lunedì, Luglio 15, 2024

Guerra in Ucraina e Russia | Invocazione al boicottaggio di Freya – qui sono stati sgomberati gli scaffali dei cioccolatini

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Dovrebbero ritirarsi completamente dalla Russia, come ha fatto la maggior parte degli altri. Vedo alcuni sostenere che non si può dire che stiano finanziando il genocidio in Ucraina, ma lo fanno. La Russia sta vivendo un’economia di guerra, dice Jørn Sund-Henriksen a Nettavisen.

È il presidente della Società degli amici ucraino-norvegese e parla per Mondelez International. L’azienda americana possiede sia il produttore di cioccolato norvegese Freia che il marchio svedese Marabou.

Per saperne di più: Inviti a boicottare il cioccolato di Freya: – Contribuisce alla macchina da guerra russa

Invito al boicottaggio di Freya

Dopo che la Russia ha lanciato una guerra di aggressione su larga scala contro l’Ucraina il 24 febbraio dello scorso anno, molte società occidentali si sono ritirate dalla Russia, il che ha provocato enormi perdite finanziarie. Mondelez ha rifiutato di farlo e ha continuato a fare affari come al solito. Ciò ha indotto molte persone a chiedere il boicottaggio dell’azienda.

– Non compro i prodotti Freia e spero che più persone aderiscano al boicottaggio, afferma Sund-Henriksen, che è anche editorialista di Nettavisen.

Per saperne di più: L’Ucraina inserisce nella lista nera la società immobiliare di Freya

È stato abbastanza

Il commerciante svedese Mats Kalla ne aveva abbastanza di Mondelez. Gestisce un negozio Ica a Umeå, in Svezia, e nei fine settimana ordina ai dipendenti del negozio di pulire gli scaffali da tutti i prodotti di Mondelez.

– Pagano le tasse allo stato russo. Kala dice a Netavisen che la guerra è durata 16 mesi e hanno avuto il tempo di ritirarsi.

Leggi anche: E l’esperto norvegese ha avvertito: – Spero che la Russia abbia un piano adesso

Oltre ai cioccolatini di Maribo, che è la risposta degli svedesi a Freya, ha perlustrato gli scaffali di Daim, crema di formaggio Philadelphia e Oboe, tra le altre cose. Spera che questo susciti reazioni ed è lieto che la misura stia riscuotendo interesse anche in Norvegia.

Sperando in un feedback

– Spero che ci sarà una reazione in tutta Europa. Non sosterremo la guerra di aggressione di Putin. È riprovevole che non si ritirino dalla Russia. Non voglio che nessuno in Russia mangi i nostri prodotti occidentali finché questa guerra va avanti, dice Kala a Netavisen.

READ  "Rapallo riposa sull'Europa"

Leggi anche

L’Ucraina accusa la Russia di aver fatto saltare un’importante diga

A Esprimere Kalla dice di aver deciso frettolosamente di attuare il boicottaggio alla fine della settimana. Come commerciante, lui stesso sente le conseguenze della guerra mentre i prezzi degli acquisti e dell’energia aumentano.

– I prezzi sono saliti così in alto che non ho alcuna possibilità di aumentare così tanto il prezzo di vendita. Poi mi sento incredibilmente frustrato dal fatto che dobbiamo vendere merci da Mondelez, che continua a vendere merci in Russia, dice Kalla.

Incoraggia i consumatori norvegesi a controllare l’imballaggio dei prodotti che acquistano ea vedere se il produttore è ancora sul mercato russo.

potere del consumatore

I consumatori lo controllano, non i commercianti. Hai sempre la possibilità di scegliere un produttore che non venda la merce in Russia, dice Calla.

Non è la prima volta che il commerciante svedese fa notizia in Norvegia. Nel 2008 ha smesso del tutto di vendere sigarette.

Leggi anche

E l’esperto norvegese ha avvertito: – Spero che la Russia abbia un piano adesso

Il 1 giugno sono passati 15 anni da quando abbiamo smesso di vendere sigarette. Ci sto perdendo soldi, ma devi essere onesto e difendere ciò in cui credi. Non ho calcolato quanto potrei perdere interrompendo la vendita dei prodotti Mondelez, ma si tratta di porre fine alla guerra in Ucraina, dice Calla, aggiungendo di aver ricevuto molti feedback positivi dopo aver pulito gli scaffali dei prodotti Mondelez .

Decidono i commercianti

Gabriela Olzon è addetta stampa per Ica Gruppen in Svezia e scrive in una e-mail a Nettavisen che i rivenditori stessi decidono il proprio assortimento.

– Ica Central ha rimosso tutti i prodotti di fabbricazione russa dalla formazione Central un anno fa. Secondo Mondelez, i prodotti per il mercato svedese non vengono prodotti in Russia, come scrivi.

READ  Questo lavoro è solitamente sospeso da Hannah Riggen in una sala. Ora sta andando allo spettacolo

Leggi anche

Cattura di un ufficiale russo: – Tipico di Putin

Chiudi il dialogo

Nettavisen ha posto diverse domande all’ufficio stampa di Mondelez. Scrivono di chiarire che i prodotti venduti nei paesi nordici non sono fabbricati in Russia e che non vendono nemmeno prodotti fabbricati nei paesi nordici alla Russia.

– All’inizio della guerra, molti dei nostri clienti hanno deciso di non vendere marchi Made in Russia, ma hanno continuato a vendere i nostri prodotti perché non sono realizzati in Russia. Rispettiamo i nostri clienti e abbiamo un dialogo stretto con loro in questa situazione complessa, che non è unica per noi di Mondelez, scrive la società.

Non rispondono a domande dirette sul fatto che considerino giustificate le critiche all’azienda.

Leggi anche

F16 stragrande maggioranza: – Una tragedia se vince Putin

Le affermazioni della Russia non corrispondono ai numeri

Nettavisen ha scritto in precedenza che, secondo la Kyiv School of Economics, Mondelez ha pagato 1,9 miliardi di corone norvegesi alla Russia lo scorso anno, mentre dal 2021 al 2022 le sue entrate nel paese sono aumentate da 10,1 a 14,6 miliardi di corone norvegesi. Allo stesso tempo, nel febbraio di quest’anno, hanno annunciato di aver contribuito con 130 milioni di corone norvegesi per sostenere l’Ucraina. La ricercatrice post-dottorato Uliana Gottlieb definisce il contributo “piccolo denaro”.

Leggi anche

È così che Putin è costretto a fare una scelta “impossibile”.

– Nello stesso momento in cui la corporazione contribuisce con miliardi di tasse agli omicidi, fornisce miserie alle vittime, tuona Gottlieb a Netavisen, cosa che chiama “ipocrisia”.

– Per quanto riguarda gli 1,9 miliardi di SEK pagati in tasse, ti consiglio di controllare questa cifra (citata dal sito web di KSE senza una fonte per come viene calcolata). Puoi leggere di più sulle nostre posizioni su Il nostro sostegno all’Ucrainache riassume ciò che stiamo facendo per sostenere l’Ucraina e la nostra posizione generale nei confronti della Russia.

READ  Ocean Hunter: schiaccia Tesla a distanza

Mondelez afferma a Nettavisen che i numeri non sono corretti, ma non ha risposto alla nostra domanda su quali numeri siano corretti in questo caso. Né hanno risposto alla loro opinione sull’appello al boicottaggio.

Leggi anche

I russi non hanno notificato alla Norvegia l’esercitazione nel Mare di Barents: – Segue da vicino l’attività

In conversazione con Mondelez

Nettavisen ha chiesto a Norgesgruppen, Coop e Rema se avrebbero permesso ai loro droghieri di rimuovere le merci da Mondelez dagli scaffali dei negozi. Ovviamente, tutti e tre non vendono prodotti di fabbricazione russa.

– Le cooperative possiedono i nostri negozi e si assumono la responsabilità individuale nei confronti dei gestori dei negozi e dei dipendenti dei negozi. Per quanto ne so, questo non è stato un problema, e dove ci riferiamo alle raccomandazioni fatte dalle autorità, il direttore della comunicazione di Coop, Harald Christiansen, ha scritto in una e-mail a Nettavisen.

Leggi anche

Guerra su Twitter tra Musk e Medvedev

Aggiunge che la stessa Mondelez deve rispondere a come vogliono affrontare il loro rapporto con la Russia.

– Rema 1000 ha ascoltato la discussione ed è in dialogo con il nostro fornitore Mondelez su questo argomento. All’inizio del 2022, abbiamo rivisto l’intera gamma e rimosso gli articoli realizzati in Russia o con materie prime russe. Line Aarnes in Rema ha scritto, tramite un consulente, che stiamo rispettando e rispetteremo tutte le sanzioni norvegesi in ogni momento. Aarnes è il responsabile della categoria e degli acquisti.

Kine Søyland, direttore delle comunicazioni di Norgesgruppen, scrive in un SMS a Nettavisen che i commercianti che non vogliono vendere i prodotti Mondelez non sono un problema attuale nella catena alimentare.

Leggi anche

Confusione totale: l’Ucraina afferma di andare avanti

More articles

Latest article