Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Quando Dio lascia l’edificio – la nostra terra

Il Parlamento studentesco di NTNU chiuderà gli uffici studente-prete nel campus: quando non si può fare spazio per tutti, pensano che non si debba fare spazio per nessuno.

Allo stesso tempo, gli studenti di pastorale di Oslo possono segnalare un forte aumento delle conversazioni nella prima parte di quest’anno: è il gruppo “non” che sta crescendo di più, dice l’eminente studente pastore Lyebo, coloro che non appartengono a qualsiasi comunità religiosa o filosofica (VL 07.05).

È una cattiva idea svuotare le pubbliche piazze dell’esistenza della fede, della visione della vita, della preoccupazione esistenziale e della tristezza (ri) spirito. Invece, dovremmo lavorare per rendere l’offerta più equa.

Chiaramente, lo spazio vuoto sembra essere un’opzione più sicura dello spazio filosoficamente diverso.

Vorrei Irene Svartvasmo

Un luogo dove tutti possono riunirsi

NOU 2013-1 ci ha dato il termine “società aperta”. In tal modo, abbiamo ottenuto una direzione nella politica religiosa, filosofica, religiosa e laica allo stesso modo. Ma nel 1936, la madre di Haldis, Vesas, scrisse la poesia dell’altare, una visione di un luogo intorno al quale tutti potevano riunirsi: “Ecco l’altare del fine settimana per tutti coloro che vogliono pregare”.

Ho vissuto intorno a un altare come questo molte volte quando vivevo a San Francisco, in California. In una piccola chiesa della zona di Castro, ogni mercoledì si celebrava la preghiera serale. Non eravamo più di quanto tutti potessero mettere sul ring. Al centro sono raccolti vari elementi e simboli.

La croce, la figura del Buddha, Ganesha e il simbolo Yin-Yang condividevano lo spazio con molti altri personaggi. C’erano candele e le parole di preghiera erano conosciute e strane.

È stato bello essere lì. Ho ricordato le parole del poeta persiano Jalal al-Din al-Rumi: “Al di là del bene e del male c’è un facile. Ci vediamo lì”.

La stanza è vuota di significato

Qualche anno dopo, al Diakonjmet Hospital di Oslo, abbiamo iniziato a lavorare per creare una stanza tranquilla. Ispirati dalle idee dell’epoca, abbiamo voluto creare uno spazio filosoficamente aperto.

La chiesa dell’ospedale era ben stabilita nell’ospedale Al Shamasy, ma le sue restrizioni stanno diventando sempre più evidenti. Un ospedale che fornisce servizi sanitari uguali dovrebbe consentire una maggiore diversità di credenze e prospettive rispetto a quella che si troverebbe in una stanza della chiesa tradizionale.

L’endpoint primario del processo è una stanza tranquilla che non contiene segni religiosi, a parte una freccia nel soffitto che punta in direzione della Mecca. Gli oggetti religiosi sono nascosti in un armadio e l’idea è che un individuo possa creare lo spazio di cui ha bisogno in qualsiasi momento.

“Altrettanto valido” per tutti tende a “indifferente”. Ma è una sfida entusiasmante.

Vorrei Irene Svartvasmo

Questo è un modo popolare per creare una stanza della filosofia. L’architetto britannico Andrew Crompton ha studiato architettura e design di stanze tranquille in Europa e negli Stati Uniti. In un saggio sottotitolato “Dio lascia l’edificio”, scrive dell’architettura delle stanze tranquille in luoghi pubblici come scuole, ospedali e aeroporti.

Si chiede se quello che osserva in architettura si possa chiamare. Molte stanze sono state svuotate di significato. O in altre parole: si cercava di evitare di diventare significativo in modo offensivo. Chiaramente, lo spazio vuoto sembra essere un’opzione più sicura dello spazio filosoficamente diverso.

Una stanza per tutti o per nessuno?

Nel nuovo anno, ci siamo trasferiti dalla stanza che ospitava la chiesa dell’ospedale Diakungmt negli ultimi 50 anni. Con un po ‘di tristezza, abbiamo svuotato la stanza di tutto ciò che ne faceva una chiesa: le candele dell’altare, la Bibbia, la sfera di luce, l’altare.

Questi muri ci ricordano gioia, gratitudine, lutto, pianto, disperazione, speranza e riconciliazione. Alla fine portammo l’altare e la stanza rimase spoglia.

Il caso NTNU mostra che è importante continuare il dibattito sul ruolo del credo e della filosofia nella sfera pubblica.

Vorrei Irene Svartvasmo

In attesa di una soluzione definitiva, la cappella dell’ospedale è all’ingresso principale. È bello, visivo e invia un segnale. Riguarda le radici del sole, ma può anche essere considerato un riconoscimento che la fede e la visione della vita appartengono all’ospedale. Che queste diverse stanze, sia simboliche che materiali, custodiscano qualcosa di importante per la vita e la salute.

Tra due o tre anni sarà completata una nuova stanza d’ospedale. Non sappiamo ancora cosa sia quella stanza e come verrà chiamata. Possiamo avere una stanza per tutti? Una stanza con “… l’altare del fine settimana per tutti coloro che vogliono pregare”?

Le esperienze acquisite, sia internamente che esternamente, sembrano essere un processo impegnativo. Ciò che è disponibile per tutti tende ad essere nessuno, o chiunque lo usi di più.

“Altrettanto valido” per tutti tende ad essere “indifferente”. Ma è una sfida entusiasmante. Il caso NTNU dimostra che è importante continuare il dibattito sul ruolo del credo e della filosofia nella sfera pubblica.

READ  Il futuro si è svegliato?