima delle elezioni.

I più poveri d’Europa?

Tornato all’ospedale di Roma, Musacchio non fu particolarmente colpito dal governo uscente.

– Parlano di progresso, ma la verità è che nulla è migliorato. L’unica cosa che è successa è che siamo invecchiati di qualche anno.

Dice di aver votato molte volte per i socialdemocratici, ma questa volta sta considerando la questione dell’immigrazione di denaro (ex Lega Nord) all’estrema destra, senza pensare che porterà a una rivoluzione.

Centinaia di migliaia di migranti hanno attraversato il Mediterraneo verso l’Italia negli ultimi anni. L’insoddisfazione per la situazione è stato un tema importante nella campagna elettorale del partito di estrema destra della Lega e leader Matteo Salvini, che oggi cerca un risultato record.

Il professor Zingalis non crede che l’elezione di domenica significherà qualcosa di speciale da o verso. Egli prevede che la combinazione di invecchiamento della popolazione, fuga di cervelli, minor numero di nascite, minore crescita della produttività e solide basi della zona euro, significa che è probabile che il declino dell’Italia continui “lentamente e senza sosta”.

L’Italia potrebbe semplicemente diventare uno dei paesi più poveri dell’Unione europea in pochi decenni?

Nicolas Puri, professore di economia alla Louis University di Roma, ritiene che il Paese abbia un punto di partenza migliore della Grecia. Secondo i dati del FMI, la Grecia è già stata superata dai paesi dell’ex blocco orientale come la Repubblica ceca, la Polonia e la Lituania.

Puri sottolinea che il sistema educativo italiano è buono, il settore industriale è forte e le famiglie sono relativamente ricche per via del risparmio. Tuttavia, non vuole escludere che il Paese possa scivolare più in basso nella scala.

Una combinazione di diversi scenari negativi, come una recessione globale, un governatore della banca centrale più conservatore nella zona euro e populisti al potere, potrebbe rendere l’Italia una nuova Argentina. Non credo sia molto probabile, ma non si può nemmeno rifiutare.

Sei interessato all’Unione Europea, alla NATO e agli sviluppi nel nostro continente? Quindi puoi seguire il corrispondente dall’Europa su Facebook E su Snapchat (nome utente: olangberg).