Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gli aiuti di emergenza a Gaza potrebbero arrivare entro un giorno – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Gli aiuti di emergenza a Gaza potrebbero arrivare entro un giorno – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Capi di stato, organizzazioni e gruppi per i diritti umani hanno recentemente lavorato per fornire aiuti di emergenza ai civili a Gaza attraverso l’Egitto.

Se dobbiamo credere a Israele, ciò potrebbe accadere al più tardi domani.

Il portavoce dell’esercito israeliano Ari Sharoz Shalikar ha dichiarato giovedì al canale televisivo tedesco RTL che gli aiuti d’emergenza potrebbero arrivare al più tardi venerdì o sabato.

Il governo israeliano ha dichiarato, prima di cedere alle pressioni, che non arriveranno aiuti di emergenza finché non saranno rilasciati gli ostaggi tenuti da Hamas e dalla Jihad islamica.

L’esercito israeliano ha dichiarato venerdì pomeriggio in un comunicato che la maggior parte dei 200 ostaggi sono ancora vivi. Anche i morti furono trasferiti nella Striscia di Gaza.

Giovedì l’esercito israeliano ha aggiornato il numero degli ostaggi a 203. Tra i rapiti ci saranno soldati e civili israeliani, molti dei quali sono di nazionalità americana, francese e britannica.

Non c’è stata alcuna conferma indipendente di queste informazioni da parte dell’IDF.

Il convoglio del segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres arriva al valico di frontiera di Rafah tra l’Egitto e la Striscia di Gaza.

Fotografia: Muhammad Asad/AP

Il segretario generale delle Nazioni Unite al confine

Venerdì pomeriggio, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres si è recato sul lato egiziano a Rafah, al confine con Gaza, per cercare di accelerare la consegna degli aiuti di emergenza.

– È necessario consentire ogni giorno l’ingresso a Gaza di un gran numero di camion carichi di aiuti di emergenza, ha affermato Guterres, secondo l’agenzia di stampa Reuters.

I camion devono entrare a Gaza il più rapidamente possibile, dice, aggiungendo che le Nazioni Unite sono in contatto con le parti per garantire che gli aiuti di emergenza raggiungano la popolazione civile.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres al valico di frontiera di Rafah tra l'Egitto e la Striscia di Gaza venerdì 20 ottobre.

Nei giorni scorsi António Guterres ha cercato di accelerare i lavori per fornire aiuti di emergenza alla popolazione civile di Gaza.

Fotografia: Amr Abdullah Dalsh/Reuters

Possono essere accettati entro le prossime 24 ore

Venerdì mattina, l’organizzazione umanitaria delle Nazioni Unite ha riferito che stava conducendo negoziati “profondi e avanzati” con tutti gli attori rilevanti per garantire che gli aiuti di emergenza arrivassero il prima possibile.

Le Nazioni Unite ritengono che ciò possa accadere entro le prossime 24 ore.

Nel frattempo, una fonte anonima ha detto alla CNN che non è sicuro se Gaza riceverà aiuti di emergenza venerdì a causa di problemi di sicurezza e lavori stradali.

– La fonte anonima ha detto al canale: – Non scommetterei soldi su quei trailer che arriveranno venerdì.

Una fonte vicina ai colloqui tra Egitto e Stati Uniti ha sottolineato la necessità di lavori stradali nella zona cuscinetto da parte egiziana. Inoltre, ci sono altri dettagli che devono essere risolti per garantire che questa spedizione non diventi un caso isolato.

165 camion in attesa alla frontiera

Il valico di Rafah è l’unico modo per entrare o uscire da Gaza che non sia controllato da Israele.

Il confine è stato chiuso agli aiuti di emergenza e alle evacuazioni in seguito all’attacco di Hamas del 7 ottobre. Da allora, cibo, acqua, medicine o carburante non sono più stati autorizzati a entrare nei 2,3 milioni di persone che vivono lì.

Un convoglio di camion carichi di aiuti di emergenza è pronto al valico di frontiera di Rafah tra l’Egitto e la Striscia di Gaza venerdì 20 ottobre.

Un convoglio di camion carichi di aiuti di emergenza è pronto al valico di frontiera di Rafah tra l’Egitto e la Striscia di Gaza venerdì 20 ottobre.

Fotografia: Amr Abdullah Dalsh/Reuters

Al confine ci sono 165 camion carichi di aiuti umanitari, pronti a trasferirsi nella Striscia di Gaza per aiutare la popolazione civile che dal 9 ottobre è sotto totale assedio.

Dopo la pressione degli Stati Uniti, Israele ha accettato di consentire il passaggio di 20 camion carichi di aiuti consistenti in acqua, cibo e medicine attraverso il valico di frontiera di Rafah.

100 attacchi israeliani ieri sera

Venerdì notte gli aerei da guerra israeliani hanno attaccato più di cento obiettivi nella Striscia di Gaza. Questo secondo quanto annunciato dall’esercito israeliano.

Gli obiettivi erano corridoi di tunnel, depositi di munizioni e centri di comando collegati ai militanti palestinesi. È stata presa di mira anche una moschea a Jabalia, a nord di Gaza City. Secondo l’esercito israeliano, la moschea veniva utilizzata da Hamas per depositare armi.

Secondo l’agenzia di stampa palestinese Wafa, 21 civili sono stati martirizzati e altri 79 sono rimasti feriti in un attacco a sei edifici residenziali a Khan Yunis, nel sud. La maggior parte di loro erano donne e bambini. Wafa è legato all’Autorità Palestinese.

Soccorritori dopo gli attacchi israeliani agli edifici residenziali a Khan Yunis.

Soccorritori dopo l’attacco a edifici residenziali nel sud della Striscia di Gaza.

Fotografia: Muhammad Salem/Reuters

Dall’attacco di Hamas, l’esercito israeliano ha effettuato migliaia di attacchi aerei su Gaza. Secondo il Ministero della Sanità palestinese, finora gli attacchi hanno causato la morte di 4.137 persone.

Questa settimana c’è stata anche un’esplosione all’Ospedale Nazionale Arabo. L’intelligence statunitense stima che tra le 100 e le 300 persone abbiano perso la vita. Hamas sostiene che i morti furono 500.

Nessuna parte ha ancora rivendicato la responsabilità dell’esplosione e il bilancio delle vittime non è stato confermato da fonti indipendenti.

Allo stesso tempo, Israele ha annunciato un’invasione di terra della Striscia di Gaza.

– Qualsiasi escalation delle operazioni militari israeliane nella Striscia di Gaza sarebbe disastrosa per i residenti, afferma Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati. Questo è quanto scrive NTB.

I palestinesi a Gaza cercano i feriti e i martiri a causa degli attacchi missilistici.

I palestinesi a Gaza cercano i feriti e i martiri a seguito dell’attacco missilistico.

Foto: Agenzia France-Presse

La diplomazia è in massima allerta

Da giovedì diversi leader mondiali si sono recati in Israele e in Egitto. Sia il presidente degli Stati Uniti Joe Biden che il primo ministro britannico Rishi Sunak hanno visitato Israele per esprimere il loro sostegno e simpatia.

Ma per Biden era anche importante negoziare un accordo tra Egitto e Israele per consentire la consegna di aiuti di emergenza a Gaza, cosa che avrebbe potuto riferire al suo ritorno dal Medio Oriente come avevano concordato.

Il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi ha accettato di aprire il valico di frontiera di Rafah nella Striscia di Gaza per fornire aiuti di emergenza, ha detto il presidente americano Joe Biden.

Ieri sera Joe Biden ha tenuto un discorso al popolo americano, paragonando Hamas armata al leader russo Vladimir Putin.

Fotografia: Evan Vucci/AP

Giovedì il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres si è recato al Cairo con l’obiettivo di aprire il confine tra Egitto e Gaza, in modo che gli aiuti di emergenza possano entrare nella Striscia di Gaza.

Ha parlato anche del desiderio di guerra delle Nazioni Unite.

Hamas deve rilasciare i suoi ostaggi e Israele deve garantire a Gaza un accesso illimitato ai primi soccorsi.

Guterres ha anche chiesto un cessate il fuoco immediato a Gaza e ha sottolineato l’urgente necessità di fornire aiuti umanitari alla regione.

Servono 100 camion ogni giorno

All’inizio di questa settimana, Israele ha dato a 1,1 milioni di palestinesi un breve preavviso per fuggire dal nord al sud di Gaza. Giovedì notte la città di confine di Rafah, nel sud, è stata bombardata.

Secondo le autorità egiziane, le bombe hanno causato gravi danni e una capacità limitata sulle strade della città di confine, che avrebbero dovuto essere utilizzate per il trasporto degli aiuti di emergenza.

Il coordinatore degli aiuti di emergenza delle Nazioni Unite, Martin Griffiths, ha stimato mercoledì che sarebbero necessari circa 100 camion di aiuti di emergenza al giorno per soddisfare gli enormi bisogni umanitari nella Striscia di Gaza.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità spera che il valico di frontiera venga aperto venerdì ed è pronta a fornire aiuti di emergenza.


READ  Svezia, pacchetto crisi | Il governo svedese propone un grosso pacchetto di sostegno al popolo