Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Fjord1 viene venduto all’estero a causa della politica fiscale norvegese – doc

Fjord1 viene venduto all’estero a causa della politica fiscale norvegese – doc

La compagnia di traghetti e motoscafi Fjord1, che possiede quasi la metà dei traghetti norvegesi, è stata venduta martedì ai fondi europei Dif Capital Partners e EDF Invest. La politica fiscale del governo è ampiamente criticata.

L’azienda, di cui l’azienda familiare Havila AS possiede il 50%, ha realizzato nel 2022 un fatturato di 2,9 miliardi di corone norvegesi. Ieri il documento ha pubblicato un breve numero di NTB su questa vendita.

Per Savic, 82 anni, che rimane amministratore delegato dell’azienda, descrive il processo di vendita come “doloroso”. Prevede un “futuro cupo” per l’economia norvegese, incolpando la politica fiscale del governo per la maggior parte delle vendite.

– I proprietari stranieri, che non pagano l’imposta sul patrimonio, avranno accesso a capitali molto più economici dei nostri. I proprietari norvegesi devono affrontare un grosso ostacolo, perché gran parte del processo di creazione di valore deve essere portato fuori dall’azienda per poter pagare l’imposta sul patrimonio. Come andrà a finire?, si chiede Sævik in un’intervista a Affari di oggi.

L’armatore ritiene che molti armatori norvegesi lasceranno la Norvegia se il governo non cambierà la sua politica fiscale.

– Sottolinea che non è un caso che così tanti norvegesi facciano le valigie e si rechino in Svizzera.

Sempre all’inizio di quest’anno, l’uomo d’affari outsider di Far Sanmur ha criticato il governo Ap/Sp e l’aumento dell’imposta sul patrimonio a partire dal 2021. Savic afferma di aver considerato in precedenza il primo ministro Storr una persona intelligente e ragionevolmente ottimista. Ma la situazione è destinata a cambiare se il governo si impegnerà in una politica fiscale così distruttiva.

READ  Vota per la speranza | Il futuro è nelle nostre mani

Le conseguenze dell’esodo dei miliardari all’estero a causa dell’imposta sul patrimonio cominciano a farsi sentire anche nei comuni. Recentemente si può leggere che il comune di Asker sta attraversando difficoltà finanziarie dopo aver perso 140 milioni di dollari di entrate fiscali annuali da quando Kjell Inge Røkke si è trasferita in Svizzera.

L’imposta patrimoniale non è l’unica ragione per cui Sævik ha scelto di vendere.

– C’è un quadro generale qui in cui molte cose giocano un ruolo. Ma vediamo che la monarchia norvegese è sotto pressione. Siamo l’ultima compagnia di traghetti lungo la costa con il 50% di proprietà in mani norvegesi, e questo è uno dei motivi per cui altre compagnie stanno vendendo fuori dal paese. Ciò che rende la vendita un po’ dolorosa è che Fjord1 è un’ottima compagnia e ha fatto investimenti significativi nei traghetti elettrici. Savic afferma di avere molti dipendenti qualificati.

I requisiti statali per i traghetti elettrici sono parte del percorso per raggiungere questi obiettivi di Parigi. Sebbene i consigli di contea ricevano una quantità significativa di sostegno governativo, questo non è sufficiente a coprire i costi, che possono incidere su altri importanti investimenti come scuole e strade provinciali.

– C’è una crisi dei traghetti nelle province costiere. Rispondiamo a un ordine del governo dal 2015. Questo è forse il passo che contribuisce più rapidamente al raggiungimento degli obiettivi di Parigi, e forse lo strumento più importante a disposizione del governo per raggiungere gli obiettivi nel settore dei trasporti. Ma le contee costiere stanno sanguinando e gli investimenti significano semplicemente che dobbiamo tagliare i servizi ai giovani e ad altri, ha detto alla nazione nel 2021 il sindaco della contea John Askeland (SP) nel grande distretto di Vestland.

Meno soldi per scuole e strade nelle contee costiere a causa dei costosi traghetti elettrici

L’82enne è fortemente coinvolto in diverse attività cristiane ed è, tra l’altro, comproprietario di TV12 Bedehuskanalen, ha scritto. Oggi.

READ  Presentazione tesi magistrali

Anche numerose altre aziende dello stesso settore sono state vendute all’estero. Interrogato da DN, Per Sævik ha detto che si trattava di “molto più di una dozzina” di concorrenti.

DN stima il fatturato totale a circa 5 miliardi, ma Sævik non vuole commentare questo.

– Entrambe le parti concordano di non commentare il prezzo, risponde brevemente Per Sævik.

Sævik è recentemente arrivato al 68° posto nella lista delle persone più ricche della Norvegia stilata da Kapital, che stima la sua fortuna a 5,5 miliardi di corone norvegesi.

Havila ha avuto grossi problemi con la sua controllata Havila Kestroten, poiché la produzione è stata ritardata dopo il fallimento del cantiere spagnolo e poi lo scoppio della pandemia. Kystruten gestisce quattro delle undici navi tra Bergen e Kirkenes. Le barche sono alimentate da quello che sarà il più grande array di batterie al mondo per navi passeggeri. Pesa 86 tonnellate e ha una capacità di 6,1 MWh.

– Utilizzando queste batterie, possiamo navigare per quattro ore senza rumore ed emissioni attraverso fiordi patrimonio dell’umanità e natura in via di estinzione. “In questo modo creiamo grandi esperienze con un piccolo impatto climatico”, ha affermato Havila Kestroten in un comunicato stampa del dicembre 2021.

Non c’è nulla nel testo che indichi che Sævik intenda uscire. Ma l’imposta patrimoniale associata all’azienda scompare, in modo che l’azienda non debba drenare tanti soldi indipendentemente dal risultato.

Il sostegno statale al clima in due fondi esteri termina ora.

Leggi anche:

I traghetti diesel funzionano perfettamente per la Norvegia e sono quindi una tappa obbligata

Lui compra “Scienza non confermata» Scritto da Stephen E. Kunin Libro di carta Quale E-libro.

READ  dibattito, leader | Dobbiamo fare spazio anche per l'appuntamento difficile