Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gabriel Borek vince in Cile, la sinistra torna al potere

da Santiago

La sinistra più progressista Allora in Cile si fa la storia La vittoria di Gabriel Borek Ha ricevuto il 55,87% (4.618.480 voti) rispetto al 44,13% (3.648.394). Il 99,94% dei sondaggi è stato votato dall’estrema destra José Antonio Castín. 12 punti positivi mettono fine a uno dei processi più polarizzanti e incerti dal ritorno della democrazia nel 1989. Anche in una giornata afosa, un forte calo della circolazione pubblica non ha impedito ai cittadini di recarsi alle urne in massa. per il tuo futuro.

registratore borisk

Somma delle pietre miliari sul nuovo presidente cileno: A 35 anni, il più giovane (ne compirà 36 l’11 marzo) e la più alta affluenza nella storia del Cile, con un tasso di partecipazione unico del 55%, un altro record.. È la prima volta che un vicepresidente come lui presta giuramento.

Inoltre, viene fornito con Processo referendario per l’approvazione della nuova costituzione Questo dovrebbe essere fatto nel primo semestre del prossimo anno. Tutto quanto, Dopo un decennio di sofferenza per lo studente anziano nel 2011, che era allora rettore dell’Università del Cile, fu uno dei leader più importanti.

Mancanza di calore e trasporto

È stata una giornata complicata quella in cui il Paese ha vissuto un’ondata di caldo di 34 gradi all’ombra a Santiago in zone come scuole e palestre senza aria condizionata.

Un piccolo problema nel quartiere mancanza di movimento generale. Sebbene il governo di Sebastian Pinara abbia promesso di attuare un programma di trasporto pubblico privato, le immagini di autobus (autobus) parcheggiati hanno sollevato sospetti sull’interferenza elettorale. comuni popolaridove le voci tradizionali della sinistra sono state le principali vittime. Ecco perché, nonostante la velocità del processo, è difficile arrivare alle urne e, ancora una volta, creare grandi file.

Riconosci Cast e Pinora

Ma anche prima di quel numero – e della reazione alla guerra – l’uomo sconfitto ha ammesso di averlo chiamato su Twitter. “Mi congratulo con lui per il suo grande successo. Il Presidente del Cile da oggi merita il nostro rispetto e la nostra collaborazione costruttiva, il Cile è sempre stato il numero uno. Poi è arrivato il Presidente Sebastian Pino, che gli ha detto tra Consiglio e Reputazione: “Questo è il la più ampia partecipazione di cittadini da molto tempo. Fu introdotta la democrazia e il popolo cileno stabilì un nuovo modello di democrazia. Ne hai fatto parte, quindi mi congratulo con te”.

Borek gli ha detto: “Voglio che tu sappia che farò tutto ciò che è in mio potere per affrontare questa enorme sfida. Il nostro paese eccelle quando lavoriamo insieme”. Alla fine Pinora gli disse: “Fai una foto quando entri a La Monita e l’altra quando esci, perché è molto difficile da controllare”. “Spero di essere migliore di te”, le disse, aggiungendo che durante un viaggio a sorpresa non aveva disturbato il capo.

READ  Sørloth crede di guadagnare a "Haaland Level"

Nel frattempo, in quasi tutte le città del Cile, la gente inizia a festeggiare, nella Plaza de la Dignitad, ribattezzata dopo l’esplosione sociale dell’ottobre 2019. Bandiere Cile e Mapuche e “Il popolo ha vinto!” e «nemmeno un passo verso il fascismo». E non è poco: la mancanza di ondate di calore e di movimento generale significa che ci sono molti motivi per svuotare bottiglie di champagne, ventagli di bandiere o riscaldarsi con i propri cari.

La sinistra più progressista

Politicamente, questo rappresenta il ritorno al potere della sinistra più progressista in Cile dopo quattro anni a Pinara, che è giustamente leggermente inclinata verso il centro ma non ha esitato a beneficiare la classe imprenditoriale durante le epidemie e l’ha repressa efficacemente nella società. . Eruzione del vulcano nel 2019.

Il progetto Boric sostiene un nuovo modello di sviluppo che si concentra sull’energia rinnovabile, sulla tassazione di grandi fortune e sui progressi della scienza e della tecnologia.; Promuovere i diritti delle donne e delle minoranze sessuali, nonché la salute (compresa la salute mentale), l’ambiente e la cultura.

Ha rovesciato il culto dittatoriale e isterico del neoliberismo che proponeva di restringere lo stato, a beneficio delle grandi imprese, di chiudere il Ministero delle donne (di cui si è poi pentita), di vietare l’immigrazione e di creare scappatoie. Per motivi umanitari, l’esercito deve essere liberato dalle violazioni dei diritti umani durante la dittatura.

grande festa

Prima di un grande raduno di milioni di persone a Santiago nell’ottobre 2019, Ha tenuto il suo primo discorso pubblico su una piattaforma vicino alla Biblioteca Nazionale (a pochi isolati da Plaza de la Dignitat). Borek, infatti, non poteva salire sul palco perché il suo convoglio non poteva muoversi per molti minuti, e aveva già indicato la necessità di ridefinire “primo” fino a quando non avesse deciso di andare con la collega politologa Irina Karamanos. livello della mano. Alla fine, ha dovuto scavalcare la recinzione che separava la folla, sembrando una rock star sullo sfondo “Il diritto alla pace” di Victor ZarraInno esplosione sociale.

Tra fuochi d’artificio e applausi, ha ringraziato i cileni per “rispettare il loro impegno per la democrazia” e ha accolto Maputongon in lingua mapuche. “Non importa a questo punto se hanno votato me o il mio avversario. L’importante è che abbiano espresso il loro impegno per questo Paese che è di tutti. Anche a chi ha voluto votare e non ha potuto votare a causa della mancanza di mezzi pubblici In un giorno così importante, non accadrà più Perdita del diritto di voto.

Compiti del nuovo presidente

Borek ha parlato di dedicarsi al “processo di questi cambiamenti” che si sarebbe protratto nei prossimi anni, il portavoce della fase finale della campagna, il dott. Iskia Cic e ringraziando tutte le squadre che hanno aderito; Ma soprattutto per le donne, la diversità e i bambini che ci hanno riempito d’amore e le mappe in questo viaggio, i bellissimi dipinti che esprimono l’innocenza del Cile che amano, il Cile verde e amorevole (…) I don non so che non possono le api. “.

READ  Nazismo, Utenriks | Nazi-begravelse utenfor katolsk kirke i Roma vekker avsky og vemmelse

“Ho 35 anni e so che la storia non è iniziata con noi, lo so per certo. Giustizia instancabile, espansione della democrazia e tutela dei diritti umani a vari livelli (…) Entrando in un nuovo ciclo storico, sento che il nostro progetto è l’erede di un lungo cammino storico. Voglio essere presidente di tutto il Cile.

lo ammetto I tempi a venire non saranno facili. Dovrà affrontare le conseguenze delle peggiori epidemie del secolo scorso, nonché le conseguenze dell’esplosione sociale. Riguardo a quest’ultimo, ha sottolineato con forza: “Non è mai permesso, per qualsiasi motivo, che un presidente dichiari guerra al suo popolo”. Quest’ultimo è noto per il fatto che la sfortunata frase di Pinora prometteva “eravamo in guerra” in mezzo ai disordini di Santiago del 2019. Ha poi ripetuto lo slogan uscito dalla sala: “Giustizia, verità, niente impunità”.

Poi ha fatto riferimento al movimento da cui è scaturito: “Quanti di voi hanno partecipato a un raduno nel 2006, 2011, 2012? Siamo di una generazione che entra nella vita pubblica L’istruzione richiede che il consumatore sia degno senza essere una merce. Persino Parliamo della fine dell’AFP (Tornando al suo piano originale), il sistema pensionistico privato del Cile consente agli individui di investire nei soldi che le persone sono costrette a pagare in pensioni, piuttosto che condividere i profitti. “Non vogliamo che continuino a scambiare le nostre pensioni”.

Ha parlato di difendere i diritti umani, difendere la nuova costituzione e combattere i piani per distruggere l’ambiente, dicendo “Nessuna censura… Non possiamo vedere il contrario quando l’avidità di pochi distrugge ecosistemi unici”.

Infine, ha pronunciato il suo primo discorso: “Oggi la speranza ha superato la paura. Il popolo cileno ha escogitato un piano di governo che può essere incorporato per muoversi responsabilmente sui cambiamenti strutturali di cui il Cile ha bisogno. Il nostro governo sarà un governo che stabilirà piede per le strade”.

Pietra miliare storica

All’età di trentacinque anni, ha ricevuto il premio come il più giovane presidente nella storia del paese Borek ha raggiunto un altro traguardo: questa è la prima volta che un candidato che non ha vinto il primo turno ha vinto il secondo. Ma vuole passare alla storia come il prossimo presidente Nuovo processo di costituzione Da votare nel primo semestre del 2022, concludendo un nuovo ciclo nella storia cilena, in cui si spegnerà lo spirito di Pinochet.

READ  I risultati della ricerca potenzialmente errati vengono citati al posto di risultati di studi robusti informati

Tuttavia, il nuovo presidente cileno dovrà anche fare i conti con un momento economico post-pandemia che si tradurrà in una recessione globale che il Cile deve imparare ad affrontare senza sacrificare un candidato e un programma economico riformista. Il Senato e la Camera dei Rappresentanti senza maggioranza Né a destra né a sinistra. Non si sa al momento cosa farà dopo aver lasciato l’incarico. Così come i nuovi leader dell’opposizione.

Essere democratici in Cile e formare un ampio fronte con il Partito Comunista che di fatto ha governato durante il secondo mandato di Michelle Bachelet (2014-2018) è una sfida alla sinistra, che rappresenta la dignità della tribù indigena. . Sebbene inizialmente abbiano criticato il ruolo di concerto al governo del Cile dal loro ritorno alla democrazia nel 1989, sono stati in grado di ottenere il sostegno di individui come Bachelet e l’ex presidente Ricardo Lagos, così come i partiti che sono saliti sul palco. Democrazia, Christiana, PPD, Partito Socialista e Partito Radicale. Un’alleanza che cambierà senza dubbio la mappa politica del Cile.

Ma Borek, che è deputato dal 2014, ha sempre rappresentato la sua città natale, Magellan, in grado di prendere decisioni rischiose come promuovere un accordo di pace dopo un mese di esplosione sociale nel 2019. Carta è stata sostituita nel 1980. Credeva che dovesse “Salva” comunque il governo Pinara.

Nonostante abbia vinto il 27,91% al primo turno, Borek è arrivato secondo con il 25,83%, Cast è andato negli Stati Uniti e i politici repubblicani con AFP (Pension Leaders) hanno investito i loro soldi a livello internazionale nel modello privato cileno. Si dice che gli economisti Franco Paris (12,80%) abbiano raggiunto una terza maggioranza – sorprendentemente nelle elezioni non partecipano agli utili che i cittadini ricevono mensilmente in cambio della vecchiaia. Emigrò e agì senza mai spostarsi dall’Alabama. A causa di un mandato di cattura in Cile per mancato pagamento degli alimenti.

Da parte sua, Borek ha ridefinito il suo discorsoPromuovendo temi come la sicurezza, l’immigrazione e guardando al futuro, Ischia Shek, presidente del College of Medicine, si è aggiunto come uno dei leader più carismatici e amorevoli durante le pandemie. È riuscito a evitare le provocazioni del Cast, che si è lasciato andare a discussioni tv e social, fake news e indiscrezioni, dalle gallerie fotografiche per accusarlo indirettamente di uso di droga (cosa che Borek ha negato durante tutta la discussione. Mostra in diretta un anti- test antidroga), prima poi in Cile. Una strategia che non è mai esistita ha raggiunto il livello di competenza politica.