lunedì, Luglio 15, 2024

“Google ha copiato il lavoro Sonos” – ITavisen

Must read

Romano Strinati
Romano Strinati
"Esperto di social media. Pluripremiato fanatico del caffè. Esploratore generale. Risolutore di problemi."

Google dovrebbe pagare a Sonos 32,5 milioni di dollari. Circa 359 milioni di NOK.

Sonos ha vinto ancora, ma non tutto

È il 360 ​​Act che una giuria ha deciso che Google ha violato un brevetto Sonos per il modo in cui gli altoparlanti sono stati raggruppati in modo che potessero riprodurre lo stesso contenuto. La stessa giuria ha rilevato che Google non ha violato il secondo brevetto, che copre come controllare i dispositivi con smartphone o altri dispositivi utilizzando Google Home.

“Questa è una piccola disputa su alcune caratteristiche molto specifiche che non sono comunemente utilizzate. Dei sei brevetti che Sonos ha affermato di essere violati, solo uno è stato trovato come tale, e il resto è stato respinto come non valido o non violato. Noi hanno sempre fatto progredire la tecnologia “Abbiamo gareggiato sulla base delle nostre idee e stiamo valutando i nostri prossimi passi”, ha dichiarato Google dopo la sentenza.

Sonos dice:

“Siamo estremamente grati per il tempo e la diligenza della giuria nel sostenere la validità dei nostri brevetti e riconoscere il valore dell’invenzione di Sonos delle “scene di area”. La sentenza ribadisce che Google è un trasgressore seriale della nostra suite di brevetti, qualcosa che l’ITC ha già pronunciato in merito a cinque brevetti Un’altra invenzione Sonos.

Complessivamente, riteniamo che Google stia violando più di 200 brevetti Sonos e il risarcimento dei danni emesso oggi, basato su una parte significativa del nostro portafoglio, dimostra l’eccezionale valore della nostra proprietà intellettuale. Il nostro obiettivo rimane che Google ci paghi una quota equa per le invenzioni Sonos di cui si è appropriato”.

READ  La parte multiplayer di Ghost of Tsushima diventa un gioco autonomo

Sonos qui fa riferimento a una sentenza che abbiamo riportato il 7 gennaio 2022:

La Commissione per il commercio internazionale degli Stati Uniti ha scoperto che Sonos ha utilizzato in modo improprio la tecnologia di Google. Sonos fece causa e vinse. Tra le altre cose, non potrai chiedere agli altoparlanti di suonare allo stesso modo e non potrai chiedere al sistema di impostare un volume specifico su un set di altoparlanti, ma dovrai invece modificare manualmente il volume per ciascun altoparlante tramite l’Assistente Google o un’app Home o Nest Hub”.

A quel tempo, Google ha incorporato una serie di modifiche in seguito alla sentenza e, come puoi vedere, i gruppi di altoparlanti non sono stati interessati:

  • Per modificare il volume di un gruppo di altoparlanti, ogni altoparlante deve essere impostato individualmente. Inoltre, non sarai in grado di modificare il volume del “gruppo di altoparlanti” sui pulsanti del volume fisico del telefono cellulare.
  • La maggior parte delle “combinazioni di altoparlanti” dovrebbe funzionare come previsto, ma non se hai la combinazione di altoparlanti con altri marchi che funzionano con Cast, come JBL o Lenovo. Dovrebbe essere la versione del firmware 1.52.272222 o successiva.
  • Un piccolo gruppo di utenti dovrà utilizzare l’applicazione Device Utility (DUA) per completare l’installazione e gli aggiornamenti del prodotto. È possibile che venga richiesto di scaricare ed eseguire un DUA che assicurerà che il dispositivo sia connesso al WiFi e disponga del software più recente.

More articles

Latest article