Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ferrari 250 GTO: il prezzo si avvicina ai 75 milioni di dollari

Questo articolo è stato originariamente pubblicato Motore Finnavice.

Se vuoi entrare a far parte del club automobilistico più esclusivo del mondo, hai una sola opzione: prendi una Ferrari 250 GTO. Ma è più facile a dirsi che a farsi. Non c’è quasi nulla sul mercato e sono così costosi che devono essere un compito per il fondo petrolifero.

Vuoi essere invitato in compagnia del proprietario di Walmart Rob Walton, del costumista Ralph Lauren, del batterista dei Pink Floyd Nick Mason, dell’ex boss di Microsoft John Shirley, dell’escavatore Sir Anthony Bamford e del fondatore dei bombardieri Brandon Wang?

Una classica soluzione Ferrari 250 GTO.

Questa vettura ti garantisce come membro del club automobilistico più esclusivo del mondo. Non supererà mai i 36 membri, il numero di 250 GTO costruiti in diverse versioni.

Da Dargah Florio: l’auto è stata riprogettata riportandola alla configurazione Turk Florio con i colori svedesi e il numero di partenza dell’epoca. Foto: Ivar Engerud / Finansavisen

Leggendario 250

La 250 GTO segnò il culmine di dieci anni di crescita per il modello Ferrari 250, lanciato nel 1953. Il modello 250 è stata la prima Ferrari a sviluppare vetture con moderni principi di assemblaggio. Senza il successo del modello, la Ferrari non sarebbe sopravvissuta come marchio sulle piste o come casa automobilistica sportiva.

Progettato a Colombo, il motore V12 da 3 litri e 240 cavalli era imbattibile sulla strada quando è stato introdotto. E l’originale Pinin Farinas, ma con disegni eleganti nelle varie varietà di Vignale, Scaglietti e Zagato, era un classico connubio con nuove espressioni che continuarono oltre gli anni ’50: 250 Mille Miglia, Europa GT, Berlinetta «Tour de France», l’incredibile bellissima Spider-California ex Serie I ed infine la 250 SWB Berlinetta del 1959.

A 230 km/he caratteristiche di guida migliorate hanno reso la 250 GT SWB una delle migliori auto sportive che si potessero ottenere all’inizio degli anni ’60. Vestita in alluminio leggero, con un massimo di 280 cavalli, è un’auto da corsa terrificante.

Icona di auto sportiva e corsa

L’ingegnere Giotto Pissarini ha creato la nuova vettura da corsa 250 GTO (Gran Turismo Omologato) basata sull’esistente 250 GT SWB. Il telaio è stato alleggerito e rinforzato e il motore è stato spostato all’indietro per migliorare la distribuzione dei pesi.

Prima che Pissarini potesse ringraziarlo insieme a molte altre figure chiave della Ferrari, fu progettata una nuova carrozzeria con una parte posteriore tagliata. Si sono trasformati in un pasticcio fangoso, la signora Ferrari.

Mauro ha portato a termine il progetto tecnologico Forghieri, che ha portato a 300 cavalli le prestazioni del motore 250 in una carrozzeria unica firmata Sergio Scoclitti. La prima copia era pronta per la prova alla fine del 1961 e dal 1962 il modello ha vinto la classe GT della FIA per tre anni consecutivi.

Solo 36 pezzi sono stati costruiti dal tanto amato modello Ferrari. Dopo il loro intenso servizio nelle corse per Ferrari e team privati, sono stati catturati da appassionati privati ​​in Europa e negli Stati Uniti, che hanno goduto di vecchie auto di successo senza pensare ai valori futuri.

Erano più opzioni per coloro che non potevano permettersi di acquistare i modelli più recenti e potenti oltre gli anni ’70. Quindi puoi ottenerli per 30.000 corone… ora le migliori copie superano i 70 milioni di dollari.

Swedish Racing Pride: ogni esperto Ferrari identifica la 250 GTO solo dai dettagli sulla parte anteriore e le 36 auto sono ancora più uniche con alcuni colori da corsa svedesi.  Foto: Ivar Engerud / Finansavisen

Swedish Racing Pride: ogni esperto Ferrari identifica la 250 GTO solo dai dettagli sulla parte anteriore e le 36 auto sono ancora più uniche con alcuni colori da corsa svedesi. Foto: Ivar Engerud / Finansavisen

3445GT – Da Venezia alla Svezia

Il 30 aprile 1962, la quarta 250 GTO di serie, numero di telaio 3445GT, fu consegnata al suo primo proprietario a Roma. Nel giro di pochi mesi il veneziano Giovanni Wolfi de Misurata fu catturato e aveva la sua squadra di corse, la Scuderia Serenishima.

READ  Celebra il National Redemption Day con una ricetta in stile italiano

Nonostante fosse uno dei migliori clienti della Ferrari, il numero non consentiva l’acquisto della nuova 250 GTO. Ora almeno era maledetto. Ha mandato in servizio questa franchigia in una gara di 24 ore a Le Mans nel fine settimana a St. Hans, dove Nino Vacrella e Giorgio Scarlatti hanno condiviso la corsa.

Sfortunatamente, non raggiunse il traguardo, ma lo sforzo continuò per tutta la stagione 1962 prima di essere inviato a Sebring per 12 ore nel marzo 1963. Immediatamente, il playboy svedese, erede industriale (credo Läkerol) e il pilota da corsa Ulf “Uffe” hanno acquistato l’auto Norinder e l’hanno spedita a Turka Florio a maggio con i suoi piloti italiani.

Delizia svedese

Nell’estate del 1963, un’auto dipinta con i colori delle corse svedesi: blu con barra centrale gialla, arrivò nella sua nuova patria. Prima di fare il viaggio di ritorno a Daytona attraverso l’Atlantico nella primavera del 1964, raccolse la ruota dell’Ufe al Vasco da Gama di Monza e alla Copa Inter Europa.

Dal 5° posto negli Stati Uniti, è stato caricato su un camion in Sicilia e un altro tentativo al famoso Turka Florio a fine aprile. Questa volta Norinder e il giovane pilota svedese Pico Troberk sono i piloti.

Il 9° posto assoluto e il secondo posto nella classe sono stati fonte di ispirazione, la stessa primavera, durante la Norwegian National Day, Norinder Spa ha gareggiato con auto da 500 km. Tuttavia, senza successo. Questo non è successo al Nürburgring oa Reims, mentre a Väskustloppet non c’era concorrenza.

Questa è stata l’ultima apparizione dell’auto come proprietario di Norinder, ed è stata più o meno ritirata poiché Norinder ha continuato a investire in altre e moderne auto da corsa – ed è stato uno dei re della vita notturna svedese con alcuni nella vita di festa svedese. Molti giorni di feste folli a casa al Kiloforce Hercard.

Venduto in discoteca

Alla fine, il party racing ha preso il sopravvento – e la fortuna. Dopo una notte bagnata a Londra, la Ferrari fu venduta al pilota privato inglese Robs Lamblow nel 1971 durante una visita in discoteca.

“Uffe era un buon amico, ma non sapeva come prendersi cura di se stesso, e nel 1971 aveva bisogno di più soldi della macchina, e abbiamo fatto un accordo in discoteca”, ha detto Robes Lamblow, firmato di seguito, a Retromobil nel 2007 . .

L’auto non era più competitiva, quindi Lamblow la utilizzò come auto personale e alla fine la utilizzò nelle corse storiche fino a quando non la vendette agli Stati Uniti a metà degli anni ’90. Si è poi trasferita a Yoshiho Matsuda, in Giappone nel 1996, ed è stata sostituita nel 2003 da tre Ferrari negli Stati Uniti.

Il proprietario di oggi Chris Cox l’ha acquistato nel 2005 e da allora lo usa diligentemente. Durante il 50° anniversario della GTO in Francia nel 2012, ha subito una battuta d’arresto ed è stata restaurata da Ferrari Classic per i successivi quattro anni.

Nel 2018 è tornato a Native Italy e Villa d’Este, così abbiamo avuto l’opportunità di studiare la bellissima gemma in modo coerente e dinamico. Divertiti!