Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gli Emirati Arabi Uniti non estenderanno l’accordo OPEC

Gli Stati membri dell’OPEC+ non sono stati in grado di raggiungere un accordo sull’eliminazione graduale dei tagli alla produzione quando si sono incontrati prima del fine settimana.

Domenica, Bloomberg News ha scritto che gli Emirati Arabi Uniti sostengono la decisione dell’OPEC di aumentare nuovamente la produzione di petrolio di 2 milioni di barili al giorno. Oggi è tra agosto e dicembre, ma non vogliono estendere l’accordo DoC iniziale.

L’accordo iniziale è stato stipulato tra 13 paesi membri dell’OPEC e 10 paesi non OPEC e mira a limitare la produzione di petrolio. L’accordo scade ad aprile 2022, ma altri membri dell’OPEC vogliono estendere l’accordo fino a dicembre 2022.

Gli Emirati Arabi Uniti si rifiutano di estendere l’accordo e mettono i bastoni nelle ruote dei negoziati.

ingiusto

Il motivo è che vogliono produrre più petrolio. In base all’attuale accordo, la produzione degli Emirati Arabi Uniti è di 3,2 milioni di barili al giorno. giorno. Ciò significa che un terzo della capacità produttiva totale del paese è inutilizzata, il che secondo gli Emirati Arabi Uniti è molto più di altri Stati membri, secondo Bloomberg.

“Questo è completamente ingiusto”, ha detto a Bloomberg il ministro del petrolio e delle infrastrutture degli Emirati Arabi Uniti, Suhail Al Mazrouei.

Vuole produrre di più: il ministro del petrolio e delle infrastrutture degli Emirati Arabi Uniti Suhail Al Mazrouei. Foto: NTB Scanpix

I negoziati arrivano dopo che la riapertura del mondo alla pandemia di Corona ha aumentato la domanda di petrolio. L’OPEC+ ha tagliato la produzione sulla scia della pandemia e ora l’aumento della domanda e l’offerta ridotta sul mercato hanno spinto i prezzi del petrolio sopra i 75 dollari ciascuno. botti di recente.

READ  Mela, Tesla | Apple allerta bomba nel mercato automobilistico

“Non è saggio lasciare che i prezzi del petrolio salgano a un livello che l’economia globale non può sostenere”, ha detto Al Mazrouei alla CNBC.

Le trattative riprenderanno lunedì.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno precedentemente trasmesso l’idea di lasciare l’OPEC. Una possibile uscita porterà probabilmente al caos nei mercati petroliferi e a una guerra dei prezzi simile a quella tra Russia e Arabia Saudita nell’aprile 2020, secondo la CNBC.

Al Mazrouei sottolinea che non hanno intenzione di recedere dall’accordo, ma non vogliono condizionare l’aumento della produzione alla possibilità della sua continuazione, secondo Bloomberg.

L’analista di DNB Helge Andrei Martinsen ritiene che i paesi raggiungeranno un compromesso lunedì, con la Russia che vuole aumentare la produzione di petrolio e la priorità dell’Arabia Saudita di estendere l’accordo oltre aprile.