Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gli scienziati argentini temono il futuro con un nuovo presidente

Gli scienziati argentini temono il futuro con un nuovo presidente

Giovani studenti festeggiano la laurea davanti all'università privata Universidad Torcuato Di Tella (UTDT) nella parte settentrionale e più ricca della capitale argentina, Buenos Aires.

Sembrano rilassati mentre stanno con i fiori in mano sulle scale davanti all'ingresso, mentre la famiglia e gli amici catturano il momento.

Tuttavia, il personale non è di buon umore.

Dopo che il controverso politico Javier Miley ha vinto le elezioni il 19 novembre ed è ora presidente del paese, sono preoccupati per il loro lavoro di scienziati e per la scienza in generale in Argentina, l'ottavo paese più grande del mondo, che spende lo 0,5% del suo PIL sulla scienza. ricerca e sviluppo.

spiega Juan Negri, professore di scienze politiche all'Università di Torcuato di Tella.

“Questo mi dà davvero fastidio”, ha detto, indicando il suo ufficio al terzo piano.

– È una minaccia per la comunità scientifica. Forse incertezza è la parola che meglio descrive la situazione, perché ancora non sappiamo cosa accadrà. Negri aggiunge che i prossimi anni potrebbero non essere buoni.

Ufficio di Juan Negri presso l'Università Torcuato de Tela di Buenos Aires.

Ha incontrato una motosega

Durante la campagna elettorale, l'economista liberale Javier Miley ha spesso posato con una motosega in mano per segnalare il suo desiderio di tagliare la spesa pubblica, che rappresenta il 15% del PIL dell'Argentina. Per questo motivo divenne noto ai media come “L'uomo con la motosega”.

Miley vuole far uscire il Paese dalla crisi economica che lo attanaglia dal 2001 e che è peggiorata negli ultimi anni, con l'aiuto della terapia d'urto.

L’inflazione aumenta di giorno in giorno e si prevede che raggiungerà il 200% entro la fine dell’anno.

– Juan Negri dice che ha ragione quando dice che in Argentina non ci sono soldi. Ma tagliare la ricerca non è la soluzione.

Il ministero chiuderà

Durante la campagna elettorale, Javier Miley ha lanciato piani volti, tra l’altro, ad abolire l’aborto e a consentire la vendita di organi.

Chiuderà anche il Ministero della Conoscenza, della Tecnologia e dell'Innovazione.

In video Divenuto virale su TikTok, Javier Miley grida “afuera”, che significa “vattene”, mentre strappa manifesti su un tabellone con gli indirizzi di 10 dei 18 ministeri che vuole chiudere.

Si ritiene che la ricerca appartenga al settore privato.

– Ciò che propone smantellerà quasi l'intero sistema, e sarà molto difficile ricostruirlo in seguito, afferma Diego Golombek, professore di biologia all'Università Nazionale di Quilmes e ricercatore al Conset. Tempi di istruzione superiore.

Conicet è uno degli istituti di ricerca più importanti dell'America Latina. Ma secondo Javier Maile anche questo dovrebbe essere chiuso, o almeno privatizzato.

Paura della fuga dei cervelli

Altri ricercatori che ricevono il sostegno di Conicet condividono le loro preoccupazioni nella rivista scientifica natura.

Tra loro c'è Alberto Kornblit, biologo molecolare dell'Università di Buenos Aires.

– I tagli al budget potrebbero essere massicci e, se Conicet chiude, ciò porterà ad una fuga di cervelli, dice a Nature.

Secondo Sandra Diaz, ricercatrice ambientale presso l'Università Nazionale di Cordoba, la situazione è “molto spaventosa”.

“Forse la comunità scientifica ha bisogno di dimostrare che siamo uniti”, dice a Nature.

Trump, Bolsonaro… Miley

Javier Miley viene paragonato a presidenti conservatori come Donald Trump (USA) e Jair Bolsonaro (Brasile) in termini di dichiarazioni estreme.

Soprattutto quando si tratta di clima, condividono gli stessi dubbi. Quando Javier Miley fu eletto al Parlamento nel 2021, affermò che il riscaldamento globale era una “menzogna socialista”.

Durante la campagna elettorale ha espresso la sua mancanza di sostegno all’accordo di Parigi e ora crede, secondo The Guardian, che sia del tutto naturale che le temperature aumentino e scendano nel corso della storia della Terra.

Ha detto al Guardian che tutte le politiche che incolpano gli esseri umani per il cambiamento climatico sono sbagliate e raccolgono solo fondi per finanziare i socialisti pigri.

Nega il valore della scienza

Sono affermazioni come queste che hanno spinto Juan Negri, tra molti altri, ad etichettare Javier Maili come “anti-scienza”.

– Temo che toglierà le restrizioni imposte alle grandi compagnie petrolifere e aprirà il campo di estrazione in Patagonia, “con il pretesto” che l'Argentina ha bisogno di soldi, senza preoccuparsi dell'ambiente, dice Negri.

Miley ha già dato alle aziende il via libera per inquinare i fiumi quanto vogliono. Molti membri di La Libertad Avanza sostengono la privatizzazione delle zone marittime. Suggeriscono che le specie in via di estinzione potrebbero essere protette allo stesso modo del bestiame, recintandole.

Secondo Miley non c'è motivo di avere ministeri dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile.

– Miley nega il valore della scienza, il valore dell'ambiente e del cambiamento climatico, dice Matilda Rusticucci di Nature. È una scienziata dell'atmosfera presso l'Università di Buenos Aires ed è coautrice dei rapporti IPPC dal 2004.

– Aggiunge: – Il suo governo costituirà una grave battuta d'arresto per l'intera comunità scientifica, nonostante tutti i progressi che sono stati realizzati, che hanno richiesto molti sforzi.

Uno dei corridoi dell'Università Torcuato di Tella.

Imprevedibile

Nessuno sa ancora cosa farà Javier Miley.

Juan Negri però non crede che il Centro nazionale delle ricerche Conisit verrà chiuso. È protetto dalla legge argentina e il partito Libertad Avanza di Miley non controlla il Congresso.

Ma Negri teme che gli stipendi dei ricercatori non verranno adeguati all'inflazione.

Ciò riguarderà i ricercatori Conicet pagati dallo Stato. Lo fanno nella più grande università pubblica dell'Argentina, l'Università di Buenos Aires.

Lo stesso Juan Negri lavora in un'università privata, dove ritiene che la ricerca in Argentina nel suo insieme si trovi ad affrontare una grande incertezza.

READ  Ricerca, Università norvegese UiT Arctic | Studiosi non identificati

– È la prima volta che abbiamo un presidente che non proviene da uno dei due partiti tradizionali. È la prima volta che un neoliberista sale al potere. Quindi c’è molta incertezza su cosa accadrà. “Sì, ne parliamo molto durante le pause”, dice Negri.

Veduta dell'Università Pubblica di Buenos Aires, Università di Buenos Aires (UBA).

Vuoi scendere in strada

Fuori dagli uffici di ricerca l’atmosfera è diversa.

Gli studenti sono molto soddisfatti dei risultati elettorali e attendono con ansia che il Paese abbia un presidente che non faccia parte dell'élite politica tradizionale.

Molti studenti dell'università privata provengono da famiglie benestanti. Molti di loro hanno votato per Miley, insieme al 56% degli elettori.

Uno di loro è Matthias Lieberman, 19 anni, che studia economia. Era seduto quasi solo in una stanza a preparare un esame quando gli abbiamo chiesto perché avesse votato per Millie.

– L'Argentina ha bisogno di cambiare, risponde.

– Ci sono molte cose su cui non sono d'accordo, ad esempio l'abolizione dell'aborto e la vendita degli organi. Ma non credo che siano proposte politiche, forse sono idee più vaghe. Ma Miley è quella con cui sono più d'accordo, e gli altri politici erano corrotti, dice Lieberman.

Se Miley scegliesse di attuare idee estremiste, i ricercatori scenderebbero in piazza per mostrare la loro opposizione, ritiene Juan Negri.

La società civile argentina è forte e i professori appartengono tradizionalmente alla sinistra.

– Può aspettarsi resistenza: manifesteremo e forse colpiremo. Negri dice che ci saranno disordini sociali.

-È il nostro modo di mostrare insoddisfazione. Potrebbe non avere un impatto diretto, ma almeno dimostra che siamo uniti.

Una delle facciate dell'Università Torcuato di Tella dove siedono e studiano gli studenti.

riferimento:

Martin D'Ambrosio e Fermin Cope: “Molto preoccupante”: i ricercatori argentini vacillano dopo l'elezione del presidente anti-scientifico. natura2023. (riepilogo) doi.org/10.1038/d41586-023-03620-3

© Videnskab.dk. Tradotto da Lars Nygaard per forskning.no. Leggi la storia originale su videnskab.dk qui.