Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Forse una lesione nervosa nella popolazione – VG

Rivoluzione: mercoledì i manifestanti hanno abbaiato insieme alla polizia antisommossa ad Almaty. Poi le manifestazioni pacifiche si sono trasformate in violente rivolte.

I testimoni descrivono il caos nelle strade di Almaty. Il ricercatore nubiano afferma che il monopolio dell’informazione delle autorità kazake rende difficile sapere cosa sta succedendo nel Paese.

Inserito:

Gli edifici del governo furono presi d’assalto e bruciati. Ci sono state segnalazioni di saccheggi diffusi ad Almaty, la più grande città del Kazakistan.

Membri delle forze di sicurezza e manifestanti sono stati uccisi e centinaia sono rimasti feriti in violenti scontri. Il ministero dell’Interno del Kazakistan ha detto che 26 persone che le autorità definiscono “criminali armati” sono state uccise e altre 18 sono rimaste ferite, secondo RIA Novosti. Inoltre, 3.000 persone dovrebbero essere arrestate.

Una coalizione militare guidata dalla Russia ha inviato circa 2.500 soldati per sedare le rivolte.

Il giornalista locale Ardak Bukeva ha parlato con i manifestanti a terra che hanno preso d’assalto la residenza presidenziale ad Almaty, scrive guardiano. Hanno detto che decine di persone sono state uccise durante l’assedio.

Si vocifera che gli agitatori siano venuti alle manifestazioni con l’obiettivo di creare disordini. Altri dicono che a volte la polizia era quasi assente nei paesaggi urbani il mercoledì e il giovedì.

Abbiamo già visto un serio sviluppo giovedì riguardo alla disponibilità del regime all’uso della forza, con molti altri morti e feriti, ha detto a VG l’esperta e ricercatrice kazaka Kristin Vgaestad a Nupi, l’istituto norvegese di politica estera.

Richiede libertà di scelta

Finora, i rapporti indicano che le manifestazioni sono scoppiate spontaneamente tra i lavoratori del petrolio nell’ovest del paese e si sono diffuse a macchia d’olio in tutto il paese. Non vi è alcuna indicazione che sia stato organizzato o guidato a livello centrale in alcun modo, afferma Fjæstad.

READ  Ha perso più di 170 milioni di corone dopo l'incriminazione - E24

– Sembra che le manifestazioni siano scoppiate a causa dell’aumento dei prezzi del carburante, ma le proteste iniziate in Occidente potrebbero aver toccato le corde della popolazione, spiega.

Mercoledì, i manifestanti hanno preso d’assalto diversi edifici governativi con i manganelli e gli hanno dato fuoco. Le manifestazioni hanno portato con sé grandi danni materiali, oltre ai feriti e ai morti da entrambe le parti.

Il ricercatore della NUPI Fjæstad indica, tra le altre cose, le richieste di nuove elezioni libere e un sistema politico più parlamentare come base per le manifestazioni.

Dice che il quadro è complesso e molti potrebbero avere ragioni diverse per protestare. C’è una forte insoddisfazione per gli sviluppi che il Paese sta vivendo in termini di condizioni sociali ed economiche, e questo potrebbe essere ciò che queste manifestazioni hanno espresso.

Il Kazakistan è visto da molti come una storia di successo in Asia centrale ed è riuscito a creare una crescita economica in gran parte grazie alla disponibilità di materie prime. Allo stesso tempo, queste risorse erano soggette al calo dei prezzi delle materie prime. La ricchezza si è materializzata in gran parte per l’élite politica ed economica e poco per la maggior parte delle persone.

monopolio dell’informazione

Finora, nei disordini sono stati uccisi decine di manifestanti e almeno 18 membri della polizia e delle forze di sicurezza. Secondo il ministero dell’Interno, finora sono stati arrestati o detenuti 2.298 manifestanti. Le autorità hanno detto che circa 400 saranno ricoverati in ospedale.

READ  Crisi: - Ecco le forze russe

Ma è difficile verificare numeri e affermazioni, e molto difficile sapere cosa sta realmente accadendo nel paese.

Internet è stato chiuso per lunghi periodi. La copertura mobile è scarsa. La stragrande maggioranza dei canali TV ha smesso di trasmettere. Ciò rende più difficile ottenere informazioni, spiega Vgaestad, e difficile confermare ciò che viene fuori.

ESPERTO DEL KASAKHSTAN: la ricercatrice senior Kristen Vgaestad è a capo del gruppo di ricerca per la Russia, l’Asia e il commercio internazionale presso il Nupi, l’Istituto norvegese di politica estera. Tra le altre cose, ha scritto un dottorato di ricerca sul Kazakistan.

Le autorità sono quasi in totale monopolio dell’informazione. Vgaestad afferma di avere una descrizione della situazione e una spiegazione della situazione a differenza di quanto descrivono i media indipendenti e i giornalisti sul campo.

coaguli di sangue e fuoco

L’attivista Irina Mednikova ha detto al Guardian di aver visto grandi pozze di sangue nell’erba intorno alla residenza presidenziale giovedì mattina, in assenza delle forze di sicurezza e della polizia.

La casa è stata completamente bruciata. Il cancello è stato sfondato da auto o trattori. Mednikova dice che tutte le finestre erano rotte, c’era fumo e un odore sgradevole all’interno.

Sangue: Il sangue copriva un’erba nel mezzo di Almaty.

Valeria Ibraeva, una storica dell’arte che ha guardato le proteste dalla sua finestra che si affaccia su una delle strade principali di Almaty, ha detto che i manifestanti hanno sorriso martedì ed erano amichevoli. Erano ottimisti e senza aggressività. Ma mercoledì era qualcosa di completamente diverso. All’improvviso ha visto un saccheggio diffuso e un autobus si è capovolto.

READ  Violenti scontri a Rotterdam a causa delle misure Corona - VG
Manifestanti bruciati: mercoledì e giovedì i manifestanti hanno incendiato auto e uffici governativi ad Almaty. Ecco un camion della polizia in fiamme.

Le forze guidate dalla Russia

Giovedì sono arrivati ​​i soldati di una coalizione militare guidata dalla Russia di paesi ex-sovietici. L’agenzia di stampa russa (RIA) ha riferito che rimarranno in Kazakistan per diversi giorni o settimane. In totale si parlerà di circa 2.500 soldati.

Giovedì mattina presto, le forze della CSTO hanno lanciato un’operazione per cercare di sedare le rivolte. L’obiettivo è mantenere la pace e l’ordine e aiutare le forze di sicurezza kazake, secondo la stessa coalizione.

La coalizione ha schierato le sue forze dopo che il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev ha chiesto di aiutare a stabilizzare il paese.

SUPPORTO MILITARE: Giovedì i soldati russi diretti in Kazakistan sono saliti a bordo di un aereo militare in una base fuori Mosca.

sviluppo serio

Quelle che mercoledì erano iniziate come manifestazioni pacifiche sono diventate violente. I manifestanti affermano che ciò è avvenuto in risposta all’uso eccessivo della forza da parte delle forze di sicurezza e della polizia, mentre le autorità descrivono tutti i manifestanti come terroristi.

Forse è un misto di gente comune che è disperata perché non può pagare il carburante, mentre altri sono giovani che cercano un futuro con più libertà di scelta.

Vegasad crede che molti manifestanti abbiano motivi legittimi per protestare, mentre altri no.

Gran numero: in questa foto di mercoledì, un gran numero di manifestanti si è riunito nel centro di Almaty.

Le autorità hanno riferito che 18 membri delle forze di sicurezza sono stati uccisi, uno dei quali è stato trovato decapitato.

– In generale, si può dire che tali proteste portano con sé molte persone diverse che hanno ragioni diverse per manifestare. Molti hanno ragioni legittime, dice, mentre altri vedono la loro media nel realizzare qualcos’altro.

Vgaestad ritiene che sia difficile dire quanto tempo può durare il conflitto. Ciò dipende, tra le altre cose, dalla volontà del regime di usare la forza e da come i manifestanti reagiscono all’uso della forza e all’intervento della Russia. Crede che il grado di insoddisfazione futura chieda anche per quanto tempo le forze guidate dalla Russia rimarranno nel paese e quale ruolo svolgeranno nel conflitto.