Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Genetista: – Non esiste un limite massimo alle caratteristiche su cui possiamo concentrarci

Genetista: – Non esiste un limite massimo alle caratteristiche su cui possiamo concentrarci

Il direttore della genetica e dell’innovazione di Benchmark, il professor Ross Houston, parla delle opportunità e delle tendenze nella tecnologia genetica per l’allevamento del salmone.

L’allevamento del salmone norvegese è un esempio ideale di come la tecnologia genetica possa migliorare la regolamentazione del settore. Inizialmente l’attenzione era rivolta alla crescita dei pesci, che è la caratteristica più semplice da allevare. L’attenzione si è poi spostata su altri tratti, come la resistenza alle malattie, afferma Houston.

Il professore ha una lunga esperienza nel campo della genetica. Dal dottorato di ricerca Sulle caratteristiche genetiche dei maiali, di cui ha scritto all’Università di Aberdeen, ha colto al volo Acquacoltura e poi il Roslin Institute di Edimburgo (l’istituto che clonò le pecore Dolly) voleva esplorare le possibilità di utilizzare tecniche di allevamento dei suini nell’allevamento del salmone.

Negli ultimi 20 anni, Houston ha lavorato nel campo della genetica del salmone. Ora Lavora per Benchmark Genetics, che ha programmi di allevamento del salmone in Norvegia, Islanda e Cile e fornisce uova di salmone ai produttori di tutto il mondo.

L’obiettivo dei programmi di allevamento su cui Houston e il team stanno lavorando è Migliorare le caratteristiche genetiche principalmente del salmone e dei gamberetti.

– Non direi che sono una “persona da pesce”, dice Houston a iLaks.

Impianto di terra di riferimento in Islanda. Le differenze nel mercato fanno sì che i genetisti si concentrino su caratteristiche diverse adattate alle esigenze dei diversi paesi. Galleria fotografica: genetica standard in Islanda

Dalla scienza al mondo
Dice che Houston è più interessata alla genetica come campo di ricerca che al pesce stesso.

-Il mio obiettivo è indirizzare i programmi di allevamento verso caratteristiche e pesci che funzionano bene per i clienti in vari mercati. “In questo modo, credo anche che stiamo contribuendo al settore e alla sua sostenibilità”, afferma.

A livello personale, era guidato dalla visione che la scienza offre benefici anche al di fuori del laboratorio.

– Posso avvicinarmi e vedere che gli ultimi progressi scientifici stanno facendo davvero la differenza. “È bello da vedere”, dice.

READ  Dibattito, demenza | Demenza - l'elefante nella stanza

Houston ritiene che il settore dell’acquacoltura sia aperto alle nuove tecnologie e che non sia “bloccato” nella tradizione.

-L’industria è innovativa e si sta rapidamente aggiornando con le nuove tecnologie. È un buon ambiente per tradurre la scienza in pratica.

Leggi anche: Benchmark promuove gli investimenti nell’infertilità e nell’editing genetico per l’industria del salmone

L’infertilità è una priorità
Il team di Benchmark utilizza la tecnologia riproduttiva per rendere sterile il salmone. L’infertilità è in cima alla lista delle priorità, perché può Aiuta a prevenire l’incrocio tra pesci d’allevamento e salmone selvatico in caso di fuga ed evita la maturità sessuale prematura del salmone d’allevamento.

Houston racconta di una tecnica triploide, con la quale rende sterile il salmone spremendo le uova fecondate. Le cellule ricevono quindi tre serie di cromosomi.

La tecnica triploide non è consentita in Norvegia, ma è comune in molti altri mercati. Ad esempio, in alcune zone del Canada, si sono ottenuti buoni risultati con le femmine di salmone triploidi, afferma Houston. Illustrazione: genetica standard

Per ragioni di benessere dei pesci, la tecnologia triploide non è più utilizzata in Norvegia. L’Autorità norvegese per la sicurezza alimentare ha deciso nel 2021 che tutto il salmone triploide dovrebbe essere eliminato dal mare entro la fine del 2023.

Leggi anche: L’Autorità norvegese per la sicurezza alimentare ha posto un limite al salmone triploide. Ma ciò non cambia i piani tripla A di Greg nel Canada orientale

Il team di Benchmark sta cercando modi per rendere sterile il salmone senza utilizzare la tecnologia triploidia. Un modo per raggiungere questo obiettivo è aggiungere “molecole antisensoriali” al latte di salmone (sperma di salmone). Le molecole si legano all’RNA nei geni importanti per la formazione dei gameti dei pesci e inibiscono la funzione di questi geni. Le uova di pesce vengono poi fecondate con latte di salmone.

READ  Indiana Jones e il pubblico che scompare - E24

– La tecnologia di sterilizzazione del pesce funziona. La sfida, dice Houston, è portarla a un livello tale da poter accogliere la produzione commerciale.

Modifica genetica
È possibile utilizzare anche l’editing genetico. Houston dice che il team sta esaminando l’editing genetico, tra le altre cose, per migliorare il sistema immunitario dei pesci e aumentare la loro resistenza ai pidocchi.

Siamo interessati all’editing genetico perché offre l’opportunità di introdurre nuove caratteristiche. Dice che potrebbe fornire benefici per la salute dei pesci, ma anche benefici finanziari.

CRISPR è un metodo genetico per apportare modifiche mirate al DNA, in altre parole, l’editing genetico. FI ricercatori del Marine Research Institute hanno precedentemente utilizzato CRISPR per disattivare un particolare gene e allevare salmoni senza gameti.

Leggi anche: Ecco il salmone d’allevamento geneticamente modificato di HI

HI ha utilizzato il metodo CRISPR per eliminare i geni che controllano la maturità sessuale e il colore. Illustrazione: Erlind A. Lorentzen/Istituto di ricerca marina

Houston afferma che CRISPR è attualmente utilizzato solo a fini di ricerca. Questo metodo non è ampiamente accettato per uso commerciale. Nel mondo dell’ingegneria genetica bisogna tenere conto del fatto che i diversi paesi hanno normative diverse e punti di vista diversi sull’argomento.

– In Giappone, ad esempio, c’è una maggiore accettazione dell’ingegneria genetica. Houston afferma che i ricercatori ritengono che CRISPR potrebbe fornire benefici e potrebbe essere utilizzato per migliorare la salute dei pesci.

– Le persone vedono il valore
Il genetista sottolinea che sarà sempre importante analizzare gli effetti collaterali indesiderati, prima di introdurre nuove caratteristiche o modificare i geni.

Ci sono aspetti etici dell’editing genetico che stai considerando?

La tecnologia CRISPR può essere utilizzata per apportare modifiche ai geni che altrimenti sarebbero presenti in natura. In questo senso non vedo alcun pericolo allo stesso modo, dice Houston.

– Poi bisogna tenere conto delle normative e di quello che pensa il pubblico, sia i clienti che gli altri. Penso che ora ci si stia muovendo in una direzione equilibrata, in cui le persone vedono il valore dell’editing genetico, ad esempio per affrontare le grandi sfide legate alla salute e al benessere del salmone.

READ  Gli scienziati della NASA hanno scoperto la più grande cometa mai vista.

Britten sottolinea che seguono buoni standard per la cura del pesce e discutono cosa stanno facendo, perché vogliono farlo e i potenziali rischi con le autorità e altri attori del settore pubblico.

Covata di pesci standard. I pesci da riproduzione sono pesci sessualmente maturi che vengono utilizzati come genitori per le nuove generazioni. Per la nuova generazione possono selezionare salmoni femmine e maschi con caratteristiche specifiche, trasmettendo così le caratteristiche. Foto d’archivio: Thomas Morell

– In un quadro più ampio, ci concentriamo sul miglioramento del benessere e della salute dei pesci attraverso la genetica. Quindi possiamo evitare di lavorare il pesce ed evitare di esporlo a ciò che potrebbe essere stressante, dice Houston.

Nessun soffitto
L’allevamento del salmone è particolarmente adatto alla ricerca genetica, poiché ogni coppia di genitori di salmone può produrre numerosi figli. Ci sono quindi molti individui tra cui scegliere le caratteristiche, dice Houston.

-Ci sono restrizioni su quanto può essere “perfetto” un pesce?

-Più tratti miriamo a allevare, meno ci concentreremo su un tratto specifico. Dobbiamo dare priorità alle caratteristiche che contano di più. Per le proprietà “meno importanti”, ci concentriamo principalmente sul non muoverci nella direzione sbagliata e sul non introdurre nulla che possa avere impatti negativi su altre proprietà, risponde Houston.

Il fatto che ogni ciclo di produzione del salmone richieda diversi anni significa anche che ci vuole molto tempo prima che si possano vedere i cambiamenti genetici in azione. Anche ottenere buoni dati che possano essere utilizzati per selezionare i tratti e documentare i benefici è una sfida, afferma Houston.

– Ma non vi è alcuna indicazione che esista un limite alle proprietà su cui possiamo concentrarci.