Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Guarda, quanto siamo strani! – VG

MUTT MAN: Tobias Santlemann a Welcome to Utmark. Foto: HBO Nordic

Le persone sono strane. Ma non così strano come gli abitanti di Outmark.

Pubblicato:

«Benvenuto in Utmark»

Dramma norvegese in otto parti

Sarà presentato in anteprima su HBO Nordic domenica 18 aprile

Sceneggiatura: Kim Fupz Aakeson

Direttore: Daghur Curry

Con: Mary Blochus, Tobias Santelman, Alma Gunter, Stig Henrik Hove, Marius Lynn, Jard Edsfold, Rosave Chillaj, May Linda Kusumovi, Maria Bock, Jonas Strand Graveli, Nader Khamidi, Nils Johnson, Ingrid Vollan, Camilla Grunley Hartvig Al Jazeera, Frank Kyousseus

I dadi VG mostrano 3 punti

giusto in tempo Il partito di centro è caduto nelle urneEcco la serie che descrive Bygde-Norge, Distretto settentrionale, come puro, puro inferno.

Sei il benvenuto in Utmark. (Popolazione: uno dei combattenti, il despota, Sami, Belzi)Huff), E il suo fratellastro, “travestito” Heige)Prenotazione). L’uomo alcolizzato e più triste del mondo: un allevatore di pecore finlandese (Santillman). Ex-ragazza, Siri (Blokhos), Una foglia nel vento che soffiò a nord molti anni fa, cadde a terra e purtroppo rimase. Finn e Siri hanno una figlia insieme, Marin (Gunther).

TYRANN: Stig Henrik Hoff a Welcome to Utmark. Foto: HBO Nordic

Wellman (Johnson), sceriffo corrotto e criminale con problemi con il gioco d’azzardo. Ha il morbo di Crohn e deve fare la cacca tutto il tempo, altrimenti è in procinto di “accendere il gas” sua moglie Ingrid (Volan) impazzisce. Sua sorella Dagrun (Øyen) sembra essere posseduta dalle forze del male.

Widower e Pimp: Stein (AIDS Fold), E i “suoi” albanesi albanesi Dreta (Chelag) ed Elena (Kusumovi). Due contrabbandieri finlandesi svedesi di alcol, uno dei quali è su una sedia a rotelle e ha un disturbo del linguaggio. Shepherd, Helen (Bock), abbandonata da Dio. Sadie Bus Driver, Torbjørn (Kyousseus), Che indossa lattice e ama essere schiaffeggiato.

READ  Muhammad ha fumato per primo dalla fattoria

Vacanze al vento: Mary Blochus in “Welcome to Your Outmark”. Foto: HBO Nordic

Molti? Si. un’altra persona. Ma tu capisci il disegno. Non da “Cime gemelle“Così tanti“ mostri ”si sono radunati insieme in una comunità così piccola.

Parlando di “Twin Peaks”: nessun riferimento selezionato a caso. C’è qualcosa come gli anni ’80 e ’90 con “Welcome to Utmark”. ha un odore Jim JarmuschE il Aki Kurismaki E il tempo che abbiamo visto sullo schermo lo erano Raro, ventoso E il meraviglioso, Era visto come una qualità in sé e per sé in una certa misura.

Questa roba di “sporco realismo” che era estremamente popolare all’epoca, e così via Pål Sletaune E il Hans Peter Moland Ho lavorato in Norvegia, spesso con successo. Il problema con “Welcome to Utmark” è che molto poco può essere descritto come “realistico”. È solo sporco.

LONELY HALLIK: Gard Eidsvold in Welcome to Utmark. Foto: HBO Nordic

Con circa cinque eccezioni, non ci sono gradi che possiamo riconoscere o sentire. Outmark è quasi abitato da persone odiose e disperate.

Le eccezioni sono l’insegnante lesbica Carrie, che è appena arrivata al villaggio e l’ha trovata È scappato dal passato nei testimoni di Geova. Così è l’agitazione che non fa male. Poi si siede e spera disperatamente che le due ragazze albanesi e Marin si riprendano vai all’inferno Da questa casa pazza, il più velocemente possibile.

di cosa sta parlando? Non eccezionale, e almeno non abbastanza per riempire il tempo di gioco. Traffico di alcolici, assassinio di renne e pecore, ostilità rurale ed estrema solitudine.

Porta questo bravo ragazzo fuori di qui!: Alma Günther in “Welcome to Your Outmark.” Foto: HBO Nordic

Sorprendentemente accade poco. Marin deve scappare da madre, padre e marito tutto il tempo a causa della violenza e dell’ubriachezza in casa. Belsey è in conflitto con Finn, perché è in conflitto con quasi tutti. Trova la faccia mutilata di Elena. (“Verità inesistente”: Questa è la seconda volta in breve tempo che Santelmann distrugge la faccia di una prostituta in TV – vedi ancheDirettore»).

READ  Il vincitore dell'Eurovision è risultato positivo per Corona - dovrebbe cadere in finale - VG

Cioè, ad essere onesti, kJe-de-lig. La serie viene gettata via. Crudele, triste e stanco. È una questione aperta se questa storia possa difendere i 90 minuti. Non può davvero giustificare il 270.

“Welcome to Utmark” sembra così buono (fotografato dal norvegese Andreas Johansen). Sì, sembra molto meglio di così lui è. È ben realizzato da un punto di vista “tecnico”.

“FJELLABER”: Stig Henrik Hoff a “Welcome to Utmark”. Foto: HBO Nordic

Non c’è dubbio nemmeno che il gioco sia sempre fantastico, o che Günther (“fianco a fianco”, “Buon compleannoFa una grande impressione (diventa un’attrice lì – se vuole). Ci sono molti volti famosi da vedere. Tuttavia, questi volti familiari sono molto meglio di quanto meriti il ​​testo stantio e senza significato.

Lo sceneggiatore danese Kim Fupz Aakeson (che ha collaborato con Hans Petter Moland a un film non del tutto diverso)Pazzo di potereNel 2014) ha considerato “Welcome to Otmark” come un occidentale. La colonna sonora “twangy” sembra confermarlo.

Le persone sono rare: Tobias Santillman, Alma Gunther, Mary Blochus e Stege Henrik Hove si prendono una pausa da tutte queste sciocchezze a “Welcome to Outmark”. Foto: Agnete Brun / HBO Nordic

A quanto pare considera la Norvegia una sorta di avamposto della civiltà: un paese diverso negli ultimi tempi, abitato da “scimmie di montagna” che hanno più in comune con gli animali che con gli umani. Forse anche Fupz Aakeson pensa che qui ci sia molto umorismo “nero”. È possibile. Una cosa è certa: il volto sorridente di questo recensore non è stato afferrato, tirato o tirato.

“Welcome to the Utmark” avrebbe potuto essere stravagante e straordinariamente diverso se fosse successo 25 anni fa. Ma non è stato così. Nel 2021 sembra il liceo. E come ho detto: Kje-de-lig.

READ  Cortometraggio norvegese nominato all'Oscar - NRK Culture and Entertainment