Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gli Stati Uniti espellono i diplomatici russi – VG

Sanzioni: giovedì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato un ordine di sanzioni contro la Russia. Foto: Andrew Harnik / POOL / AP POOL

La Casa Bianca ha annunciato che il presidente Joe Biden, giovedì, ha imposto nuove sanzioni alla Russia. Dieci diplomatici russi furono deportati a Washington, DC. La NATO sostiene le sanzioni contro la Russia.

Pubblicato:

Sputnik, l’agenzia di stampa controllata dal Cremlino, ha riferito giovedì pomeriggio che l’ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca, John Sullivan, era stato convocato al ministero degli Esteri russo.

“Abbiamo ripetutamente avvertito gli Stati Uniti delle conseguenze dei loro passi ostili che innalzano il livello di confronto tra i nostri due paesi a livelli pericolosi”, ha detto in un commento la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. casa Bianca I rapporti hanno detto giovedì che il presidente Joe Biden ha firmato un ordine presidenziale che impone sanzioni alla Russia.

Tra le sanzioni c’è l’espulsione di dieci persone associate alla missione diplomatica russa a Washington.

Cinque di loro lavorano per i servizi segreti russi, secondo la Casa Bianca. Inoltre, lo stato impone sanzioni a numerosi funzionari e agenzie governative in Russia. Le banche statunitensi non possono negoziare nuovi titoli di stato russi.

Leggi anche

Stoltenberg: la Russia ha diverse migliaia di soldati pronti a combattere al confine ucraino

Il Tesoro degli Stati Uniti sta inoltre imponendo sanzioni a 32 agenzie e individui che ha identificato come coinvolti nello svolgimento di tentativi sponsorizzati dallo stato per influenzare le elezioni presidenziali del 2020.

Oggi gli Stati Uniti hanno risposto alle azioni dannose della Russia. Continueremo a ritenere la Russia responsabile delle sue ostilità, ha scritto il Segretario di Stato americano Anthony Blinken Twitter.

READ  Ex arcivescovo accusato di molestie sessuali su un'adolescente

Supporto della NATO

Una portavoce del ministero degli Esteri russo ha affermato che le sanzioni statunitensi porterebbero a una “inevitabile” risposta russa.

Lo scrive la NATO in un comunicato stampa Sostengono le sanzioni statunitensi contro la Russia.

Sopra Twitter Il capo della NATO Jens Stoltenberg ha scritto che “tutte le prove disponibili indicano che la Russia è responsabile della penetrazione di SolarWinds”.

“La Russia continua a mostrare un comportamento destabilizzante e tutti gli alleati della NATO sono oggi solidali con gli Stati Uniti”, ha scritto Stoltenberg.

Nel comunicato stampa, la NATO ha scritto che i tentativi di influenzare le elezioni nei paesi della NATO, comprese le elezioni presidenziali statunitensi, la diffusione di informazioni false e l’attività dannosa su Internet sono esempi delle numerose violazioni degli accordi internazionali da parte della Russia.

Gli alleati continueranno a lavorare a stretto contatto per contrastare le azioni della Russia, che rappresentano una minaccia per la sicurezza della regione euro-atlantica.

Sosteniamo le misure restrittive adottate dall’Unione europea contro la Russia e sosteniamo un approccio europeo comune in modo che abbiano il maggior impatto possibile. Insieme ad altri alleati, abbiamo rilasciato una dichiarazione congiunta della NATO, esprimendo sostegno agli Stati Uniti e chiarendo chiaramente che le azioni destabilizzanti della Russia in una serie di aree sono inaccettabili, afferma il Segretario di Stato Udon Halvorsen.

Le nuove sanzioni sono la prima ritorsione contro la Russia dopo un attacco di hacker alla società statunitense SolarWinds lo scorso anno.

“Questo ordine presidenziale indica che gli Stati Uniti dovranno sostenere costi, sia strategici che economici, per la Russia se continuerà o aumenterà le sue azioni internazionali destabilizzanti”, ha detto la Casa Bianca in un comunicato.

READ  Si è rivelato nella sezione commenti

Hanno anche designato ufficialmente l’Agenzia di intelligence statale russa come responsabile del principale attacco informatico a SolarWinds.

La Norvegia è stata colpita dall’attacco

SolarWinds è stata attaccata lo scorso anno quando gli hacker hanno impiantato codice dannoso nel loro software. Un totale di 18.000 dei loro clienti ha scaricato gli aggiornamenti correnti, consentendo agli hacker di accedere ai sistemi.

Le persone colpite includono il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, il Dipartimento del Commercio, il Ministero delle Finanze e l’Agenzia per la sicurezza nazionale. Inoltre, le autorità e le società sono state colpite in un gran numero di altri paesi. Non è chiaro quale tipo di informazioni possano aver ottenuto gli hacker.

Anche il Norwegian Petroleum Fund e diverse società norvegesi, comprese diverse società energetiche, sono state colpite.

Leggi anche

L’uscita della Norvegia dall’Afghanistan: nessuno si illude che sarà facile

L’amministratore delegato di Kraftcert, Margrete Raaum, ha dichiarato a Dagens Næringsliv che la vulnerabilità associata al codice dannoso non è stata utilizzata contro le aziende.

– Ottengono la porta sul retro, ma i ragazzi non hanno provato a fare nulla al riguardo.

Effetto elettorale

Il mese scorso, i funzionari statunitensi hanno accusato il presidente russo Vladimir Putin di aver dato un chiaro segnale di operazioni per influenzare le elezioni statunitensi.

Quello che è stato detto era un tentativo di rieleggere Donald Trump non ha avuto successo e non ci sono prove che la Russia o qualcun altro abbia cambiato idea o manipolato il risultato.

Leggi anche

Gli Stati Uniti confermano il ritiro: la Norvegia è disposta a dare seguito

La mossa di giovedì arriva sulla scia dell’avvertimento di Biden di martedì a Putin che gli Stati Uniti difenderanno i propri interessi. Nel frattempo, Putin ha convocato un vertice su un terreno neutro nel prossimo futuro.

READ  Penso che tutti gli adulti possano ricevere la loro seconda dose entro metà ottobre - VG

Diversi round

Il mese scorso gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni a sette funzionari russi e dozzine di agenzie governative in risposta all’avvelenamento e all’arresto dell’avversario del regime Alexei Navalny dopo il suo ritorno in Russia. Navalny è stato esposto al gas nervino russo e le autorità russe sono state accusate di essere dietro l’incidente. La Russia nega le accuse.

Le relazioni tra Stati Uniti e Russia sono attualmente molto tese e non è chiaro se le azioni statunitensi cambieranno il comportamento russo. In passato, gli americani non sono riusciti a porre fine alla pirateria russa.

Nel 2016, l’ex presidente Barack Obama ha licenziato diversi diplomatici dopo aver interferito nelle elezioni di quell’anno. Per il successore Donald Trump, le critiche a Putin sono state lunghe, ma Trump ha anche espulso diplomatici russi dagli Stati Uniti. È successo nel 2018 dopo che un ex agente russo è stato avvelenato nel Regno Unito.