Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Grave incendio in un impianto petrolifero a Cuba – VG

Fiamme e fumo salgono da una pianta petrolifera a Cuba. La foto è stata scattata il 6 agosto 2022.

Secondo quanto riferito, un serbatoio dell’olio ha preso fuoco dopo un fulmine. Cuba chiede aiuto a esperti internazionali per spegnere l’incendio.

Inserito:

L’incendio è scoppiato in un impianto petrolifero fuori Matanzas dopo un fulmine venerdì pomeriggio ora locale e sta ancora bruciando sabato sera ora locale.

Secondo l’Afp, almeno una persona è stata trovata morta. Almeno 120 persone sono rimaste ferite e 17 vigili del fuoco sono dispersi AP.

Reuters ha scritto che circa 1.000 persone che vivono nella zona dovrebbero essere evacuate.

Le persone che vivono nella zona possono vedere il fumo nero del fuoco. La foto è stata scattata il 6 agosto 2022.

Il ministro della salute cubano ha affermato, secondo l’Associated Press, che cinque persone sono rimaste gravemente ferite.

Si dice che i 17 vigili del fuoco feriti siano stati quelli che hanno cercato di impedire la propagazione dell’incendio.

Un fulmine ha colpito il serbatoio dell’olio

Si dice che un fulmine abbia colpito il serbatoio dell’olio provocando lo scoppio dell’incendio. Si dice che l’incendio si sia successivamente diffuso a un altro carro armato.

Si dice che il grande fumo nero dell’incendio si sia diffuso per più di 100 chilometri a ovest verso l’Avana, scrive l’Associated Press.

I lavori di estinzione vengono eseguiti dall’aria e dal suolo.

I vigili del fuoco stanno anche lavorando per impedire l’accensione di più serbatoi di olio.

Si dice che un fulmine abbia colpito un tetto di petrolio e abbia provocato un grave incendio. La foto è stata scattata il 6 agosto 2022.

chiedere aiuto

Le autorità affermano di aver chiesto aiuto a esperti di “paesi amici” con esperienza nel settore petrolifero.

READ  - Dobbiamo trovare dei pacchetti di supporto - E24

Il vicesegretario di Stato Carlos Fernandez de Cosio ha affermato che gli Stati Uniti hanno fornito assistenza tecnica per spegnere l’incendio.

Il Presidente di Cuba, Miguel Diaz-Canel, ringrazia anche Messico, Venezuela, Russia, Nicaragua, Argentina e Cile per le loro offerte di assistenza.