Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Ho pensato a lungo di aver “rovinato” il mio destino

La prossima settimana, saranno dieci anni da quando “Lilyhammer” ha cambiato la storia della televisione norvegese. Ora Stephen Van Zandt (71 anni) sogna una nuova stagione – e la pesca sul ghiaccio nell’entroterra.

  • Per Christian Selmer Andersen

    giornalista

Tutto quello che ho ottenuto è arrivato dopo che pensavo che la vita fosse finita, dice Stephen Van Zandt.

Mi guarda attraverso lo schermo. Ha una fascia distintiva intorno alla testa e una figura di morte messicana sullo sfondo. La figura è dipinta di bianco sul viso, rigida in una smorfia.

Stephen Van Zandt ha fondato una casa discografica e una stazione radio, è diventato una mafia nel film di grande successo “Soprano” e poi si è recato in un paese ricco di petrolio ma povero nell’industria cinematografica e televisiva. “Il Qatar è invertito”, ha scritto sulla Norvegia nella sua autobiografia, Unrequited Infatuations, pubblicata lo scorso autunno. È la storia di quando il chitarrista di Bruce Springsteen lasciò la E Street Band e dovette ridefinirsi.

Quando pensi che la tua vita sia finita, quando incontri il muro, sei deluso e le cose non sono andate come volevi: allora c’è sempre una via da seguire. Quindi continua così! Se continui, scoprirai che il destino sta nelle sorprese.

– È un messaggio universale?

Leggi il caso completo con abbonamento

READ  Kendall Jenner viene criticata dopo una foto di nudo